Notifica della cartella esattoriale a mezzo raccomandata ricevuta dal portiere

Cassazione civile, sez. II, 24 ottobre 2017, n. 25219

548
4.12 / 5 - 79 voti
 Notifica della cartella esattoriale a mezzo raccomandata ricevuta dal portiere

La notifica della cartella esattoriale a mezzo raccomandata ricevuta dal portiere è valida e non richiede l’emissione della cosiddetta CAN (comunicazione di avvenuta notifica) a norma dell’art. 139, 4 comma c.p.c.

La cartella esattoriale può essere notificata, ai sensi del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, art. 29, anche direttamente da parte del concessionario mediante raccomandata con avviso di ricevimento, nel qual caso trovano applicazione le norme concernenti il servizio postale ordinario e non quelle della L. n. 890 del 1982.
Attesa la diversa modalità di notifica, essa si ha per avvenuta alla data indicata nell’avviso di ricevimento sottoscritto dal ricevente o dal consegnatario (nella fattispecie il portiere), senza necessità di redigere un’apposita relata di notifica.
Tale soluzione risponde al disposto di cui al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, art. 26, che prescrive l’onere per l’esattore di conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione di notifica o l’avviso di ricevimento, in ragione della forma di notificazione prescelta (Cass. n. 16949 del 24/07/2014)
Deve quindi ritenersi correttamente effettuata la notifica della cartella esattoriale nelle mani del portiere dello stabile anche senza l’invio di una seconda raccomandata a norma dell’art. 139 c.p.c. per cui il portiere o il vicino deve sottoscrivere l’originale e l’ufficiale giudiziario deve dare notizia al destinatario dell’avvenuta notificazione dell’atto a mezzo di lettera raccomandata.(Cass. n. 12083 del 13/06/2016)

Testo integrale della sentenza:

Cassazione civile, sez. II, 24 ottobre 2017, n. 25219