Nemo institutus, et sibi substitutus sine, e causae mutatione, quicquam profici.

Nemo institutus, et sibi substitutus sine, e causae mutatione, quicquam profici.

Nessuno può essere istituito erede, sostituto a se stesso, senza un motivo per la variazione.

622
0.00 - 0 voti

Nessuno può essere istituito erede, sostituto a se stesso, senza un motivo per la variazione.