Calcolo danno non patrimoniale secondo Tabelle Tribunale di Roma

Calcolo danno tabelle tribunale romaCalcolo del risarcimento del danno non patrimoniale per lesioni all’integrità psico-fisica secondo le Tabelle elaborate dal Tribunale di Roma per l’anno 2014. Il calcolatore determina il risarcimento per invalidità permanente e temporanea, assoluta o parziale.

Calcolo risarcimento danno tabelle del Tribunale di Roma

Lesioni macropermanenti
Danno da invalidità temporanea

Le tabelle di Roma per l’anno 2014, così come quelle dell’anno precedente, si limitano alla sola rivalutazione per adeguamento al maggior costo della vita. Confermati per il resto i criteri per la liquidazione del danno non patrimoniale per lesioni all’integrità psico-fisica adottati fin dal 2011, con la previsione di un aumento in misura percentuale del danno biologico liquidato quale parametro di riferimento per rispondere alle esigenze di personalizzazione del risarcimento.
Quanto alla liquidazione dell’ulteriore danno non patrimoniale, accordabile quando il fatto sia astrattamente configurabile come reato, quando sia la legge stessa a prevedere il ristoro limitatamente si soli interessi della persona che il legislatore ha inteso tutelare attraverso la norma attributiva del diritto; quando il fatto illecito abbia violato in modo grave diritti inviolabili della persona, come tali oggetto di tutela costituzionale.
Il meccanismo individuato non determina la attribuzione di un risarcimento proporzionale al danno alla salute ma stabilisce un parametro di riferimento generale al fine di consentire un’adeguato esercizio del potere equitativo di determinazione dell’importo.
Sono state stabilite delle fascie di dieci punti di danno biologico (0-10%; 10-20%; 20-30%, fino al 100%) per ciascuna delle quali è stabilita una percentuale di incremento del risarcimento da aggiungere per la liquidazione dell’ulteriore danno non patrimoniale, qualora ne ricorrano le condizioni, che parte da un 10% in più (rispetto ai punti base), e cresce poi del 5% scalando ognuna delle 10 fasce, fino a raggiungere il 60%, per le invalidità che vanno da + 90 a + 100%. Il sistema prevede anche un margine di discrezionalità per il giudice pari a + o - 50% di questo incremento base.
Tale valutazione del danno non patrimoniale non si sostituisce alla possibile personalizzazione operata dal giudice né non vuole determinare l’attribuzione di un risarcimento proporzionale al danno alla salute, bensì la previsione di un parametro di riferimento generale al fine di consentire un adeguato esercizio del potere equitativo di determinazione dell’importo da liquidare a titolo di ulteriore danno non patrimoniale. La personalizzazione del danno -ovvero lo scostamento nella liquidazione del danno biologico rispetto a quanto previsto dalle tabelle -opera solo nel caso di situazioni che non possono ritenersi rientrare nella media.

Tabella per la liquidazione dell’ulteriore danno non patrimoniale
Scaglioni danno biologico% base danno non patrimonialeRange maggiorazione applicabile
Fino a 10%15%Da + 7,5% a + 22,5%
Da 10% a 20%20%Da + 10% a + 30%
Da 20% a 30%25%Da + 12,5% a + 37,5%
Da 30% a 40%30%Da + 15% a + 45%
Da 40% a 50%35%Da + 17,5% a + 52,5%
Da 50% a 60%40%Da + 20% a + 60%
Da 60% a 70%45%Da + 22,5% a + 67,5%
Da 70% a 80%50%Da + 25% a + 75%
Da 80% a 90%55%Da + 27,5% a + 82,5%
Da 90% a 100%60%Da + 30% a + 90%

Scarica le Tabelle del Tribunale di Roma dal 2010 al 2014

Il calcolo del danno secondo le Tabelle di Roma sul tuo sito?

Copia e incolla il codice sottostante nella tua pagina web: