Il mancanto avvertimento della possibilità di conversione non determina la nullità dell’atto di pignoramento.

649

«In tema di espropriazione forzata, la mancanza dell’avvertimento di cui all’art. 492, comma terzo, c.p.c. non determina la nullità dell’atto di pignoramento, in quanto l’interesse del debitore a venire informato delle modalità e del termine per avanzare un’utile istanza di conversione può essere soddisfatto altrimenti nel corso della procedura esecutiva, purché prima che venga disposta la vendita o l’assegnazione a norma degli articoli 530, 552 e 569 c.p.c. In mancanza, il provvedimento che tale vendita o assegnazione disponga è opponibile ai sensi e nei termini dell’art. 617 c.p.c.»