La tempestività del ricorso in opposizione a cartella esattoriale per il mancato pagamento di contributi previdenziali deve essere accertata d’ufficio

Cassazione civile, sez. lavoro, 16 maggio 2007, n. 11274

La tempestività del ricorso in opposizione a cartella esattoriale per il mancato pagamento di contributi previdenziali deve essere accertata d’ufficio

Riferimenti

La tempestività del ricorso in opposizione a cartella esattoriale per il mancato pagamento di contributi previdenziali deve essere accertata d’ufficio dal giudice.

«L’accertamento della tempestività dell’opposizione, con riguardo all’osservanza del termine prescritto dal del D.L. 26 febbraio 1999, n. 46, art. 24, comma 5, in quanto involge la verifica di un presupposto processuale quale la proponibilità della domanda, è un compito che il giudice deve assolvere a prescindere dalla sollecitazione delle parti, conseguendo dal mancato rilievo della eventuale carenza di quel presupposto la stessa nullità della sentenza – rilevabile d’ufficio in ogni stato e grado del processo, in ragione del difetto di potestas judicandi derivante dalla preclusione dell’azione giudiziale (cfr. Cass., Sezioni unite, n. 3176 del 1984; con riferimento al processo previdenziale, applicabile nella specie ai sensi del sesto comma dell’art. 24 cit., cfr. Cass. n. 13331 del 2001; n. 3947 del 2002)».

Shares

Chiedi una consulenza legale su questo argomento