Patrocinio a spese dello Stato: le false dichiarazioni costituiscono reato

Cassazione penale, sez. unite, 16 febbraio 2009, n. 6591

881
4.13 / 5 - 79 voti
 Patrocinio a spese dello Stato: le false dichiarazioni costituiscono reato

Patrocinio a spese dello Stato: le false dichiarazioni costituiscono comunque reato, a prescindere dalla effettiva sussistenza delle condizioni per l’ammissione.

L’art. 95 del Testo Unico delle Spese in materia di Giustizia (DPR 115/2002) sanziona penalmente, con la reclusione e la multa, la falsità o le omissioni nella dichiarazione sostitutiva di certificazione, nelle dichiarazioni, nelle indicazioni e nelle comunicazioni previste dall’articolo 79 a corredo dell’istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato. La norma di che trattasi prevede altresì un aumento di pena se dal fatto consegua effettivamente l’ottenimento o il mantenimento dell’ammissione al patrocinio.
Non sfugge tuttavia alla sanzione penale la condotta di chi, pur avendo rilasciato dichiarazioni false o lacunose in ordine alle proprie effettive condizioni reddituali, avrebbe comunque potuto fruire del beneficio del patrocinio a spese dello Stato, a fronte di un reddito successivamente accertato inferiore alla soglia prevista dalla legge.
Il reato di cui all’art. 95 del DPR 115/2002 è infatti reato di pericolo giacché rilevano l’inganno, anche solo potenziale, e l’offesa alla pubblica fede mentre la previsione dell’evento di danno – ovvero l’effettivo conseguimento del beneficio – è previsto dal legislatore come mera aggravante.
La fattispecie criminosa si configura dunque ogni qualvolta “…non rispondono al vero o sono omessi in tutto o in parte dati di fatto nella dichiarazione sostitutiva, ed in qualsiasi dovuta comunicazione contestuale o consecutiva, che implichino un provvedimento del magistrato, secondo parametri dettati dalla legge, indipendentemente dalla effettiva sussistenza delle condizioni previste per l’ammissione al beneficio”

Testo integrale della sentenza:

Cassazione penale, sez. unite, 16 febbraio 2009, n. 6591