Sentenza civile collegiale senza una firma: nullità sanabile

Cassazione civile, sez. unite, 20 maggio 2014, n. 11021

983
4.12 - 79 voti
 Sentenza civile collegiale senza una firma: nullità sanabile

Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui la sentenza collegiale del giudice civile priva di una delle due sottoscrizioni (del presidente del collegio ovvero del relatore) è affetta da nullità sanabile ai sensi dell’art. 161, primo comma, cod. proc. civ., trattandosi di sottoscrizione insufficiente e non mancante.
Un’interpretazione che sancisse la nullità assoluta della sentenza priva di una delle due sottoscrizioni sarebbe un formidabile vulnus alla ragionevole durata del processo ma,al tempo stesso, sarebbe una ferita aperta allo stesso principio del giusto processo, perché si annullerebbe una sentenza conforme al giusto processo (a meno che ovviamente non vi siano altri vizi: ma questa è prospettiva che non ci riguarda).
La distinzione tra mancanza e insufficienza della sottoscrizione schiva tutti questi inconvenienti e ripristina la razionalità del sistema: non si può rispondere a quello che è – secondo criteri di normalità – un banale errore di dimenticanza con una reazione così spropositata come la nullità assoluta.
Occorre una rispondenza logica – cioè una proporzione – tra azione e reazione: all’errore per dimenticanza si reagisce col meccanismo della nullità sanabile, cioè del primo comma dell’art. 161 c.p.c.
La nullità c’è perché la fattispecie processuale concreta non è conforme al tipo normativo in quanto un elemento strutturale di essa – pur essendoci- è difettoso.
Ma si tratta di un vizio emendabile, nel senso che la mancata proposizione del motivo di impugnazione dà luogo ad una fattispecie processuale alternativa -normativamente prevista dall’art. 161 comma 1 c.p.c. – equipollente a quella tipica ed idonea al raggiungimento dello scopo.

Massima tratta da: Massimario della Corte di Cassazione

Testo integrale della sentenza:

Cassazione civile, sez. unite, 20 maggio 2014, n. 11021