Impugnazione dell’ordinanza di rigetto della richiesta di messa alla prova.

Cassazione penale, sez. unite, 29 luglio 2016, n. 33216

479
4.12 / 5 - 60 voti

L’ordinanza di rigetto della richiesta di messa alla prova non è immediatamente impugnabile in Cassazione, ma è appellabile unitamente alla sentenza di primo grado.

Risolvendo un contrasto interpretativo insorto sulla possibilità, o meno, di ricorrere autonomamente ed immediatamente per cassazione avverso il diniego di sospensione del procedimento con messa alla prova, le Sezioni Unite hanno affermato che L’ordinanza con cui il giudice del dibattimento rigetta la richiesta di messa alla prova non è immediatamente impugnabile, ma è appellabile unitamente alla sentenza di primo grado, ai sensi dell’art. 586 cod. proc. pen., in quanto l’art. 464-quater, comma 7, cod. proc. pen., nel prevedere il ricorso per cassazione, si riferisce unicamente al provvedimento con cui il giudice, in accoglimento della richiesta dell’imputato, abbia disposto la sospensione del procedimento con la messa alla prova.

Testo integrale della sentenza:

Cassazione penale, sez. unite, 29 luglio 2016, n. 33216