Le piattaforme petrolifere sono soggette ad ICI.

715

«Le piattaforme petrolifere sono soggette ad ICI e sono classificabili nella cat. D/7, stante la riconducibilità delle stesse al concetto di immobile ai fini civili e fiscali, alla loro suscettibilità di accatastamento ed a produrre un reddito proprio in quanto la redditività deve essere riferita allo svolgimento di attività imprenditoriale-industriale e non alla diretta produzione di un reddito da parte della struttura.
In altri termini: l’imposta colpisce il valore dell’immobile, utilizzato per la produzione del reddito, ma non il reddito, che è oggetto di altre imposte.
Occorre, tuttavia, individuare i criteri per la determinazione della base imponibile del tributo.
L’art. 5, comma 1, d.lgs. n. 504/92 prevede che la base imponibile dell’imposta è il valore degli immobili e nel caso di fabbricati dotati di rendita, il comma 2, prevede che la base imponibile è commisurata alle “rendite risultanti in catasto”, determinando i moltiplicatori di legge.
Il comma 3 del d.lgs. n. 504/92 indica i criteri per la quantificazione della base imponibile per i fabbricati non iscritti in catasto, prevedendo, nel caso in cui l’immobile sia sprovvisto di rendita: “per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D, non iscritti in catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati fino all’anno nel quale i medesimi sono iscritti in catasto con attribuzione di rendita, il valore è determinato … secondo i criteri stabiliti nel penultimo periodo del comma 3 dell’alt. 6 del d.l.  11 luglio 1992, n. 333”, cioè in base al valore costituito dall’ammontare, al lordo delle quote di ammortamento, che risulta dalle scritture contabili (c.d. metodo stratificato).
Quindi, in mancanza di rendita catastale, la base imponibile delle piattaforme, classificabili nella cat. D/7, è costituita dal valore di bilancio, secondo i criteri stabiliti nel penultimo periodo del comma 3 dell’art. 6 del decreto legge 11 luglio 1992,n. 333, cioè in base al valore costituito dall’ammontare, al lordo delle quote di ammortamento, che risulta dalle scritture contabili».