Servitù di passaggio: il proprietario del fondo servente è soggetto a responsabilità oggettiva ex art. 2051 cod. civ.

Cassazione civile, sez. II, 12 ottobre 2012, n. 17492

860
4.12 / 5 - 0 voti
 Servitù di passaggio: il proprietario del fondo servente è soggetto a responsabilità oggettiva ex art. 2051 cod. civ.

In tema di servitù di passaggio la Corte ha precisato che il proprietario del fondo servente resta soggetto alla responsabilità oggettiva ex art. 2051 c.c. in quanto detta azione di responsabilità è esperibile solo nei confronti del custode del bene e tale non è il titolare della servitù di passaggio.
L’esistenza di una servitù di passaggio non attribuisce al proprietario del fondo dominante la custodia della parte del fondo servente sul quale è esercitata la servitù (strada e suoi accessori), la quale non è sottratta, dall’esistenza della detta servitù, alla disponibilità e custodia del proprietario del fondo servente.
Neppure la previsione dell’art. 1069 cod. civ. relativa alla ripartizione dei costi – tra proprietario del fondo dominante e del fondo servente – per la manutenzione e la realizzazione delle opere funzionali all’esercizio della servitù consente di sottrarre il proprietario del fondo servente da detta responsabilità.

Testo integrale della sentenza:

Cassazione civile, sez. II, 12 ottobre 2012, n. 17492