Divieto di animali domestici in condominio: la modifica del regolamento deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.

Cassazione civile, sez. II, 15 Febbraio 2011, n. 3705

Divieto di animali domestici in condominio: la modifica del regolamento deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.

Riferimenti

Divieto di animali domestici in condominio: la modifica del regolamento condominiale deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.

Le clausole del regolamento condominiale che impongono limitazioni ai poteri e alle facoltà spettanti ai condomini sulle parti di loro esclusiva proprietà incidono sui diritti dei condomini, venendo a costituire su queste ultime una servitù reciproca (Cass. 13164/2001).
Ne consegue che tali disposizioni hanno natura contrattuale, in quanto vanno approvate e possono essere modificate con il consenso unanime dei comproprietari, dovendo necessariamente rinvenirsi nella volontà dei singoli la fonte giustificatrice di atti dispositivi incidenti nella loro sfera giuridica. Tali disposizioni certamente esorbitano dalle attribuzioni dell’assemblea, alla quale è conferito il potere regolamentare di gestione della cosa comune, provvedendo a disciplinarne l’uso e il godimento.
Ciò posto, il divieto di tenere negli appartamenti i comuni animali domestici non può essere contenuto negli ordinari regolamenti condominiali, approvati dalla maggioranza dei partecipanti, non potendo detti regolamenti importare limitazioni delle facoltà comprese nel diritto di proprietà dei condomini sulle porzioni del fabbricato appartenenti ad essi individualmente in esclusiva (12028/1993).

Chiedi una consulenza legale su questo argomento