Legge 13 giugno 1942, n. 794

Onorari di avvocato e di Procuratore per prestazioni giudiziali in materia civile.

(Gazz. Uff., 23 luglio 1942, n. 172)

onorari avvocato prestazioni giudizialiNORME GENERALI


Titolo I
ONORARI DI AVVOCATO


Art. 1 - Onorari dovuti agli avvocati
Agli avvocati, oltre al rimborso delle spese giustificate, sono dovuti, per le prestazioni giudiziali in materia civile ed equiparate, gli onorari stabiliti dalla presente legge e dalla tabella A ad essa allegata.


Art. 2 - Onere del pagamento
Gli onorari sono sempre dovuti dal cliente all’avvocato anche quando non sono stati posti dal giudice a carico del soccombente.


Art. 3 - Onorari a carico della parte soccombente
Gli onorari a carico della parte soccombente sono liquidati tenendo conto della natura e del valore della controversia, del numero e dell’importanza delle questioni trattate, del grado dell’autorità adita, con speciale riguardo all’attività dall’avvocato personalmente svolta davanti al giudice.


Art. 4 - Poteri del giudice nella liquidazione a carico della parte soccombente
Nelle cause di straordinaria importanza per le questioni giuridiche trattate il giudice può liquidare, a carico della parte soccombente, gli onorari fino al doppio dei massimi stabiliti.
Nelle cause di particolare semplicità gli onorari possono essere ridotti fino alla metà dei minimi.
Gli onorari di avvocato non possono essere esclusi tranne che nelle cause davanti al conciliatore ed in quelle di cui all’art. 449 del codice di procedura civile.


Art. 5 - Onorari a carico del cliente
Nella liquidazione degli onorari a carico del cliente, oltre che dei criteri enunciati nell’art. 3, si tiene conto del pregio dell’opera prestata e dell’esito della causa.


Art. 6 - Pluralità di avvocati in causa
Se più avvocati sono incaricati della difesa, ciascuno di essi ha diritto, nei confronti del cliente, agli onorari per l’opera prestata.
Dalla parte soccombente sono dovuti, però, gli onorari per un solo avvocato.


Art. 7 - Cause non giunte a compimento
Per le cause iniziate ma non compiute ovvero nel caso di revoca della procedura o di rinuncia alla stessa il cliente deve all’avvocato gli onorari corrispondenti all’opera prestata.


Art. 8 - Definizione delle cause per conciliazione
Nelle cause definite mediante conciliazione in qualunque fase del giudizio il giudice liquida un onorario globale sulla base dello studio e dell’impostazione della causa, dell’assistenza alle udienze e della collaborazione prestata ai fini della conciliazione.
L’onorario globale non può, in ogni caso, essere inferiore al totale degli onorari minimali stabiliti nel paragrafo della tabella da applicare.


Art. 9 - Determinazione del valore delle cause
Il valore delle cause si determina a norma del codice di procedura civile.
Le cause di valore indeterminabili si considerano di valore eccedente le L. 500.000 ma non i cinque milioni di lire, salvo che le cause stesse siano di straordinaria importanza per le questioni giuridiche trattate; in tale caso il giudice può liquidare onorari maggiori, nei limiti previsti dal paragrafo III della tabella A
Nei giudizi in cui sono fatte valere azioni surrogatorie o revocatorie si tiene conto dell’entità economica della regione creditoria che si vuole tutelare.
Nei giudizi di divisione si tiene conto del valore delle quote o dei supplementi di quote in contestazione.
Nelle cause aventi per oggetto pagamento di somme o liquidazione di danni si ha riguardo, per la liquidazione degli onorari a carico della parte soccombente, alla somma attribuita alla parte vincitrice piuttosto che a quella domandata.


Art. 10 - Cause in materia corporativa
Per le cause in primo grado in materia di controversie individuali di lavoro, quando il valore non supera le L. 20.000, sono dovuti dal cliente all’avvocato gli onorari nella misura stabilita al paragrafo II della tabella B .
Per le cause in grado di appello nella stessa materia sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti al Tribunale od alla Corte di appello a seconda che trattisi di appello da sentenza del Pretore o del Tribunale.
Per le cause in grado di appello in materia di previdenza ed assistenza obbligatoria, quando il valore della causa non supera le L. 100.000, sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti al tribunale .
Per le cause concernenti controversie collettive sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti alla Corte d’appello.


Art. 11 - Cause davanti a giudici speciali
Per le cause davanti a Giunte o davanti a collegi per la liquidazione di indennità di espropriazione e simili e per quelle davanti alle Commissioni di secondo grado in materia tributaria sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti alla Corte d’appello.
Per le cause davanti ai commissari per la liquidazione degli usi civici, davanti ai Consigli di Prefettura in tema di responsabilità contabile, davanti alla Giunta provinciale amministrativa e davanti alle Commissioni di primo grado in materia tributaria sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti al Tribunale.
Per le cause davanti a giudici speciali, la competenza dei quali per ragione di valore non eccede quella del Pretore, sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti al Pretore.


Art. 12 - Cause davanti agli arbitri
Per le cause davanti agli arbitri sono dovuti gli onorari stabiliti per le cause davanti ai giudici onorari o speciali che sarebbero competenti a conoscere della controversia.


Art. 13 - Procedimenti speciali
Gli onorari per i procedimenti in Camera di consiglio o davanti al giudice tutelare ed in genere per i procedimenti non contenziosi sono liquidati tenendo conto dell’opera occorsa per lo studio degli atti e per la compilazione del ricorso e di qualunque scritto esplicativo dello stesso.


Art. 14 - Trasferte
All’avvocato che, per ragioni della sua professione, deve trasferirsi fuori della propria residenza sono dovuti dal cliente, oltre gli onorari per le prestazioni compiute, una indennità per ogni giornata, o frazione di giornata, da L. 2000 a L. 5000 ed il rimborso della spesa di viaggio. Quando la trasferta ha luogo entro il circondario l’indennità è ridotta di un terzo .
Se per il viaggio può farsi uso di mezzi di trasporto distinti in classi è dovuto l’importo del biglietto di prima classe.


Titolo II
ONORARI E DIRITTI DI PROCURATORE


Art. 15 - Onorari e diritti dovuti ai Procuratori
Ai Procuratori, oltre al rimborso delle spese giustificate, sono dovuti, per le prestazioni giudiziali in materia civile ed equiparate, gli onorari ed i diritti stabiliti dalla presente legge e dalla tabella B ad essa allegata.


Art. 16 - Onere del pagamento
Gli onorari ed i diritti sono sempre dovuti dal cliente al Procuratore anche quando non sono stati posti dal giudice a carico del soccombente.


Art. 17 - Misura degli onorari quando non vi è avvocato in causa o l’onorario di avvocato è escluso
Quando non vi è avvocato in causa, o quando l’onorario di avvocato non viene posto dal giudice a carico del soccombente a norma dell’art. 449 del codice di procedura civile, gli onorari ed i diritti sono raddoppiati relativamente alle prestazioni di cui ai numeri 1, 2, 9, 19 e 29 della tabella B.


Art. 18 - Misura degli onorari per il Procuratore-avvocato
Quando il Procuratore esercita nella causa anche le funzioni di avvocato gli sono dovuti, oltre gli onorari di avvocato, gli onorari ed i diritti di cui alla tabella B tranne quelli di cui ai numeri 1, 9, 15 e 19.


Art. 19 - Aumento degli onorari secondo il valore della causa
Gli onorari ed i diritti determinati dalla tabella B si riferiscono a cause di valore non superiore alle lire 150.000 .
Essi sono aumentati di un terzo quando il valore della causa supera le L. 150.000;
del doppio quando supera le L. 500.000;
del triplo quando supera 1.000.000 di lire;
del quadruplo quando supera 2.000.000 di lire .
Il valore delle cause si determina a norma dell’art. 9, anche per le cause di valore indeterminabile le quali si considerano di valore eccedente le lire 500.000 ma non i 5.000.000 di lire .
Nei procedimenti esecutivi si ha riguardo al credito della parte nel cui interesse vengono compiuti i relativi atti o alla somma da distribuire se essa è minore.


Art. 20 - Riduzione degli onorari e dei diritti per le cause in materia corporativa
Per le cause di controversie individuali di lavoro, il valore delle quali non supera le L. 20.000, gli onorari ed i diritti sono ridotti ad un quarto; per quelle il cui valore è compreso fra le L. 20.000 e le L. 100.000 gli onorari sono ridotti alla metà.


Art. 21 - Onorari e diritti dovuti ai non iscritti nell’albo dei Procuratori o nel registro dei praticanti
Gli onorari ed i diritti sono ridotti di un terzo per coloro che, senza essere iscritti nell’albo dei Procuratori o nel registro dei praticanti Procuratori, sono ammessi ad esercitare il patrocinio davanti ai Pretori ed ai giudici conciliatori.


Art. 22 - Vacazioni
Le vacazioni dei procuratori sono di un’ora ciascuna e il diritto per ognuna di esse è di L. 150. La frazione di un’ora si calcola per un’ora intera .
Non sono ammesse più di quattro vacazioni al giorno per la stessa causa o per lo stesso affare.
Gli atti ed i verbali, in relazione ai quali è dovuto il diritto di vacazione, indicano l’ora di apertura e di chiusura di essi. In difetto di tali indicazioni è dovuto il diritto per una sola vacazione.


Documento aggiornato al 06.09.2008

Scarica il testo integrale di:
Legge 13 giugno 1942, n. 794

Iscrizione Newsletter