Soggetti legittimati a richiedere la sanatoria edilizia.

TAR Campania Napoli, sez. VIII, 14 gennaio 2011, n. 196

831
0.00 / 5 - 0 voti

«Titolo legittimante alla richiesta della sanatoria edilizia non è solo la proprietà degli immobili oggetto dei lavori: in linea con la giurisprudenza del superiore giudice amministrativo, il Tribunale rileva che potenziale responsabile dell’abuso può essere non solo il proprietario o altro soggetto che vanti, sull’area, un diritto reale o obbligatorio, ma anche, ad esempio, il titolare o altro responsabile dell’impresa realizzatrice dei lavori, come altri soggetti che, in relazione al loro rapporto privilegiato con il bene, abbiano avuto la possibilità di realizzare l’abuso, così assumendosene la responsabilità.
(Ex pluris, L’istanza di sanatoria di opera abusiva può essere presentata dall’autore dell’abuso anche se non proprietario dell’immobile: Consiglio Stato, sez. V, 23 novembre 2006, n. 6906; “Ai sensi dell’art. 31 comma 3, l. n. 47 del 1985 – applicabile per il richiamo effettuato dall’art. 39 comma 1, l. n. 724 del 1994 alle disposizioni dei capi IV e V della l. n. 47 del 1985 – alla richiesta di sanatoria e agli adempimenti relativi possono provvedere, non solo “coloro che hanno titolo, ai sensi della l. 28 gennaio 1977 n. 10, a richiedere la concessione edilizia o l’autorizzazione”, ma anche, “salvo rivalsa nei confronti del proprietario, ogni altro soggetto interessato al conseguimento della sanatoria medesima”: Consiglio Stato, sez. VI, 27 giugno 2008, n. 3282)».