Il nipote ha diritto al risarcimento per la morte del nonno in un sinistro

Cassazione civile sez. III, 7 dicembre 2017, n. 29332

115
5.00 - 1 voto
Il nipote ha diritto al risarcimento per la morte del nonno in un sinistro

Il legame tra nonno e nipote, in quanto giuridicamente rilevante, consente di presumere che il nipote possa subire un pregiudizio non patrimoniale per la morte del nonno anche in difetto di convivenza, fatta salva la necessità di provare l’effettività e la consistenza della relazione parentale ai fini della liquidazione del danno.

La Suprema Corte con la sentenza n. 21230/2016 ha sancito il principio secondo cui, in caso di domanda di risarcimento del danno non patrimoniale “da uccisione”, proposta iure proprio dai congiunti dell’ucciso, questi ultimi devono provare la effettività e la consistenza della relazione parentale.
A tale fine  il rapporto di convivenza non assurge a connotato minimo di esistenza, ma può costituire elemento probatorio utile a dimostrarne l’ampiezza e la profondità, e ciò anche ove l’azione sia proposta dal nipote per la perdita del nonno.
Infatti, non essendo condivisibile limitare la “società naturale”, cui fa riferimento l’art. 29 della Costituzione, all’ambito ristretto della sola cosiddetta “famiglia nucleare”, il rapporto nonni-nipoti non può essere ancorato alla convivenza, per essere ritenuto giuridicamente qualificato e rilevante, escludendo automaticamente, nel caso di non sussistenza della stessa, la possibilità per tali congiunti di provare in concreto l’esistenza di rapporti costanti di reciproco affetto e solidarietà con il familiare defunto” (Cass. n. 21230/2016)
Deve dunque ritenersi che anche il legame parentale fra nonno e nipote consenta di presumere che il secondo subisca un pregiudizio non patrimoniale in conseguenza della morte del primo (per la perdita della relazione con una figura di riferimento e dei correlati rapporti di affetto e di solidarietà familiare) e ciò anche in difetto di un rapporto di convivenza, fatta salva, ovviamente, la necessità di considerare l’effettività e la consistenza della relazione parentale ai fini della liquidazione del danno.

Vedi anche: Calcolo del risarcimento danno per perdita parentale

Testo integrale della sentenza: Cassazione civile sez. III, 7 dicembre 2017, n. 29332