La modifica delle condizioni di separazione e divorzio non è immediatamente esecutiva.

Cassazione civile, sez. I, 27 aprile 2011, n. 9373

La modifica delle condizioni di separazione e divorzio non è immediatamente esecutiva.

Riferimenti

Il provvedimento di modifica delle condizioni di separazione e divorzio non è immediatamente esecutivo:  allo scopo è necessaria l’apposizione di una clausola di esecutorietà.
Tanto deriva dal combinato disposto degli artt. 737 c.p.c. – per cui i provvedimenti che debbono essere pronunciati in Camera di consiglio hanno forma di decreto motivato – e 741 c.p.c. – per cui i decreti acquistano efficacia quando sono decorsi i termini per la proposizione del reclamo e l’efficacia immediata è concessa solo qualora vi siano ragioni d’urgenza.
Peraltro gli ermellini osservano come, a fronte di una generalizzata esecutorietà delle sentenze di primo grado, tale carattere del decreto modificativo delle condizioni di separazione/divorzio appaia quale un residuo affatto eccezionale, in una materia come quella familiare che richiede tempestività e snellezza operativa.

Chiedi una consulenza legale su questo argomento

Leggi il testo completo della sentenza: Cassazione civile, sez. I, 27 aprile 2011, n. 9373