I cittadini europei iscritti nelle liste elettorali aggiunte possono essere identificati da un documento di identità estero

Consiglio di Stato, sez. V, 30 agosto 2011 n. 4863

951
4.12 - 153 voti
I cittadini europei iscritti nelle liste elettorali aggiunte possono essere identificati da un documento di identità estero

I cittadini europei iscritti nelle liste elettorali aggiunte possono essere identificati da un documento di identità estero

A norma dell’art. 1 del d.lgs. 197/96 i cittadini europei residenti in Italia che intendano partecipare alle elezioni per il rinnovo degli organi del comune e della circoscrizione in cui sono residenti, devono presentare al sindaco domanda di iscrizione in apposita lista elettorale aggiunta.
Una volta ammessi al voto nelle apposite liste elettorali aggiunte presso i seggi elettorali possono essere validamente identificati anche con un documento di identità rilasciato da un’autorità straniera se sprovvisti di documento italiano.
Tanto ha affermato il Consiglio di Stato nella sentenza in commento evidenziando come la sopra citata normativa non individui alcuna specificità in ordine alla documentazione dell’identità dei soggetti da ammettere al voto, per cui vi è, al riguardo, piena libertà di forme, purché, naturalmente, il documento possa individuare con la necessaria esattezza il soggetto.
D’altro canto è assai probabile che tale elettore sia sprovvisto di un documento di riconoscimento rilasciato in Italia, trattandosi, nella gran parte dei casi, di persone ancora da poco tempo presenti nel nostro territorio.
In ogni caso non può ignorarsi che i titoli di riconoscimento rilasciati dai rispettivi paesi di origine, documenti validi per la libera circolazione nell’ambito dell’Unione europea, come tali assumono necessariamente e conseguentemente validità per l’identificazione del soggetto titolare degli stessi.

Testo integrale della sentenza: Consiglio di Stato, sez. V, 30 agosto 2011 n. 4863