Divieto di reformatio in peius e valutazione delle circostanze attenuanti/aggravanti nel giudizio d’appello.

Cassazione penale, sez. unite, 18 aprile 2013, n. 33752

348
0.00 - 0 voti

«Il giudice di appello, pur dopo avere escluso una circostanza aggravante o riconosciuto una ulteriore circostanza attenuante in accoglimento dei motivi proposti dall’imputato, può, senza incorrere nella violazione del divieto di reformatio in peius, confermare la pena applicata in primo grado, ribadendo il giudizio di equivalenza tra le circostanze purché esso sia accompagnato da adeguata motivazione».