Omicidio volontario: incostituzionale la norma che impone il carcere quale unica misura cautelare.

Corte Costituzionale, 12 maggio 2011, n. 164

697
0.00 - 0 voti

«È illegittima la disposizione dell’articolo 275, comma 3, secondo e terzo periodo, del codice di procedura penale, come modificato dall’articolo 2 del Dl 23 febbraio 2009 n. 11 […] nella parte in cui – nel prevedere che, quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di cui all’articolo 575 del codice penale (omicidio), è applicata la custodia cautelare in carcere, salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari – non fa salva, altresì, l’ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure».

Testo integrale della sentenza:

Corte Costituzionale, 12 maggio 2011, n. 164