Il funerale di un congiunto legittima l’impedimento del difensore a comparire in udienza.

Cassazione penale, sez. VI, 22 agosto 2012, n. 32949

Il funerale di un congiunto legittima l’impedimento del difensore a comparire in udienza.

Riferimenti

La Corte di cassazione ha affermato che l’assoluta impossibilità del difensore di comparire in udienza, nei casi in cui la sua presenza sia prevista dalla legge, può essere ascrivibile anche a situazioni gravi sotto il profilo umano e morale, in presenza delle quali il difensore, come ogni altro prestatore d’opera, ha il diritto di essere giustificato per l’assenza dal luogo ove la prestazione deve essere eseguita. (Nella specie, era stato negato al difensore il rinvio dell’udienza per consentirgli di partecipare al funerale della sorella, che si celebrava a circa 100 km di distanza dalla Corte di appello).

Chiedi una consulenza legale su questo argomento

Massima tratta da: Massimario della Corte di Cassazione

Articoli correlati