Passaporto del minore: il rilascio, chiesto da un genitore è sempre subordianto alla valutazione dell’interesse del minore.

Cassazione civile, sez. I, 5 febbraio 2013, n. 2696

458
5.00 / 5 - 1 voto

L’autorizzazione al rilascio del passaporto al minore, su richiesta di un genitore, senza l’assenso ( se non, come nella specie, contro la volontà dell’altro coniuge) non può considerarsi provvedimento vincolato, a fronte di un diritto soggettivo non soggetto a limiti.
Né è ravvisabile il carattere di definitività e decisorietà nel provvedimento emesso dal tribunale, in esito a reclamo avverso il decreto del giudice tutelare che abbia concesso, o negato, l’autorizzazione all’iscrizione richiesta. Si tratta, infatti, di un provvedimento di volontaria giurisdizione, volto non già a dirimere in via definitiva un conflitto tra diritti soggettivi dei genitori del minore, bensì a valutare la corrispondenza del mancato assenso di uno di loro all’interesse del figlio: e dunque, espressivo di una forma gestoria dell’interesse del minore, come tale non soggetto a ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’art. 111 della Costituzione (Cass., sez. I, 14 maggio 2010, n. 11.771).
L’autorizzazione al rilascio del passaporto al minore è subordinata alla valutazione dell’interesse del minore, così come ogni altro provvedimento ordinario attinente all’affidamento dei figli minori, assunto in sede di separazione personale dei coniugi, di cui, del resto, costituisce un aspetto rilevante, data la sua strumentalità alla disciplina dei tempi e modi di permanenza presso ciascuno dei genitori.
Neppure vi sono ragioni per mutare indirizzo giurisprudenziale alla luce della disciplina vigente introdotta dall’art. 10, quinto comma, lettera C) del decreto-legge 13 maggio 2011 n. 70, convertito con modificazioni in legge 12 luglio 2011 n.106 (Prime disposizioni urgenti per l’economia), che non ha contraddetto, sotto il profilo teleologico, la disciplina previgente.

Testo integrale della sentenza:

Cassazione civile, sez. I, 5 febbraio 2013, n. 2696