Gli avvocati non iscritti alla Cassa Forense devono iscriversi alla gestione separata INPS

Cassazione civile, sez. lavoro, 8 febbraio 2019, n. 3799

492
5.00 - 1 voto

Gli avvocati non iscritti alla Cassa Forense devono iscriversi alla gestione separata INPS. Il versamento del contributo integrativo alla Cassa Forense non conferendo diritto a prestazioni previdenziali non esclude detto obbligo.

Sussiste l’obbligo di iscrizione alla Gestione Separata presso l’INPS per gli avvocati non iscritti obbligatoriamente alla Cassa di previdenza forense alla quale hanno versato esclusivamente un contributo integrativo, in quanto iscritti all’albo professionale.
L’obbligo di cui all’art. 2, comma 26, legge n. 335/1995 di iscrizione alla Gestione Separata INPS è rivolto a chiunque percepisca un reddito derivante dall’esercizio abituale (anche se non esclusivo) ma anche occasionale (entro il limite monetario indicato nell’art. 44, comma 2, d.l. n. 269/2003) di un’attività professionale per la quale è prevista l’iscrizione ad un albo o ad un elenco, anche se il medesimo soggetto svolge anche altre diverse attività, per cui risulta già iscritto ad altra gestione.
L’unica forma di contribuzione obbligatoriamente versata che può inibire la forza espansiva della norma di chiusura contenuta nella legge n. 335 del 1995, art. 2, comma 26, come chiarita dal D.L. n. 98 del 2011, art. 18, comma 12, non può che essere quella correlata ad un obbligo di iscrizione ad una gestione di categoria, in applicazione del divieto di duplicazione delle coperture assicurative incidenti sulla medesima attività professionale.
La contribuzione integrativa, in quanto non correlata all’obbligo di iscrizione alla cassa professionale, non attribuisce al lavoratore una copertura assicurativa per gli eventi della vecchiaia, dell’invalidità e della morte in favore dei superstiti per cui non può essere rilevante ai fini di escludere l’obbligo di iscrizione alla Gestione separata presso l’INPS.

Testo integrale della sentenza: Cassazione civile, sez. lavoro, 8 febbraio 2019, n. 3799