Patrocinio a spese dello Stato: si può dichiarare reddito zero

Cassazione penale, sez. IV, 5 dicembre 2017, n. 10406

566
5.00 - 1 voto
Patrocinio a spese dello Stato: si può dichiarare reddito zero

Patrocinio a spese dello Stato: il giudice non può escludere chi nell’istanza abbia dichiarato reddito zero.

La totale assenza di redditi, sebbene costituisca una situazione non comune,è certamente possibile ed, anzi osserva la Suprema Corte, rappresenta la più grave delle situazioni tutelate dalla normativa che assicura la difesa dei non abbienti.
Ai fini dell’ammissibilità al gratuito patrocinio l’autocertificazione dell’istante ha valenza probatoria e il giudice non può entrare nel merito della medesima per valutarne l’attendibilità, dovendosi limitare alla verifica dei redditi esposti e concedere in base ad essi il beneficio, il quale potrà essere revocato solo a seguito dell’analisi negativa effettuata dall’ufficio finanziario, cui il giudice deve trasmettere copia dell’istanza con l’autocertificazione e la documentazione allegata. (Sez. 4, n. 53356 del 27/09/2016 – dep. 15/12/2016, Tilenni Scaglione, Rv. 2686201).

Precisa inoltre la S.C. che la dimostrazione di non avere alcun reddito non può essere assolta che attraverso la presentazione dell’autodichiarazione, risolvendosi altrimenti in una prova negativa il cui onere non può, di per sè, essere imposto al richiedente, perché ciò renderebbe troppo difficile il riconoscimento del diritto, implicando la sostanziale disapplicazione della normativa proprio nell’ipotesi di maggior fondatezza dell’istanza
Ne deriva che il rigetto dell’istanza di ammissione al gratuito patrocinio fondata sulla mera affermazione secondo la quale l’autodichiarazione dell’assenza di reddito è di per sé un potenziale inganno, viola le disposizioni di cui alla lettera c) dell’art. 79 d.P.R. 115/2002, anche avuto riguardo all’esercizio dei poteri di accertamento assicurati al giudice dell’ammissione ed a quello di opposizione al rigetto.

Testo integrale della sentenza: Cassazione penale, sez. IV, 5 dicembre 2017, n. 10406