Trasmissione agli eredi del danno erariale

Cassazione civile, sez. III, 29 novembre 2018, n. 30856

66
5.00 - 1 voto
Trasmissione agli eredi del danno erariale

Ai fini della trasmissione agli eredi dell’obbligazione risarcitoria da danno erariale occorre che sia stato accertato un illecito arricchimento da parte del dipendente pubblico.

Come osservato dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 19280 del 2018, che a sua volta richiama il principio di diritto sancito, sempre a SS.UU., nella sentenza n. 4332 del 2008, in tema di responsabilità amministrativa, anche quando il debito risarcitorio del pubblico dipendente sia stato accertato dal giudice contabile con sentenza passata in iudicato, la trasmissibilità agli eredi si verifica soltanto nei casi in cui il fatto illecito abbia non soltanto arrecato un danno all’erario, ma anche procurato al dante causa, autore dello stesso, un illecito arricchimento, il che richiede che tale presupposto – così come il conseguente indebito arricchimento degli eredi – sia stato accertato nel giudizio dinanzi al giudice contabile.

Testo integrale della sentenza: Cassazione civile, sez. III, 29 novembre 2018, n. 30856