TRIBUNALE CIVILE DI ______

Atto di pignoramento immobiliare

Per
La Banca _______________, con sede legale in ______________ alla via ___________ (c.f. e p. iva __________ ), nella persona del  legale rappresentante pro tempore, ______________, nato a ______________ il ______________ (c.f. ______________), rappresentata e difesa dall’avv. ______________ del foro di ___________ (c.f. ______________), presso il cui studio sito in __________________ è elettivamente domiciliata e che dichiara di voler ricevere le comunicazioni di cancelleria al seguente indirizzo PEC ______________ ovvero al numero di fax ______________, il tutto come meglio risulta da procura speciale apposta in calce all’atto di precetto notificato il ______________

Creditrice

Contro
La ______________ s.r.l., avente sede legale in __________, Via ______________, (c.f. e p.iva ______________) in persona del  legale rappresentate Dott.  ______________  (C.F. ___________)

Debitrice

PREMESSO

  • Che in data ____________, a seguito di ricorso proposto dalla Banca ________________ (R.G. n. __/______), veniva emesso dal Tribunale di ______________ decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo n. __/______ nei confronti della ___________ s.r.l.
  • Che in forza di tale decreto la ______________ s.r.l. veniva condannata a pagare nei confronti della creditrice Banca __________  la somma di € ___________oltre interessi come da domanda nei limiti del tasso soglia e con esclusione di capitalizzazione periodica.
  • Che in data_________ veniva rilasciate dalla cancelleria civile del Tribunale di ________ numero due copie spedite in formula esecutiva del ricorso e pedissequo decreto ingiuntivo n. __/___ ed esatti diritti di copia per € ____.
  • Che la Banca creditrice assolveva altresì all’onere di versare l’imposta di registro dovuta in relazione al suddetto decreto ingiuntivo e ciò per la somma di € _______
  • Che dei suddetti oneri, degli interessi maturati medio tempore, delle competenze e delle spese legali liquidate in decreto ingiuntivo veniva effettuato dettagliato conteggio nell’atto di precetto, per cui veniva intimato il pagamento della somma complessiva di € __________, oltre agli interessi ulteriormente maturati sino alla data dell’effettivo soddisfo, alle spese di notifica del precetto medesimo ed alle altre successive eventuali occorrende.
  • Che l’atto di precetto, unitamente al titolo esecutivo, venivano notificati alla debitrice _____________ s.r.l. presso la sede legale di ___________________ in data _____________ mediante consegna nelle mani del legale rappresentante Dott._________

CONSIDERATO

Che è inutilmente trascorso il termine di dieci giorni dalla notifica del precetto senza che sia avvenuto il pagamento delle somme dovute.
Tanto premesso e considerato la parte creditrice, Banca ___________come in epigrafe rappresentata e difesa,

DICHIARA

Che intende sottoporre a pignoramento i seguenti immobili di proprietà (1000/1000) della ______________s.r.l. avente sede legale in ___________________, c.f. e p.iva _________

  1.  Unità immobiliare sita in ________, Via ____________ n. _____, piano __ interno __ identificata in catasto urbano al Foglio __, particella ____, subalterno __ categoria ___ di superficie catastale di mq _;
  2. Unità immobiliare sita in ________, Via ____________ n. _____, piano __ interno __ identificata in catasto urbano al Foglio __, particella ____, subalterno __ categoria ___ di superficie catastale di mq _;

Con espressa avvertenza che il pignoramento si estende a tutte le pertinenze, accessori, accessioni nonché ai frutti degli immobili sopra descritti.
Dichiarazione di valore ai fini del versamento del contributo unificato.
Il sottoscritto avv. ____________ ai sensi dell’art. 14 del D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 dichiara che il valore del presente procedimento è pari ad € ___________ e che l’importo del contributo unificato dovuto in misura fissa per l’esecuzione immobiliare è pari ad € ______.
Comunicazioni di cancelleria
Le comunicazioni di cancelleria potranno essere inoltrate al seguente indirizzo di posta elettronica certificata ____________  oppure al seguente numero di fax ___________.
Luogo e data
Avv. ___________

 

PIGNORMANENTO, INGIUNZIONE E RELATA DI NOTIFICAZIONE
Ad istanza come in atti, tutto quanto sopra premesso, io sottoscritto Ufficiale Giudiziario addetto all’Ufficio N. e P. del Tribunale di ___________,

VISTI

  • il decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo n. ____/_______ emesso dal Tribunale di ______________ in data ________________;
  • l’atto di precetto, con cui veniva intimato il pagamento della somma di € 628.001,07 oltre interessi, spese e successive occorrende, notificato alla debitrice ___________________ s.r.l. presso la sede legale ____________________ in data ____________  mediante consegna nelle mani del legale rappresentante Dott._______________.

SOTTOPONGO A PIGNORMANETO

Tutti gli immobili sopra descritti di proprietà della debitrice __________________

INGIUNGO

Alla _____________________ s.r.l. di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito per cui si procede, gli immobili sopra descritti ed i frutti di essi.
Contestualmente

AVVERTO

La debitrice medesima che:
A norma dell’articolo 615, 2 comma, terzo periodo, c.p.c. l’opposizione è inammissibile se è proposta dopo che è stata disposta la vendita o l’assegnazione a norma degli articoli 530, 552 e 569, salvo che sia fondata su fatti sopravvenuti ovvero che l’opponente dimostri di non aver potuto proporla tempestivamente per causa a lui non imputabile.
Ai sensi dell’art. 495 c.p.c., può chiedere di sostituire alle cose pignorate una somma di denaro pari all’importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti, comprensivo di capitale, degli interessi e delle spese oltre alle spese di esecuzione, sempre che, a pena di inammissibilità, sia depositata in Cancelleria prima che sia disposta la vendita o l’assegnazione a norma degli art. 530, 522, e 569 c.p.c., la relativa istanza unitamente ad una somma non inferiore ad un quinto dell’importo del credito per cui è stato eseguito il pignoramento e dei crediti dei creditori intervenuti indicati nei rispettivi atti di intervento, dedotti i versamenti effettuati di cui deve essere data prova documentale.
Inoltre

INVITO

la debitrice, ai sensi dell’art. 492 c.p.c., ad effettuare presso la Cancelleria del Giudice dell’esecuzione la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio in uno dei comuni del circondario in cui ha sede il Giudice competente per l’esecuzione con l’avvertimento che, in mancanza, ovvero in caso di irreperibilità presso la residenza dichiarata o il domicilio eletto, le successive notifiche o comunicazioni a lui dirette saranno effettuate presso la Cancelleria dello stesso Giudice.
Infine

NOTIFICO

Copia del presente atto di pignoramento immobiliare a:
____________________ s.r.l., avente sede legale in _________, Via _________________ (c.f. e p.iva ____________) in persona dell’ amministratore e legale rappresentate Dott._______________ mediante consegna a mani di________________

Atto di pignoramento immobiliare

2342
4.12 / 5 - 79 voti