Gratuito patrocinio per stranieri extra UE: è sufficiente l’autocertificazione dei redditi prodotti all’estero.

Cassazione penale sez. IV, 8 febbraio 2018, n. 8617

105
5.00 / 5 - 1 voto
 Gratuito patrocinio per stranieri extra UE: è sufficiente l’autocertificazione dei redditi prodotti all’estero.

Gratuito patrocinio per stranieri extra UE: è sufficiente l’autocertificazione dei redditi prodotti all’estero in assenza della dichiarazione consolare.

In tema di patrocinio a spese dello Stato l’art. 79 del DPR 115/2002 prevede quanto segue: “Per i redditi prodotti all’estero, il cittadino di Stati non appartenenti all’Unione Europea correda l’istanza con una certificazione dell’autorità consolare competente, che attesta la veridicità di quanto in essa indicato.”
Il successivo art. 94, comma 2del TU Spese di Giustizia, consente tuttavia, in caso di impossibilità a produrre la dichiarazione consolare, di sostituire alla dichiarazione consolare una dichiarazione sostitutiva dell’istante: “In caso di impossibilità a produrre la documentazione richiesta ai sensi dell’art. 79, comma 2, il cittadino di Stati non appartenenti all’Unione Europea, la sostituisce, a pena di inammissibilità, con una dichiarazione sostitutiva di certificazione”.
L’impossibilità di produrre l’attestazione consolare relativa ai redditi prodotti all’estero non deve tuttavia essere intesa in senso assoluto giacché la sua dimostrazione comporterebbe una prova di per sé incompatibile con un procedimento teso ad assicurare la difesa al non abbiente, finendo per coincidere o con l’esplicito immotivato rifiuto o con l’assenza di possibili contatti con il paese di origine, ricorrente per esempio nell’ipotesi del rifugiato politico.
La domanda di ammissione al patrocinio a spese dello Stato può quindi essere validamente presentata munita dell’autocertificazione di cui all’articolo 94 dopo un tempo congruo per ottenere dall’autorità consolare la documentazione richiesta senza che questa abbia nel frattempo provveduto.

Testo integrale della sentenza:

Cassazione penale sez. IV, 8 febbraio 2018, n. 8617