DL 32/2019 Sblocca cantieri

Decreto legge 18 aprile 2019, n. 32

Sblocca cantieri

(Gazz. Uff., 18 aprile 2019, n. 92)

1015
4.79 / 5 - 79 voti
 DL 32/2019 Sblocca cantieri

Decreto legge 18 aprile 2019, n. 32 – Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l’accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici. (Sblocca cantieri).

Decreto convertito, con modificazioni dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55

CAPO I
Norme in materia di contratti pubblici, di accelerazione degli interventi infrastrutturali, e di rigenerazione urbana

Articolo 1
Modifiche al codice dei contratti pubblici e sospensione sperimentale dell’efficacia di disposizioni in materia di appalti pubblici e in materia di economia circolare (1)
1. Al fine di rilanciare gli investimenti pubblici e di facilitare l’apertura dei cantieri per la realizzazione delle opere pubbliche, per le procedure per le quali i bandi o gli avvisi con cui si indice la procedura di scelta del contraente siano pubblicati successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto, nonche’, in caso di contratti senza pubblicazione di bandi o di avvisi, per le procedure in relazione alle quali, alla data di entrata in vigore del presente decreto, non siano ancora stati inviati gli inviti a presentare le offerte, nelle more della riforma complessiva del settore e comunque nel rispetto dei principi e delle norme sancite dall’Unione europea, in particolare delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, fino al 31 dicembre 2020, non trovano applicazione, a titolo sperimentale, le seguenti norme del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50:
a) articolo 37, comma 4, per i comuni non capoluogo di provincia, quanto all’obbligo di avvalersi delle modalita’ ivi indicate;
b) articolo 59, comma 1, quarto periodo, nella parte in cui resta vietato il ricorso all’affidamento congiunto della progettazione e dell’esecuzione di lavori;
c) articolo 77, comma 3, quanto all’obbligo di scegliere i commissari tra gli esperti iscritti all’Albo istituito presso l’Autorita’ nazionale anticorruzione (ANAC) di cui all’articolo 78, fermo restando l’obbligo di individuare i commissari secondo regole di competenza e trasparenza, preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante.
2. Entro il 30 novembre 2020 il Governo presenta alle Camere una relazione sugli effetti della sospensione per gli anni 2019 e 2020, al fine di consentire al Parlamento di valutare l’opportunita’ del mantenimento o meno della sospensione stessa.
3. Fino al 31 dicembre 2020 si applica anche ai settori ordinari la norma prevista dall’articolo 133, comma 8, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, per i settori speciali.
4. Per gli anni 2019 e 2020 i soggetti attuatori di opere per le quali deve essere realizzata la progettazione possono avviare le relative procedure di affidamento anche in caso di disponibilita’ di finanziamenti limitati alle sole attivita’ di progettazione. Le opere la cui progettazione e’ stata realizzata ai sensi del periodo precedente sono considerate prioritariamente ai fini dell’assegnazione dei finanziamenti per la loro realizzazione.
5. I soggetti attuatori di opere sono autorizzati ad avviare le procedure di affidamento della progettazione o dell’esecuzione dei lavori nelle more dell’erogazione delle risorse assegnate agli stessi e finalizzate all’opera con provvedimento legislativo o amministrativo.
6. Per gli anni 2019 e 2020, i contratti di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, ad esclusione degli interventi di manutenzione straordinaria che prevedono il rinnovo o la sostituzione di parti strutturali delle opere o di impianti, possono essere affidati, nel rispetto delle procedure di scelta del contraente previste dal decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, sulla base del progetto definitivo costituito almeno da una relazione generale, dall’elenco dei prezzi unitari delle lavorazioni previste, dal computo metrico-estimativo, dal piano di sicurezza e di coordinamento con l’individuazione analitica dei costi della sicurezza da non assoggettare a ribasso. L’esecuzione dei predetti lavori puo’ prescindere dall’avvenuta redazione e approvazione del progetto esecutivo.
7. Fino al 31 dicembre 2020, i limiti di importo di cui all’articolo 215, comma 3, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, per l’espressione del parere obbligatorio del Consiglio superiore dei lavori pubblici, anche ai fini dell’eventuale esercizio delle competenze alternative e dei casi di particolare rilevanza e complessita’, sono elevati da 50 a 75 milioni di euro. Per importi inferiori a 75 milioni di euro il parere e’ espresso dai comitati tecnici amministrativi presso i provveditorati interregionali per le opere pubbliche.
8. Fino alla data di cui al comma 7 il termine di cui all’articolo 215, comma 5, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, per l’espressione del parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici, e’ ridotto a quarantacinque giorni dalla trasmissione del progetto.
9. Il Consiglio superiore dei lavori pubblici, in sede di espressione di parere, fornisce anche la valutazione di congruita’ del costo. Le amministrazioni, in sede di approvazione dei progetti definitivi o di assegnazione delle risorse, indipendentemente dal valore del progetto, possono richiedere al Consiglio la valutazione di congruita’ del costo, che e’ resa entro trenta giorni. Decorso il detto termine, le amministrazioni richiedenti possono comunque procedere.
10. Fino al 31 dicembre 2020, possono essere oggetto di riserva anche gli aspetti progettuali che sono stati oggetto di verifica ai sensi dell’articolo 25 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, con conseguente estensione dell’ambito di applicazione dell’accordo bonario di cui all’articolo 205 del medesimo decreto legislativo.
11. Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, al fine di prevenire controversie relative all’esecuzione del contratto le parti possono convenire che prima dell’avvio dell’esecuzione, o comunque non oltre novanta giorni da tale data, sia costituito un collegio consultivo tecnico con funzioni di assistenza per la rapida risoluzione delle controversie di ogni natura suscettibili di insorgere nel corso dell’esecuzione del contratto stesso.
12. Il collegio consultivo tecnico e’ formato da tre membri dotati di esperienza e qualificazione professionale adeguata alla tipologia dell’opera. I componenti del collegio possono essere scelti dalle parti di comune accordo, ovvero le parti possono concordare che ciascuna di esse nomini un componente e che il terzo componente sia scelto dai due componenti di nomina di parte; in ogni caso, tutti i componenti devono essere approvati dalle parti. Il collegio consultivo tecnico si intende costituito al momento della sottoscrizione dell’accordo da parte dei componenti designati e delle parti contrattuali. All’atto della costituzione e’ fornita al collegio consultivo copia dell’intera documentazione inerente al contratto.
13. Nel caso in cui insorgano controversie, il collegio consultivo puo’ procedere all’ascolto informale delle parti per favorire la rapida risoluzione delle controversie eventualmente insorte. Puo’ altresi’ convocare le parti per consentire l’esposizione in contraddittorio delle rispettive ragioni. L’eventuale accordo delle parti che accolga la proposta di soluzione indicata dal collegio consultivo non ha natura transattiva, salva diversa volonta’ delle parti stesse.
14. Il collegio consultivo tecnico e’ sciolto al termine dell’esecuzione del contratto o in data anteriore su accordo delle parti.
15. Per gli anni 2019 e 2020, per gli interventi di cui all’articolo 216, comma 1-bis, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, le varianti da apportare al progetto definitivo approvato dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), sia in sede di redazione del progetto esecutivo sia in fase di realizzazione delle opere, sono approvate esclusivamente dal soggetto aggiudicatore qualora non superino del 50 per cento il valore del progetto approvato; in caso contrario sono approvate dal CIPE.
16. All’articolo 86 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, dopo il comma 2 e’ inserito il seguente:
“2-bis. Ai soli fini della prova dell’assenza dei motivi di esclusione di cui all’articolo 80 in capo all’operatore economico che partecipa alla procedura, ai soggetti di cui l’operatore economico si avvale ai sensi dell’articolo 89 nonche’ ai subappaltatori, i certificati e gli altri documenti hanno una durata pari a sei mesi dalla data del rilascio. Fatta eccezione per il DURC, la stazione appaltante, per i certificati e documenti gia’ acquisiti e scaduti da non oltre sessanta giorni e qualora sia pendente il procedimento di acquisto, puo’ procedere alla verifica dell’assenza dei motivi di esclusione con richiesta diretta agli enti certificatori di eventuale conferma del contenuto dell’attestazione gia’ rilasciata. Gli enti certificatori provvedono a fornire riscontro entro trenta giorni dalla richiesta. Decorso tale termine il contenuto dei certificati e degli altri documenti si intende confermato. I certificati e gli altri documenti in corso di validita’ possono essere utilizzati nell’ambito di diversi procedimenti di acquisto”.
17. All’articolo 36 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, il comma 6-bis e’ sostituito dai seguenti:
“6-bis. Ai fini dell’ammissione e della permanenza degli operatori economici nei mercati elettronici di cui al comma 6, il soggetto responsabile dell’ammissione verifica l’assenza dei motivi di esclusione di cui all’articolo 80 su un campione significativo di operatori economici. Dalla data di entrata in vigore del decreto di cui all’articolo 81, comma 2, tale verifica e’ effettuata attraverso la Banca dati nazionale degli operatori economici di cui all’articolo 81, anche mediante interoperabilita’ fra sistemi. I soggetti responsabili dell’ammissione possono consentire l’accesso ai propri sistemi agli operatori economici per la consultazione dei dati, certificati e informazioni disponibili mediante la Banca dati di cui all’articolo 81 per la predisposizione della domanda di ammissione e di permanenza nei mercati elettronici.
6-ter. Nelle procedure di affidamento effettuate nell’ambito dei mercati elettronici di cui al comma 6, la stazione appaltante verifica esclusivamente il possesso da parte dell’aggiudicatario dei requisiti economici e finanziari e tecnico-professionali, ferma restando la verifica del possesso dei requisiti generali effettuata dalla stazione appaltante qualora il soggetto aggiudicatario non rientri tra gli operatori economici verificati a campione ai sensi del comma 6-bis”.
18. Nelle more di una complessiva revisione del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, fino al 31 dicembre 2020, in deroga all’articolo 105, comma 2, del medesimo codice, fatto salvo quanto previsto dal comma 5 del medesimo articolo 105, il subappalto e’ indicato dalle stazioni appaltanti nel bando di gara e non puo’ superare la quota del 40 per cento dell’importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture. Fino alla medesima data di cui al periodo precedente, sono altresi’ sospese l’applicazione del comma 6 dell’articolo 105 e del terzo periodo del comma 2 dell’articolo 174, nonche’ le verifiche in sede di gara, di cui all’articolo 80 del medesimo codice, riferite al subappaltatore.
19. Al fine di perseguire l’efficacia dell’economia circolare, il comma 3 dell’articolo 184-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e’ sostituito dal seguente:
“3. Nelle more dell’adozione di uno o piu’ decreti di cui al comma 2, continuano ad applicarsi, quanto alle procedure semplificate per il recupero dei rifiuti, le disposizioni di cui al decreto del Ministro dell’ambiente 5 febbraio 1998, pubblicato nel supplemento ordinario n. 72 alla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 16 aprile 1998, e ai regolamenti di cui ai decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio 12 giugno 2002, n. 161, e 17 novembre 2005, n. 269. Le autorizzazioni di cui agli articoli 208, 209 e 211 e di cui al titolo III-bis della parte seconda del presente decreto per il recupero dei rifiuti sono concesse dalle autorita’ competenti sulla base dei criteri indicati nell’allegato 1, suballegato 1, al citato decreto 5 febbraio 1998, nell’allegato 1, suballegato 1, al citato regolamento di cui al decreto 12 giugno 2002, n. 161, e nell’allegato 1 al citato regolamento di cui al decreto 17 novembre 2005, n. 269, per i parametri ivi indicati relativi a tipologia, provenienza e caratteristiche dei rifiuti, attivita’ di recupero e caratteristiche di quanto ottenuto da tale attivita’. Tali autorizzazioni individuano le condizioni e le prescrizioni necessarie per garantire l’attuazione dei principi di cui all’articolo 178 del presente decreto per quanto riguarda le quantita’ di rifiuti ammissibili nell’impianto e da sottoporre alle operazioni di recupero. Con decreto non avente natura regolamentare del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare possono essere emanate linee guida per l’uniforme applicazione della presente disposizione sul territorio nazionale, con particolare riferimento alle verifiche sui rifiuti in ingresso nell’impianto in cui si svolgono tali operazioni e ai controlli da effettuare sugli oggetti e sulle sostanze che ne costituiscono il risultato, e tenendo comunque conto dei valori limite per le sostanze inquinanti e di tutti i possibili effetti negativi sull’ambiente e sulla salute umana. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del decreto di cui al precedente periodo, i titolari delle autorizzazioni rilasciate successivamente alla data di entrata in vigore della presente disposizione presentano alle autorita’ competenti apposita istanza di aggiornamento ai criteri generali definiti dalle linee guida”.
20. Al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’articolo 23:
1) al comma 3:
1.1) al primo periodo, le parole: “Con decreto del Ministro delle infrastrutture e trasporti, su proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministro dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,”;
1.2) al secondo e al terzo periodo, la parola: “decreto”, ovunque ricorre, e’ sostituita dalla seguente: “regolamento”;
2) il comma 5 e’ sostituito dal seguente:
“5. Il progetto di fattibilita’ tecnica ed economica individua, tra piu’ soluzioni, quella che presenta il miglior rapporto tra costi e benefici per la collettivita’, in relazione alle specifiche esigenze da soddisfare e prestazioni da fornire. Per i lavori pubblici di importo pari o superiore alla soglia di cui all’articolo 35 anche ai fini della programmazione di cui all’articolo 21, comma 3, nonche’ per l’espletamento delle procedure di dibattito pubblico di cui all’articolo 22 e per i concorsi di progettazione e di idee di cui all’articolo 152, il progetto di fattibilita’ e’ preceduto dal documento di fattibilita’ delle alternative progettuali di cui all’articolo 3, comma 1, lettera ggggg-quater), nel rispetto dei contenuti di cui al regolamento previsto dal comma 3 del presente articolo. Resta ferma la facolta’ della stazione appaltante di richiedere la redazione del documento di fattibilita’ delle alternative progettuali anche per lavori pubblici di importo inferiore alla soglia di cui all’articolo 35. Nel progetto di fattibilita’ tecnica ed economica, il progettista sviluppa, nel rispetto del quadro esigenziale, tutte le indagini e gli studi necessari per la definizione degli aspetti di cui al comma 1, nonche’ gli elaborati grafici per l’individuazione delle caratteristiche dimensionali, volumetriche, tipologiche, funzionali e tecnologiche dei lavori da realizzare e le relative stime economiche, secondo le modalita’ previste nel regolamento di cui al comma 3, ivi compresa la scelta in merito alla possibile suddivisione in lotti funzionali. Il progetto di fattibilita’ tecnica ed economica deve consentire, ove necessario, l’avvio della procedura espropriativa”;
3) al comma 6:
3.1) dopo le parole: “paesaggistiche ed urbanistiche,” sono inserite le seguenti: “di verifiche relative alla possibilita’ del riuso del patrimonio immobiliare esistente e della rigenerazione delle aree dismesse,”;
3.2) le parole: “di studi preliminari sull’impatto ambientale” sono sostituite dalle seguenti: “di studi di fattibilita’ ambientale e paesaggistica”;
3.3) le parole: “le esigenze di compensazioni e di mitigazione dell’impatto ambientale” sono sostituite dalle seguenti: “la descrizione delle misure di compensazioni e di mitigazione dell’impatto ambientale”;
4) dopo il comma 11 sono inseriti i seguenti:
“11-bis. Tra le spese tecniche da prevedere nel quadro economico di ciascun intervento sono comprese le spese di carattere strumentale sostenute dalle amministrazioni aggiudicatrici in relazione all’intervento.
11-ter. Le spese strumentali, incluse quelle per sopralluoghi, riguardanti le attivita’ finalizzate alla stesura del piano generale degli interventi del sistema accentrato delle manutenzioni, di cui all’articolo 12 del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, sono a carico delle risorse iscritte sui pertinenti capitoli dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze trasferite all’Agenzia del demanio.”;
b) all’articolo 24:
1) al comma 2, le parole: “Con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice, sentita l’ANAC,” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,” e il secondo periodo e’ sostituito dal seguente: “Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, si applica la disposizione transitoria ivi prevista.”;
2) al comma 5, terzo periodo, le parole: “Il decreto” sono sostituite dalle seguenti: “Il regolamento”;
3) al comma 7:
3.1) al primo periodo, le parole: “o delle concessioni di lavori pubblici” sono soppresse;
3.2) al secondo periodo, le parole: “, concessioni di lavori pubblici” sono soppresse;
c) all’articolo 26, comma 6, lettera b), sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “ovvero dalla stazione appaltante nel caso in cui disponga di un sistema interno di controllo di qualita’”;
d) all’articolo 29, comma 1, il secondo, il terzo e il quarto periodo sono soppressi;
e) all’articolo 31, comma 5:
1) al primo periodo, le parole: “L’ANAC con proprie linee guida, da adottare entro novanta giorni dall’entrata in vigore del presente codice definisce” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, e’ definita”;
2) al secondo periodo, le parole: “Con le medesime linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “Con il medesimo regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,”;
3) il terzo periodo e’ sostituito dal seguente: “Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, si applica la disposizione transitoria ivi prevista.”;
f) all’articolo 32, comma 2, secondo periodo, le parole: “all’articolo 36, comma 2, lettera a),” sono sostituite dalle seguenti: “all’articolo 36, comma 2, lettere a) e b),”;
g) all’articolo 35:
1) al comma 9, lettera a), la parola: “contemporaneamente” e’ soppressa;
2) al comma 10, lettera a), la parola: “contemporaneamente” e’ soppressa;
3) al comma 18, le parole: “dei lavori”, ovunque ricorrono, sono sostituite dalle seguenti: “della prestazione”;
h) all’articolo 36:
1) al comma 2, la lettera b) e’ sostituita dalla seguente:
“b) per affidamenti di importo pari o superiore a 40.000 euro e inferiore a 150.000 euro per i lavori, o alle soglie di cui all’articolo 35 per le forniture e i servizi, mediante affidamento diretto previa valutazione di tre preventivi, ove esistenti, per i lavori, e, per i servizi e le forniture, di almeno cinque operatori economici individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti. I lavori possono essere eseguiti anche in amministrazione diretta, fatto salvo l’acquisto e il noleggio di mezzi, per i quali si applica comunque la procedura di cui al periodo precedente. L’avviso sui risultati della procedura di affidamento contiene l’indicazione anche dei soggetti invitati”;
2) al comma 2, la lettera c) e’ sostituita dalle seguenti:
“c) per affidamenti di lavori di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a 350.000 euro, mediante la procedura negoziata di cui all’articolo 63 previa consultazione, ove esistenti, di almeno dieci operatori economici, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici. L’avviso sui risultati della procedura di affidamento contiene l’indicazione anche dei soggetti invitati;
c-bis) per affidamenti di lavori di importo pari o superiore a 350.000 euro e inferiore a 1.000.000 di euro, mediante la procedura negoziata di cui all’articolo 63 previa consultazione, ove esistenti, di almeno quindici operatori economici, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici. L’avviso sui risultati della procedura di affidamento contiene l’indicazione anche dei soggetti invitati;”
3) al comma 2, la lettera d) e’ sostituita dalla seguente:
“d) per affidamenti di lavori di importo pari o superiore a 1.000.000 di euro e fino alle soglie di cui all’articolo 35, mediante ricorso alle procedure di cui all’articolo 60, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 97, comma 8”;
4) il comma 5 e’ abrogato;
5) al comma 7:
5.1) al primo periodo, le parole: “L’ANAC con proprie linee guida, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice, stabilisce le modalita’ di dettaglio per supportare le stazioni appaltanti e migliorare la qualita’ delle procedure di cui al presente articolo, delle” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, sono stabilite le modalita’ relative alle procedure di cui al presente articolo, alle”;
5.2) al secondo periodo, le parole: “Nelle predette linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “Nel predetto regolamento” e le parole: “, nonche’ di effettuazione degli inviti quando la stazione appaltante intenda avvalersi della facolta’ di esclusione delle offerte anomale” sono soppresse;
5.3) il terzo periodo e’ sostituito dal seguente: “Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, si applica la disposizione transitoria ivi prevista.”;
6) dopo il comma 9 e’ aggiunto il seguente:
“9-bis. Fatto salvo quanto previsto all’articolo 95, comma 3, le stazioni appaltanti procedono all’aggiudicazione dei contratti di cui al presente articolo sulla base del criterio del minor prezzo ovvero sulla base del criterio dell’offerta economicamente piu’ vantaggiosa”;
i) all’articolo 46, comma 1, lettera a), dopo le parole: “vigente normativa” sono aggiunte, in fine, le seguenti: “; gli archeologi”;
l) all’articolo 47:
1) il comma 2 e’ sostituito dal seguente:
“2. I consorzi stabili di cui agli articoli 45, comma 2, lettera c), e 46, comma 1, lettera f), eseguono le prestazioni o con la propria struttura o tramite i consorziati indicati in sede di gara senza che cio’ costituisca subappalto, ferma la responsabilita’ solidale degli stessi nei confronti della stazione appaltante. Per i lavori, ai fini della qualificazione di cui all’articolo 84, con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, sono stabiliti i criteri per l’imputazione delle prestazioni eseguite al consorzio o ai singoli consorziati che eseguono le prestazioni. L’affidamento delle prestazioni da parte dei soggetti di cui all’articolo 45, comma 2, lettera b), ai propri consorziati non costituisce subappalto”;
2) dopo il comma 2 e’ aggiunto il seguente:
“2-bis. La sussistenza in capo ai consorzi stabili dei requisiti richiesti nel bando di gara per l’affidamento di servizi e forniture e’ valutata, a seguito della verifica della effettiva esistenza dei predetti requisiti in capo ai singoli consorziati. In caso di scioglimento del consorzio stabile per servizi e forniture, ai consorziati sono attribuiti pro quota i requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi maturati a favore del consorzio e non assegnati in esecuzione ai consorziati. Le quote di assegnazione sono proporzionali all’apporto reso dai singoli consorziati nell’esecuzione delle prestazioni nel quinquennio antecedente”;
m) all’articolo 59:
1) al comma 1-bis, dopo il primo periodo e’ aggiunto, in fine, il seguente: “I requisiti minimi per lo svolgimento della progettazione oggetto del contratto sono previsti nei documenti di gara nel rispetto del presente codice e del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies; detti requisiti sono posseduti dalle imprese attestate per prestazioni di sola costruzione attraverso un progettista raggruppato o indicato in sede di offerta, in grado di dimostrarli, scelto tra i soggetti di cui all’articolo 46, comma 1; le imprese attestate per prestazioni di progettazione e costruzione documentano i requisiti per lo svolgimento della progettazione esecutiva laddove i predetti requisiti non siano dimostrati dal proprio staff di progettazione.”;
2) dopo il comma 1-ter e’ inserito il seguente:
“1-quater. Nei casi in cui l’operatore economico si avvalga di uno o piu’ soggetti qualificati alla realizzazione del progetto, la stazione appaltante indica nei documenti di gara le modalita’ per la corresponsione diretta al progettista della quota del compenso corrispondente agli oneri di progettazione indicati espressamente in sede di offerta, al netto del ribasso d’asta, previa approvazione del progetto e previa presentazione dei relativi documenti fiscali del progettista indicato o raggruppato”;
n) all’articolo 76, dopo il comma 2 e’ inserito il seguente:
“2-bis. Nei termini stabiliti al comma 5 e’ dato avviso ai candidati e ai concorrenti, con le modalita’ di cui all’articolo 5-bis del codice dell’amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, o strumento analogo negli altri Stati membri, del provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni ad essa all’esito della verifica della documentazione attestante l’assenza dei motivi di esclusione di cui all’articolo 80, nonche’ la sussistenza dei requisiti economico-finanziari e tecnico-professionali, indicando l’ufficio o il collegamento informatico ad accesso riservato dove sono disponibili i relativi atti”;
o) all’articolo 80:
1) al comma 2, dopo il secondo periodo e’ aggiunto, in fine, il seguente: “Resta fermo altresi’ quanto previsto dall’articolo 34-bis, commi 6 e 7, del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159.”;
2) al comma 3, al primo periodo, le parole: “in caso di societa’ con meno di quattro soci” sono sostituite dalle seguenti: “in caso di societa’ con un numero di soci pari o inferiore a quattro” e, al secondo periodo, dopo le parole: “quando e’ intervenuta la riabilitazione” sono inserite le seguenti: “ovvero, nei casi di condanna ad una pena accessoria perpetua, quando questa e’ stata dichiarata estinta ai sensi dell’articolo 179, settimo comma, del codice penale”;
3) al comma 5, la lettera b) e’ sostituita dalla seguente:
“b) l’operatore economico sia stato sottoposto a fallimento o si trovi in stato di liquidazione coatta o di concordato preventivo o sia in corso nei suoi confronti un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni, fermo restando quanto previsto dall’articolo 110 del presente codice e dall’articolo 186-bis del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267”;
4) al comma 5, dopo la lettera c-ter) e’ inserita la seguente:
“c-quater) l’operatore economico abbia commesso grave inadempimento nei confronti di uno o piu’ subappaltatori, riconosciuto o accertato con sentenza passata in giudicato”;
5) il comma 10 e’ sostituito dai seguenti:
“10. Se la sentenza penale di condanna definitiva non fissa la durata della pena accessoria della incapacita’ di contrattare con la pubblica amministrazione, la durata della esclusione dalla procedura d’appalto o concessione e’:
a) perpetua, nei casi in cui alla condanna consegue di diritto la pena accessoria perpetua, ai sensi dell’articolo 317-bis, primo periodo, del codice penale, salvo che la pena sia dichiarata estinta ai sensi dell’articolo 179, settimo comma, del codice penale;
b) pari a sette anni nei casi previsti dall’articolo 317-bis, secondo periodo, del codice penale, salvo che sia intervenuta riabilitazione;
c) pari a cinque anni nei casi diversi da quelli di cui alle lettere a) e b), salvo che sia intervenuta riabilitazione.
10-bis. Nei casi di cui alle lettere b) e c) del comma 10, se la pena principale ha una durata inferiore, rispettivamente, a sette e cinque anni di reclusione, la durata della esclusione e’ pari alla durata della pena principale. Nei casi di cui al comma 5, la durata della esclusione e’ pari a tre anni, decorrenti dalla data di adozione del provvedimento amministrativo di esclusione ovvero, in caso di contestazione in giudizio, dalla data di passaggio in giudicato della sentenza. Nel tempo occorrente alla definizione del giudizio, la stazione appaltante deve tenere conto di tale fatto ai fini della propria valutazione circa la sussistenza del presupposto per escludere dalla partecipazione alla procedura l’operatore economico che l’abbia commesso”;
p) all’articolo 83, comma 2, al secondo periodo, le parole: “con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti da adottare, su proposta dell’ANAC entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente codice, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari” sono sostituite dalle seguenti: “con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies” e, al terzo periodo, le parole: “di dette linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “di detto regolamento”;
q) all’articolo 84:
1) al comma 1, dopo il primo periodo sono aggiunti i seguenti: “L’attivita’ di attestazione e’ esercitata nel rispetto del principio di indipendenza di giudizio, garantendo l’assenza di qualunque interesse commerciale o finanziario che possa determinare comportamenti non imparziali o discriminatori. Gli organismi di diritto privato di cui al primo periodo, nell’esercizio dell’attivita’ di attestazione per gli esecutori di lavori pubblici, svolgono funzioni di natura pubblicistica, anche agli effetti dell’articolo 1 della legge 14 gennaio 1994, n. 20.”;
2) al comma 2, primo periodo, le parole: “L’ANAC, con il decreto di cui all’articolo 83, comma 2, individua, altresi’,” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, sono altresi’ individuati”;
3) al comma 4, lettera b), le parole: “al decennio antecedente” sono sostituite dalle seguenti: “ai quindici anni antecedenti”;
4) al comma 6, quarto periodo, le parole: “nelle linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “nel regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies”;
5) al comma 8, al primo periodo, le parole: “Le linee guida di cui al presente articolo disciplinano” sono sostituite dalle seguenti: “Il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, disciplina” e, al secondo periodo, le parole: “Le linee guida disciplinano” sono sostituite dalle seguenti: “Sono disciplinati”;
6) al comma 10, primo periodo, le parole: “delle linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,”;
7) al comma 11, le parole: “nelle linee guida” sono sostituite dalle seguenti: “nel regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies”;
r) all’articolo 86, comma 5-bis, le parole: “dall’ANAC con le linee guida di cui all’articolo 83, comma 2.” sono sostituite dalle seguenti: “con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies.”;
s) all’articolo 89, comma 11:
1) al terzo periodo, le parole: “Con decreto del Ministro delle infrastrutture e trasporti, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice, sentito il Consiglio superiore dei lavori pubblici,” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,”;
2) il quarto periodo e’ sostituito dal seguente: “Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, si applica la disposizione transitoria ivi prevista.”;
t) all’articolo 95:
1) al comma 3, dopo la lettera b) e’ aggiunta la seguente:
“b-bis) i contratti di servizi e le forniture di importo pari o superiore a 40.000 euro caratterizzati da notevole contenuto tecnologico o che hanno un carattere innovativo”;
2) al comma 4, le lettere a) e c) sono abrogate;
3) al comma 4, alla lettera b) sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “, fatta eccezione per i servizi ad alta intensita’ di manodopera di cui al comma 3, lettera a)”;
u) all’articolo 97:
1) il comma 2 e’ sostituito dai seguenti:
“2. Quando il criterio di aggiudicazione e’ quello del prezzo piu’ basso e il numero delle offerte ammesse e’ pari o superiore a quindici, la congruita’ delle offerte e’ valutata sulle offerte che presentano un ribasso pari o superiore ad una soglia di anomalia determinata; al fine di non rendere predeterminabili dagli offerenti i parametri di riferimento per il calcolo della soglia di anomalia, il RUP o la commissione giudicatrice procedono come segue:
a) calcolo della somma e della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse, con esclusione del 10 per cento, arrotondato all’unita’ superiore, rispettivamente delle offerte di maggior ribasso e di quelle di minor ribasso; le offerte aventi un uguale valore di ribasso sono prese in considerazione distintamente nei loro singoli valori; qualora, nell’effettuare il calcolo del 10 per cento, siano presenti una o piu’ offerte di eguale valore rispetto alle offerte da accantonare, dette offerte sono altresi’ da accantonare;
b) calcolo dello scarto medio aritmetico dei ribassi percentuali che superano la media calcolata ai sensi della lettera a);
c) calcolo della soglia come somma della media aritmetica e dello scarto medio aritmetico dei ribassi di cui alla lettera b);
d) la soglia calcolata alla lettera c) e’ decrementata di un valore percentuale pari al prodotto delle prime due cifre dopo la virgola della somma dei ribassi di cui alla lettera a) applicato allo scarto medio aritmetico di cui alla lettera b).
2-bis. Quando il criterio di aggiudicazione e’ quello del prezzo piu’ basso e il numero delle offerte ammesse e’ inferiore a quindici, la congruita’ delle offerte e’ valutata sulle offerte che presentano un ribasso pari o superiore ad una soglia di anomalia determinata; ai fini della determinazione della congruita’ delle offerte, al fine di non rendere predeterminabili dagli offerenti i parametri di riferimento per il calcolo della soglia di anomalia, il RUP o la commissione giudicatrice procedono come segue:
a) calcolo della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse, con esclusione del 10 per cento, arrotondato all’unita’ superiore, rispettivamente delle offerte di maggior ribasso e di quelle di minor ribasso; le offerte aventi un uguale valore di ribasso sono prese in considerazione distintamente nei loro singoli valori; qualora, nell’effettuare il calcolo del 10 per cento, siano presenti una o piu’ offerte di eguale valore rispetto alle offerte da accantonare, dette offerte sono altresi’ da accantonare;
b) calcolo dello scarto medio aritmetico dei ribassi percentuali che superano la media calcolata ai sensi della lettera a);
c) calcolo del rapporto tra lo scarto medio aritmetico di cui alla lettera b) e la media aritmetica di cui alla lettera a);
d) se il rapporto di cui alla lettera c) e’ pari o inferiore a 0,15, la soglia di anomalia e’ pari al valore della media aritmetica di cui alla lettera a) incrementata del 20 per cento della medesima media aritmetica;
e) se il rapporto di cui alla lettera c) e’ superiore a 0,15 la soglia di anomalia e’ calcolata come somma della media aritmetica di cui alla lettera a) e dello scarto medio aritmetico di cui alla lettera b).
2-ter. Al fine di non rendere nel tempo predeterminabili dagli offerenti i parametri di riferimento per il calcolo della soglia di anomalia, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti puo’ procedere con decreto alla rideterminazione delle modalita’ di calcolo per l’individuazione della soglia di anomalia”;
2) al comma 3, dopo il primo periodo sono aggiunti, in fine, i seguenti: “Il calcolo di cui al primo periodo e’ effettuato ove il numero delle offerte ammesse sia pari o superiore a tre. Si applica l’ultimo periodo del comma 6.”;
3) al comma 3-bis, le parole: “Il calcolo di cui al comma 2 e’ effettuato” sono sostituite dalle seguenti: “Il calcolo di cui ai commi 2, 2-bis e 2-ter e’ effettuato”;
4) al comma 8, al primo periodo, le parole: “alle soglie di cui all’articolo 35, la stazione appaltante puo’ prevedere” sono sostituite dalle seguenti: “alle soglie di cui all’articolo 35, e che non presentano carattere transfrontaliero, la stazione appaltante prevede” e dopo le parole: “individuata ai sensi del comma 2” sono inserite le seguenti: “e dei commi 2-bis e 2-ter” e il terzo periodo e’ sostituito dal seguente: “Comunque l’esclusione automatica non opera quando il numero delle offerte ammesse e’ inferiore a dieci”;
v) all’articolo 102, comma 8:
1) al primo periodo, le parole: “Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, su proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, sentita l’ANAC,” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,”;
2) il terzo periodo e’ soppresso;
z) all’articolo 111:
1) al comma 1, primo periodo, le parole: “Con decreto del Ministro delle infrastrutture e trasporti, da adottare entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice, su proposta dell’ANAC, previo parere delle competenti commissioni parlamentari, sentito il Consiglio superiore dei lavori pubblici e la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, sono approvate le linee guida che individuano” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, sono individuate”;2) al comma 2, al secondo periodo, le parole: “Con il medesimo decreto, di cui al comma 1, sono altresi’ approvate linee guida che individuano” sono sostituite dalle seguenti: “Con il medesimo regolamento di cui al comma 1 sono altresi’ individuate” e il terzo periodo e’ sostituito dal seguente: “Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, si applica la disposizione transitoria ivi prevista.”;
aa) all’articolo 146, comma 4
1) al primo periodo, le parole: “Con decreto del Ministro dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanarsi entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente codice,” sono sostituite dalle seguenti: “Con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies,”;
2) il terzo periodo e’ sostituito dal seguente: “Fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, si applica la disposizione transitoria ivi prevista.”;
bb) all’articolo 177, comma 2, le parole: “ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore del presente codice” sono sostituite dalle seguenti: “il 31 dicembre 2020”;
cc) all’articolo 183, dopo il comma 17 e’ inserito il seguente:
“17-bis. Gli investitori istituzionali indicati nell’elenco riportato all’articolo 32, comma 3, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, nonche’ i soggetti di cui all’articolo 2, numero 3), del regolamento (UE) 2015/1017 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 giugno 2015, secondo quanto previsto nella comunicazione (COM(2015) 361 final) della Commissione del 22 luglio 2015, possono presentare le proposte di cui al comma 15, primo periodo, associati o consorziati, qualora privi dei requisiti tecnici, con soggetti in possesso dei requisiti per partecipare a procedure di affidamento di contratti pubblici per servizi di progettazione”;
dd) all’articolo 196, i commi 3 e 4 sono abrogati;
ee) all’articolo 197:
1) al comma 1, il primo periodo e’ sostituito dal seguente: “La qualificazione del contraente generale e’ disciplinata con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies.”;
2) il comma 3 e’ abrogato;
3) il comma 4 e’ sostituito dal seguente:
“4. Per la partecipazione alle procedure di aggiudicazione da parte dei contraenti generali, per gli affidamenti di cui all’articolo 194, oltre all’assenza dei motivi di esclusione di cui all’articolo 80, e’ istituito il sistema di qualificazione del contraente generale, disciplinato con il regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies, gestito dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che prevede specifici requisiti in ordine all’adeguata capacita’ economica e finanziaria, all’adeguata idoneita’ tecnica e organizzativa, nonche’ all’adeguato organico tecnico e dirigenziale”;
ff) all’articolo 199:
1) al comma 2, primo periodo, le parole: “alla SOA” sono sostituite dalle seguenti: “all’amministrazione”;
2) al comma 4, al primo periodo, le parole: “del decreto di cui all’articolo 83, comma 2” sono sostituite dalle seguenti: “del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies” e il secondo periodo e’ soppresso;
gg) all’articolo 216:
1) al comma 14, le parole: “delle linee guida indicate all’articolo 83, comma 2” sono sostituite dalle seguenti: “del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies”;
2) al comma 27-bis, primo periodo, le parole: “del decreto di cui all’articolo 83, comma 2” sono sostituite dalle seguenti: “del regolamento di cui all’articolo 216, comma 27-octies”;
3) il comma 27-sexies e’ sostituito dal seguente:
“27-sexies. Per le concessioni autostradali gia’ scadute o in scadenza entro trentasei mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, e il cui bando e’ pubblicato entro il 31 dicembre 2019, il concedente puo’ avviare le procedure di gara per l’affidamento della concessione anche sulla base del solo fabbisogno predisposto dal medesimo concedente, limitatamente agli interventi di messa in sicurezza dell’infrastruttura esistente”;
4) dopo il comma 27-septies e’ aggiunto il seguente:
“27-octies. Nelle more dell’adozione, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettere a) e b), della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, di un regolamento unico recante disposizioni di esecuzione, attuazione e integrazione del presente codice, le linee guida e i decreti adottati in attuazione delle previgenti disposizioni di cui agli articoli 24, comma 2, 31, comma 5, 36, comma 7, 89, comma 11, 111, commi 1 e 2, 146, comma 4, 147, commi 1 e 2, e 150, comma 2, rimangono in vigore o restano efficaci fino alla data di entrata in vigore del regolamento di cui al presente comma, in quanto compatibili con il presente codice e non oggetto delle procedure di infrazione nn. 2017/2090 e 2018/2273. Ai soli fini dell’archiviazione delle citate procedure di infrazione, nelle more dell’entrata in vigore del regolamento, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e l’ANAC sono autorizzati a modificare rispettivamente i decreti e le linee guida adottati in materia. Il regolamento reca, in particolare, disposizioni nelle seguenti materie:
a) nomina, ruolo e compiti del responsabile del procedimento;
b) progettazione di lavori, servizi e forniture, e verifica del progetto;
c) sistema di qualificazione e requisiti degli esecutori di lavori e dei contraenti generali;
d) procedure di affidamento e realizzazione dei contratti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie;
e) direzione dei lavori e dell’esecuzione;
f) esecuzione dei contratti di lavori, servizi e forniture, contabilita’, sospensioni e penali;
g) collaudo e verifica di conformita’;
h) affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria e relativi requisiti degli operatori economici;
i) lavori riguardanti i beni culturali. A decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento cessano di avere efficacia le linee guida di cui all’articolo 213, comma 2, vertenti sulle materie indicate al precedente periodo nonche’ quelle che comunque siano in contrasto con le disposizioni recate dal regolamento”.
21. Le disposizioni di cui al comma 20 si applicano alle procedure i cui bandi o avvisi, con i quali si indice una gara, sono pubblicati successivamente alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nonche’, in caso di contratti senza pubblicazione di bandi o avvisi, alle procedure in cui, alla medesima data, non sono ancora stati inviati gli inviti a presentare le offerte o i preventivi.
22. All’articolo 120 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) i commi 2-bis e 6-bis sono abrogati;
b) al comma 5, primo periodo, le parole: “Salvo quanto previsto al comma 6-bis, per l’impugnazione” sono sostituite dalle seguenti: “Per l’impugnazione”;
c) al comma 7, primo periodo, le parole: “Ad eccezione dei casi previsti al comma 2-bis, i nuovi” sono sostituite dalle seguenti: “I nuovi”;
d) al comma 9, le parole: “Nei casi previsti al comma 6-bis, il tribunale amministrativo regionale deposita la sentenza entro sette giorni dall’udienza, pubblica o in camera di consiglio, di discussione; le parti possono chiedere l’anticipata pubblicazione del dispositivo, che avviene entro due giorni dall’udienza” sono soppresse;
e) al comma 11, primo periodo, le parole: “Le disposizioni dei commi 2-bis, 3, 6, 6-bis, 8, 8-bis, 8-ter, 9, secondo periodo e 10” sono sostituite dalle seguenti: “Le disposizioni dei commi 3, 6, 8, 8-bis, 8-ter, 9 e 10”.
23. Le disposizioni di cui al comma 22 si applicano ai processi iniziati dopo la data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
24. All’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, il comma 912 e’ abrogato.
25. Per il periodo di vigenza del presente decreto, sono fatti salvi gli effetti dell’articolo 1, comma 912, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, per i soli comuni che, alla data di entrata in vigore del presente decreto, hanno avviato l’iter di progettazione per la realizzazione degli investimenti di cui all’articolo 1, comma 107, della medesima legge n. 145 del 2018 e non hanno ancora avviato l’esecuzione dei lavori. Per gli stessi comuni:
a) il termine di cui all’articolo 1, comma 109, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e’ differito al 10 luglio 2019;
b) il termine di cui all’articolo 1, comma 111, primo periodo, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e’ differito al 31 luglio 2019;
c) il termine di cui all’articolo 1, comma 111, ultimo periodo, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e’ differito al 15 novembre 2019.
26. Il Ministero dell’interno provvede, con proprio decreto, all’attuazione delle disposizioni di cui al comma 25 nell’ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.
27. All’articolo 38 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, dopo il comma 1 e’ inserito il seguente:
“1-bis. Al fine di ottimizzare le procedure di affidamento degli appalti pubblici per la realizzazione delle scelte di politica pubblica sportiva e della relativa spesa pubblica, a decorrere dal 1° gennaio 2020 la societa’ Sport e salute Spa e’ qualificata di diritto centrale di committenza e puo’ svolgere attivita’ di centralizzazione delle committenze per conto delle amministrazioni aggiudicatrici o degli enti aggiudicatari operanti nel settore dello sport e tenuti al rispetto delle disposizioni di cui al presente codice”.
28. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, le risorse del Fondo Sport e Periferie di cui all’articolo 15 del decreto-legge 25 novembre 2015, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 gennaio 2016, n. 9, sono trasferite alla societa’ Sport e salute Spa, la quale subentra nella gestione del Fondo e dei rapporti pendenti.
29. Per le attivita’ necessarie all’attuazione degli interventi finanziati ai sensi dell’articolo 1, comma 362, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, l’Ufficio per lo sport si avvale della societa’ Sport e salute Spa.
30. Per l’esecuzione dei lavori per la costruzione, il completamento, l’adeguamento e la ristrutturazione dei centri di cui all’articolo 14, comma 1, del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, resta fermo quanto previsto dall’articolo 2, comma 2, del decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° dicembre 2018, n. 132.
[1] Articolo sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 2
Disposizioni sulle procedure di affidamento in caso di crisi di impresa
1. Al codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, l’articolo 110 e’ sostituito dal seguente:
“Art. 110 (Procedure di affidamento in caso di fallimento dell’esecutore o di risoluzione del contratto e misure straordinarie di gestione). – 1. Fatto salvo quanto previsto ai commi 3 e seguenti, le stazioni appaltanti, in caso di fallimento, di liquidazione coatta e concordato preventivo, ovvero di risoluzione del contratto ai sensi dell’articolo 108 del presente codice ovvero di recesso dal contratto ai sensi dell’articolo 88, comma 4-ter, del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, ovvero in caso di dichiarazione giudiziale di inefficacia del contratto, interpellano progressivamente i soggetti che hanno partecipato all’originaria procedura di gara, risultanti dalla relativa graduatoria, al fine di stipulare un nuovo contratto per l’affidamento dell’esecuzione o del completamento dei lavori, servizi o forniture (1).
2. L’affidamento avviene alle medesime condizioni gia’ proposte dall’originario aggiudicatario in sede in offerta.
3. Il curatore della procedura di fallimento, autorizzato all’esercizio provvisorio dell’impresa, puo’ eseguire i contratti gia’ stipulati dall’impresa fallita con l’autorizzazione del giudice delegato.
4. Alle imprese che hanno depositato la domanda di cui all’articolo 161, anche ai sensi del sesto comma, del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, si applica l’articolo 186-bis del predetto regio decreto. Per la partecipazione alle procedure di affidamento di contratti pubblici tra il momento del deposito della domanda di cui al primo periodo ed il momento del deposito del decreto previsto dall’articolo 163 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 e’ sempre necessario l’avvalimento dei requisiti di un altro soggetto (2).
5. L’impresa ammessa al concordato preventivo non necessita di avvalimento di requisiti di altro soggetto.
6. L’ANAC puo’ subordinare la partecipazione, l’affidamento di subappalti e la stipulazione dei relativi contratti alla necessita’ che l’impresa in concordato si avvalga di un altro operatore in possesso dei requisiti di carattere generale, di capacita’ finanziaria, tecnica, economica, nonche’ di certificazione, richiesti per l’affidamento dell’appalto, che si impegni nei confronti dell’impresa concorrente e della stazione appaltante a mettere a disposizione, per la durata del contratto, le risorse necessarie all’esecuzione dell’appalto e a subentrare all’impresa ausiliata nel caso in cui questa nel corso della gara, ovvero dopo la stipulazione del contratto, non sia per qualsiasi ragione piu’ in grado di dare regolare esecuzione all’appalto o alla concessione quando l’impresa non e’ in possesso dei requisiti aggiuntivi che l’ANAC individua con apposite linee guida.
7. Restano ferme le disposizioni previste dall’articolo 32 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, in materia di misure straordinarie di gestione di imprese nell’ambito della prevenzione della corruzione.”.
2. Le disposizioni di cui all’articolo 110 del decreto legislativo n. 50 del 2016, come sostituito dal comma 1 del presente articolo, si applicano alle procedure in cui il bando o l’avviso con cui si indice la gara e’ pubblicato nel periodo temporale compreso tra la data di entrata in vigore del presente decreto e la data di entrata in vigore del decreto legislativo 12 gennaio 2019, n.14, nonche’, per i contratti non preceduti dalla pubblicazione di bandi o avvisi, alle procedure in cui gli inviti a presentare le offerte sono stati inviati nel corso del medesimo periodo temporale.
3. A decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo 12 gennaio 2019, n.14, si applicano le disposizioni dell’articolo 372 del predetto decreto.
4. Al regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’articolo 104, settimo comma, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “E’ fatto salvo il disposto dell’articolo 110, comma 3, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.”;
b) all’articolo 186-bis:
1) al terzo comma, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Le disposizioni del presente comma si applicano anche nell’ipotesi in cui l’impresa e’ stata ammessa a concordato che non prevede la continuita’ aziendale se il predetto professionista attesta che la continuazione e’ necessaria per la migliore liquidazione dell’azienda in esercizio.”;
2) il quarto comma e’ sostituito dal seguente: “Successivamente al deposito della domanda di cui all’articolo 161, la partecipazione a procedure di affidamento di contratti pubblici deve essere autorizzata dal tribunale, e, dopo il decreto di apertura, dal giudice delegato, acquisito il parere del commissario giudiziale ove gia’ nominato.”.
2-bis) al quinto comma, la lettera b) e’ abrogata (3).
[1] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1 della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1 della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Numero aggiunto dall’articolo 1, comma 1 della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 2 bis
Norme urgenti in materia di soggetti coinvolti negli appalti pubblici (1)
1. All’articolo 1 del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 febbraio 2019, n. 12, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 2, le parole: “ed anche assistiti” sono sostituite dalle seguenti: “anche se assistiti”;
b) al comma 6, le parole: “in misura non superiore a un quarto del suo importo” sono sostituite dalle seguenti: “in misura massima determinata dal decreto adottato ai sensi del comma 7”.
2. All’articolo 2477 del codice civile, il secondo e il terzo comma sono sostituiti dai seguenti:
“La nomina dell’organo di controllo o del revisore e’ obbligatoria se la societa’:
a) e’ tenuta alla redazione del bilancio consolidato;
b) controlla una societa’ obbligata alla revisione legale dei conti;
c) ha superato per due esercizi consecutivi almeno uno dei seguenti limiti:
1) totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 4 milioni di euro;
2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: 4 milioni di euro;
3) dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 20 unita’.
L’obbligo di nomina dell’organo di controllo o del revisore di cui alla lettera c) del secondo comma cessa quando, per tre esercizi consecutivi, non e’ superato alcuno dei predetti limiti”.
3. Al quinto comma dell’articolo 2477 del codice civile, le parole: “limiti indicati al terzo comma” sono sostituite dalle seguenti: “limiti indicati al secondo comma”».
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 3
Disposizioni in materia di semplificazione della disciplina degli interventi strutturali in zone sismiche.
1. Al testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, sono apportate le seguenti modificazioni:
0a) all’articolo 59, comma 2, dopo la lettera c) e’ aggiunta la seguente:
“c-bis) prove e controlli su materiali da costruzione su strutture e costruzioni esistenti”(1);
a) all’articolo 65:
1) il comma 1 e’ sostituito dal seguente: “1. Le opere realizzate con materiali e sistemi costruttivi disciplinati dalle norme tecniche in vigore, prima del loro inizio, devono essere denunciate dal costruttore allo sportello unico tramite posta elettronica certificata (PEC).” (2);
2) il comma 3 e’ sostituito dal seguente: “3. Alla denuncia devono essere allegati:
a) il progetto dell’opera firmato dal progettista, dal quale risultino in modo chiaro ed esauriente le calcolazioni eseguite, l’ubicazione, il tipo, le dimensioni delle strutture, e quanto altro occorre per definire l’opera sia nei riguardi dell’esecuzione sia nei riguardi della conoscenza delle condizioni di sollecitazione;
b) una relazione illustrativa firmata dal progettista e dal direttore dei lavori, dalla quale risultino le caratteristiche, le qualita’ e le prestazioni dei materiali che verranno impiegati nella costruzione.”;
3) il comma 4 e’ sostituito dal seguente: “4. Lo sportello unico, tramite PEC, rilascia al costruttore, all’atto stesso della presentazione, l’attestazione dell’avvenuto deposito.” (3);
4) l’alinea del comma 6 e’ sostituito dal seguente: “6. Ultimate le parti della costruzione che incidono sulla stabilita’ della stessa, entro il termine di sessanta giorni, il direttore dei lavori deposita allo sportello unico, tramite PEC, una relazione sull’adempimento degli obblighi di cui ai commi 1, 2 e 3, allegando:” (4);
5) il comma 7 e’ sostituito dal seguente: “7. All’atto della presentazione della relazione di cui al comma 6, lo sportello unico, tramite PEC, rilascia al direttore dei lavori l’attestazione dell’avvenuto deposito su una copia della relazione e provvede altresi’ a trasmettere tale relazione al competente ufficio tecnico regionale.”(5);
6) dopo il comma 8, e’ aggiunto, in fine, il seguente: “8-bis. Per gli interventi di cui all’articolo 94-bis, comma 1, lettera b), n. 2) e lettera c), n. 1), non si applicano le disposizioni di cui ai commi 6, 7 e 8.”;
b) all’articolo 67:
1) al comma 7, le parole: “in tre copie” sono soppresse e dopo le parole: “che invia” sono inserite le seguenti: “tramite posta elettronica certificata (PEC)”;
2) e’ aggiunto, in fine, il seguente comma:
“8-ter. Per gli interventi di cui all’articolo 94-bis, comma 1, lettera b), numero 2), e lettera c), numero 1), il certificato di collaudo e’ sostituito dalla dichiarazione di regolare esecuzione resa dal direttore dei lavori”(6);
c) all’articolo 93, i commi 3, 4 e 5 sono sostituiti dai seguenti:
“3. Il contenuto minimo del progetto e’ determinato dal competente ufficio tecnico della regione. In ogni caso il progetto deve essere esauriente per planimetria, piante, prospetti e sezioni, relazione tecnica e accompagnato dagli altri elaborati previsti dalle norme tecniche (7).
4. I progetti relativi ai lavori di cui al presente articolo sono accompagnati da una dichiarazione del progettista che asseveri il rispetto delle norme tecniche per le costruzioni e la coerenza tra il progetto esecutivo riguardante le strutture e quello architettonico, nonche’ il rispetto delle eventuali prescrizioni sismiche contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica.
5. Per tutti gli interventi il preavviso scritto con il contestuale deposito del progetto e dell’asseverazione di cui al comma 4, e’ valido anche agli effetti della denuncia dei lavori di cui all’articolo 65.”;
d) dopo l’articolo 94, e’ inserito il seguente:
“Art. 94-bis (Disciplina degli interventi strutturali in zone sismiche). – 1. Ai fini dell’applicazione delle disposizioni di cui ai capi I, II e IV della parte seconda del presente testo unico, sono considerati, nel rispetto di quanto previsto agli articoli 52 e 83 (8):
a) interventi “rilevanti” nei riguardi della pubblica incolumita’:
1) gli interventi di adeguamento o miglioramento sismico di costruzioni esistenti nelle localita’ sismiche ad alta sismicita’ (zona 1) e a media sismicita’ (zona 2, limitatamente a valori di peak ground acceleration-PGA compresi fra 0,20 g e 0,25 g) (9);
2) le nuove costruzioni che si discostino dalle usuali tipologie o che per la loro particolare complessita’ strutturale richiedano piu’ articolate calcolazioni e verifiche;
3) gli interventi relativi ad edifici di interesse strategico e alle opere infrastrutturali la cui funzionalita’ durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalita’ di protezione civile, nonche’ relativi agli edifici e alle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un loro eventuale collasso;
b) interventi di “minore rilevanza” nei riguardi della pubblica incolumita’:
1) gli interventi di adeguamento o miglioramento sismico di costruzioni esistenti nelle localita’ sismiche a media sismicita’ (zona 2, limitatamente a valori di PGA compresi fra 0,15 g e 0,20 g, e zona 3) (10);
2) le riparazioni e gli interventi locali sulle costruzioni esistenti;
3) le nuove costruzioni che non rientrano nella fattispecie di cui alla lettera a), n. 2);
3-bis) le nuove costruzioni appartenenti alla classe di costruzioni con presenza solo occasionale di persone e edifici agricoli di cui al punto 2.4.2 del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti del 17 gennaio 2018 (11);
c) interventi “privi di rilevanza” nei riguardi della pubblica incolumita’:
1) gli interventi che, per loro caratteristiche intrinseche e per destinazione d’uso, non costituiscono pericolo per la pubblica incolumita’.
2. Per i medesimi fini del comma 1, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, d’intesa con la Conferenza Unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, definisce, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, le linee guida per l’individuazione, dal punto di vista strutturale, degli interventi di cui al medesimo comma 1, nonche’ delle varianti di carattere non sostanziale per le quali non occorre il preavviso di cui all’articolo 93. Nelle more dell’emanazione delle linee guida, le regioni possono [comunque dotarsi di specifiche elencazioni o] confermare le disposizioni vigenti. Le elencazioni riconducibili alle categorie di interventi di minore rilevanza o privi di rilevanza, gia’ adottate dalle regioni, possono rientrare nelle medesime categorie di interventi di cui al comma 1, lettere b) e c). A seguito dell’emanazione delle linee guida, le regioni adottano specifiche elencazioni di adeguamento alle stesse (12).
3. Fermo restando l’obbligo del titolo abilitativo all’intervento edilizio, non si possono iniziare lavori relativi ad interventi “rilevanti”, di cui al comma 1, lettera a), senza preventiva autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della regione, in conformita’ all’articolo 94.
4. Fermo restando l’obbligo del titolo abilitativo all’intervento edilizio, e in deroga a quanto previsto all’articolo 94, comma 1, le disposizioni di cui al comma 3 non si applicano per lavori relativi ad interventi di “minore rilevanza” o “privi di rilevanza” di cui al comma 1, lettera b) o lettera c)(13).
5. Per gli stessi interventi, non soggetti ad autorizzazione preventiva, le regioni possono istituire controlli anche con modalita’ a campione.
6. Restano ferme le procedure di cui agli articoli 65 e 67, comma 1, del presente testo unico.”.
1-bis. Al fine di dare attuazione all’articolo 59, comma 2, lettera c-bis), del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, come introdotta dal comma l, lettera 0a), del presente articolo, il Consiglio superiore dei lavori pubblici, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, adotta specifici provvedimenti(14).
[1] Lettera premessa dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Numero modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Numero modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Numero modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Numero modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[6] Lettera sostituita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[7] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[8] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[9] Numero sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[10] Numero sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[11] Numero aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[12] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[13] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[14] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4
Commissari straordinari, interventi sostitutivi e responsabilita’ erariali
1. Per gli interventi infrastrutturali ritenuti prioritari, individuati con uno o piu’ decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sentito il Ministro dell’economia e delle finanze, dispone la nomina di uno o piu’ Commissari straordinari. Con uno o piu’ decreti successivi, da adottare con le modalita’ di cui al primo periodo entro il 31 dicembre 2020, il Presidente del Consiglio dei ministri puo’ individuare ulteriori interventi prioritari per i quali disporre la nomina di Commissari straordinari (1).
2. Per le finalita’ di cui al comma 1, ed allo scopo di poter celermente stabilire le condizioni per l’effettiva realizzazione dei lavori, i Commissari straordinari, individuabili anche nell’ambito delle societa’ a controllo pubblico, cui spetta l’assunzione di ogni determinazione ritenuta necessaria per l’avvio ovvero la prosecuzione dei lavori, anche sospesi, provvedono all’eventuale rielaborazione e approvazione dei progetti non ancora appaltati, operando in raccordo con i Provveditorati interregionali alle opere pubbliche, anche mediante specifici protocolli operativi per l’applicazione delle migliori pratiche. L’approvazione dei progetti da parte dei Commissari straordinari, d’intesa con i Presidenti delle regioni territorialmente competenti, sostituisce, ad ogni effetto di legge, ogni autorizzazione, parere, visto e nulla osta occorrenti per l’avvio o la prosecuzione dei lavori, fatta eccezione per quelli relativi alla tutela ambientale, per i quali i termini dei relativi procedimenti sono dimezzati, e per quelli relativi alla tutela di beni culturali e paesaggistici, per i quali il termine di adozione dell’autorizzazione, parere, visto e nulla osta e’ fissato nella misura massima di sessanta giorni dalla data di ricezione della richiesta, decorso il quale, ove l’autorita’ competente non si sia pronunciata, detti atti si intendono rilasciati. L’autorita’ competente puo’ altresi’ chiedere chiarimenti o elementi integrativi di giudizio; in tal caso il termine di cui al precedente periodo e’ sospeso fino al ricevimento della documentazione richiesta e, a partire dall’acquisizione della medesima documentazione, per un periodo massimo di trenta giorni, decorso il quale i chiarimenti o gli elementi integrativi si intendono comunque acquisiti con esito positivo. Ove sorga l’esigenza di procedere ad accertamenti di natura tecnica, l’autorita’ competente ne da’ preventiva comunicazione al Commissario straordinario e il termine di sessanta giorni di cui al presente comma e’ sospeso, fino all’acquisizione delle risultanze degli accertamenti e, comunque, per un periodo massimo di trenta giorni, decorsi i quali si procede comunque all’iter autorizzativo. I termini di cui ai periodi precedenti si applicano altresi’ per le procedure autorizzative per l’impiantistica connessa alla gestione aerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani (FORSU) e dei rifiuti organici in generale della regione Lazio e di Roma Capitale, fermi restando i principi di cui alla parte prima del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e nel rispetto delle disposizioni contenute nella parte seconda del medesimo decreto legislativo n. 152 del 2006 (2).
3. Per l’esecuzione degli interventi, i Commissari straordinari possono essere abilitati ad assumere direttamente le funzioni di stazione appaltante e operano in deroga alle disposizioni di legge in materia di contratti pubblici, fatto salvo il rispetto delle disposizioni del codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, nonche’ dei vincoli inderogabili derivanti dall’appartenenza all’Unione europea. Per le occupazioni di urgenza e per le espropriazioni delle aree occorrenti per l’esecuzione degli interventi, i Commissari straordinari, con proprio decreto, provvedono alla redazione dello stato di consistenza e del verbale di immissione in possesso dei suoli anche con la sola presenza di due rappresentanti della regione o degli enti territoriali interessati, prescindendo da ogni altro adempimento.
4. I Commissari straordinari operano in raccordo con la Struttura di cui all’articolo 1, comma 179, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, anche con riferimento alla sicurezza delle dighe e delle infrastrutture idriche, e trasmettono al Comitato interministeriale per la programmazione economica i progetti approvati, il cronoprogramma dei lavori e il relativo stato di avanzamento, segnalando semestralmente eventuali anomalie e significativi scostamenti rispetto ai termini fissati nel cronoprogramma di realizzazione delle opere, anche ai fini della valutazione di definanziamento degli interventi. Le modalita’ e le deroghe di cui al presente comma, nonche’ quelle di cui al comma 2, ad eccezione di quanto ivi previsto per i procedimenti relativi alla tutela di beni culturali e paesaggistici, e di cui al comma 3, si applicano anche agli interventi dei Commissari straordinari per il dissesto idrogeologico in attuazione del Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico, il ripristino e la tutela della risorsa ambientale, di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 febbraio 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 13 aprile 2019, e ai Commissari per l’attuazione degli interventi idrici di cui all’articolo 1, comma 153, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (3).
5. Con uno o piu’ decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sono stabiliti i termini, le modalita’, le tempistiche, l’eventuale supporto tecnico, le attivita’ connesse alla realizzazione dell’opera, il compenso per i Commissari straordinari, i cui oneri sono posti a carico dei quadri economici degli interventi da realizzare o completare. I compensi dei Commissari sono stabiliti in misura non superiore a quella indicata all’articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111. I commissari possono avvalersi, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, di strutture dell’amministrazione centrale o territoriale interessata nonche’ di societa’ controllate dallo Stato o dalle Regioni (4).
6. Al fine di fronteggiare la situazione di grave degrado in cui versa la rete viaria della Regione Siciliana, ancor piu’ acuitasi in conseguenza dei recenti eventi meteorologici che hanno interessato vaste aree del territorio, ed allo scopo di programmare immediati interventi di riqualificazione, miglioramento e rifunzionalizzazione della stessa rete viaria al fine di conseguire idonei standard di sicurezza stradale e adeguata mobilita’, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sentito il Ministro dell’economia e delle finanze, d’intesa con il Presidente della Giunta regionale Siciliana, da adottarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, e’ nominato apposito Commissario straordinario incaricato di sovraintendere alla programmazione, progettazione, affidamento ed esecuzione degli interventi sulla rete viaria della Regione Siciliana. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze sono stabiliti i termini, le modalita’, le tempistiche, l’eventuale supporto tecnico, le attivita’ connesse alla realizzazione dell’opera, il compenso del Commissario, i cui oneri sono posti a carico del quadro economico degli interventi da realizzare o completare. Il compenso del Commissario e’ stabilito in misura non superiore a quella indicata all’articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111. Il commissario puo’ avvalersi, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, di strutture dell’amministrazione interessata nonche’ di societa’ controllate dalla medesima (5).
6-bis. Per la prosecuzione dei lavori di realizzazione del modulo sperimentale elettromeccanico per la tutela e la salvaguardia della Laguna di Venezia, noto come sistema MOSE, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, d’intesa con la regione Veneto, sentiti i Ministri dell’economia e delle finanze, dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, per i beni e le attivita’ culturali e delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, la citta’ metropolitana di Venezia e il comune di Venezia, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, e’ nominato un Commissario straordinario incaricato di sovraintendere alle fasi di prosecuzione dei lavori volti al completamento dell’opera. A tal fine il Commissario puo’ assumere le funzioni di stazione appaltante e opera in raccordo con la struttura del Provveditorato interregionale alle opere pubbliche per il Veneto, il Trentino-Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia. Per la celere esecuzione delle attivita’ assegnate al Commissario straordinario, con il medesimo decreto sono altresi’ stabiliti i termini, le modalita’, le tempistiche, l’eventuale supporto tecnico, il compenso del Commissario, il cui onere e’ posto a carico del quadro economico dell’opera. Il compenso del Commissario e’ fissato in misura non superiore a quella indicata all’articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111. Il Commissario straordinario opera in deroga alle disposizioni di legge in materia di contratti pubblici, fatto salvo il rispetto dei principi generali posti dai Trattati dell’Unione europea e dalle disposizioni delle direttive di settore, anche come recepiti dall’ordinamento interno. Il Commissario puo’ avvalersi di strutture delle amministrazioni centrali o territoriali interessate nonche’ di societa’ controllate dallo Stato o dalle regioni, nel limite delle risorse disponibili e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica (6).
6-ter. Al fine della piu’ celere realizzazione degli interventi per la salvaguardia della Laguna di Venezia, le risorse assegnate dall’articolo 1, comma 852, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, pari a 25 milioni di euro per l’anno 2018 e a 40 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2024, e destinate ai comuni della Laguna di Venezia, ripartite dal Comitato di cui all’articolo 4 della legge 29 novembre 1984, n. 798, sono ripartite, per le annualita’ 2018 e 2019, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentiti gli enti attuatori (7).
6-quater. Al fine di assicurare la piena fruibilita’ degli spazi costruiti sull’infrastruttura del Ponte di Parma denominato “Nuovo Ponte Nord”, la regione Emilia-Romagna, la provincia di Parma e il comune di Parma, verificata la presenza sul corso d’acqua principale su cui insiste la medesima infrastruttura di casse di espansione o di altre opere idrauliche a monte del manufatto idonee a garantire un franco di sicurezza adeguato rispetto al livello delle piene, possono adottare i necessari provvedimenti finalizzati a consentirne l’utilizzo permanente attraverso l’insediamento di attivita’ di interesse collettivo sia a scala urbana che extraurbana, anche in deroga alla pianificazione vigente, nel rispetto della pianificazione di bacino e delle relative norme di attuazione. Tale utilizzo costituisce fattispecie unica e straordinaria. I costi per l’utilizzo di cui al presente comma gravano sull’ente incaricato della gestione e non comportano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica (8).
7. Alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto sono da intendersi conclusi i programmi infrastrutturali “6000 Campanili” e “Nuovi Progetti di Intervento”, di cui al decreto-legge 21 giugno 2013 n.69 convertito con modificazioni dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, alla legge 27 dicembre 2013, n. 147, e al decreto-legge 12 settembre 2014 n.133 convertito con modificazioni in legge 11 novembre 2014, n. 164. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento, si provvede alla ricognizione delle somme iscritte nel bilancio dello Stato, anche in conto residui, e non piu’ dovute relative ai predetti programmi, con esclusione delle somme perenti. Le somme accertate a seguito della predetta ricognizione sono mantenute nel conto del bilancio per essere versate all’entrata del bilancio dello Stato nell’anno 2019, qualora iscritte in bilancio nel conto dei residui passivi, e riassegnate ad apposito capitolo di spesa da istituire nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per il finanziamento di un nuovo Programma di Interventi infrastrutturali per Piccoli Comuni fino a 3.500 abitanti. Con il decreto di cui al precedente periodo sono individuate le modalita’ e i termini di accesso al finanziamento del programma di interventi infrastrutturali per Piccoli Comuni fino a 3.500 abitanti per lavori di immediata cantierabilita’ per la manutenzione di strade, illuminazione pubblica, strutture pubbliche comunali e per l’abbattimento delle barriere architettoniche (9).
7-bis. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro dello sviluppo economico, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono individuati gli interventi per realizzare la Piattaforma unica nazionale (PUN) di cui all’articolo 8, comma 5, del decreto legislativo 16 dicembre 2016, n. 257, e per gli investimenti del Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, di cui all’articolo 17-septies del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, cosiddetto “PNire 3”, a favore di progetti di realizzazione di reti di infrastrutture di ricarica dedicate ai veicoli alimentati ad energia elettrica, immediatamente realizzabili, valutati e selezionati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (10).
7-ter. All’onere derivante dal comma 7-bis, nel limite complessivo di euro 10 milioni per l’anno 2019, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo di cui all’articolo 1, comma 1091, della legge 27 dicembre 2017, n. 205(11).
8. Al fine di garantire la realizzazione e il completamento delle opere di cui all’articolo 86 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e con il Ministro dell’economia e delle finanze, provvede, con apposito decreto, anche sulla base della ricognizione delle pendenze di cui all’articolo 49, comma 2, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, a individuare:
a) le amministrazioni competenti che subentrano nei rapporti attivi e passivi della cessata gestione commissariale, rispetto all’avvio ovvero al completamento degli interventi di cui all’articolo 86 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, con relativa indicazione delle modalita’ e delle tempistiche occorrenti per l’avvio o il completamento degli interventi stessi;
b) le amministrazioni competenti cui trasferire gli interventi completati da parte della gestione commissariale;
c) i centri di costo delle amministrazioni competenti cui trasferire le risorse presenti sulla contabilita’ speciale n. 3250, intestata al Commissario ad acta, provenienti dalla contabilita’ speciale n. 1728, di cui all’articolo 86, comma 3, della legge 27 dicembre 2002, n. 289.
9. Nell’ambito degli interventi di cui al comma 8, la Regione Campania provvede al completamento delle attivita’ relative al “Collegamento A3 (Contursi) – SS 7var (Lioni) – A16 (Grottaminarda) – A14 (Termoli). Tratta campana Strada a scorrimento veloce Lioni-Grottaminarda” subentrando nei rapporti attivi e passivi in essere. La Regione Campania e’ autorizzata alla liquidazione delle somme spettanti alle imprese esecutrici utilizzando risorse finanziarie nella propria disponibilita’, comunque destinate al completamento del citato collegamento e provvede alle occorrenti attivita’ di esproprio funzionali alla realizzazione dell’intervento. La Regione Campania puo’ affidare eventuali contenziosi all’Avvocatura dello Stato, previa stipula di apposita convenzione, ai sensi dell’articolo 107, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616 (12).
10. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, da emanarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, si provvede alla costituzione di apposito Comitato di vigilanza per l’attuazione degli interventi di completamento della strada a scorrimento veloce “Lioni-Grottaminarda”, anche ai fini dell’individuazione dei lotti funzionali alla realizzazione dell’opera. La costituzione e il funzionamento del Comitato, composto da cinque componenti di qualificata professionalita’ ed esperienza cui non spettano compensi, gettoni di presenza, rimborsi spesa o altri emolumenti comunque denominati, non comporta nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
11. Ai fini degli effetti finanziari delle disposizioni di cui ai commi 8 e 9, le risorse esistenti sulla contabilita’ speciale 3250, intestata al commissario ad acta, provenienti dalla contabilita’ speciale n.1728, di cui all’articolo 86, comma 3 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, sono riassegnate, ove necessario, mediante versamento all’entrata del bilancio dello Stato, alle Amministrazioni titolari degli interventi.
12. Per l’esecuzione degli interventi di cui ai commi 8 e 9, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 74, comma 2, del testo unico delle leggi per gli interventi nei territori della Campania, Basilicata, Puglia e Calabria colpiti dagli eventi sismici del novembre 1980, del febbraio 1981 e del marzo 1982, di cui al decreto legislativo 30 marzo 1990, n. 76.
12-bis. All’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, dopo il comma 148 e’ inserito il seguente:
“148-bis. Le disposizioni dei commi da 140 a 148 si applicano anche ai contributi da attribuire per l’anno 2020 ai sensi dell’articolo 1, comma 853, della legge 27 dicembre 2017, n. 205. Per tali contributi sono conseguentemente disapplicate le disposizioni di cui ai commi da 854 a 861 dell’articolo 1 della citata legge n. 205 del 2017″(13).
12-ter. All’articolo 1, comma 1, della legge 14 gennaio 1994, n. 20, dopo il secondo periodo e’ inserito il seguente: “La gravita’ della colpa e ogni conseguente responsabilita’ sono in ogni caso escluse per ogni profilo se il fatto dannoso trae origine da decreti che determinano la cessazione anticipata, per qualsiasi ragione, di rapporti di concessione autostradale, allorche’ detti decreti siano stati vistati e registrati dalla Corte dei conti in sede di controllo preventivo di legittimita’ svolto su richiesta dell’amministrazione procedente” (14).
12-quater. All’articolo 16 della legge 27 febbraio 1967, n. 48, dopo il secondo comma e’ inserito il seguente:
“In caso di assenza o impedimento temporaneo del Presidente del Consiglio dei ministri, il Comitato e’ presieduto dal Ministro dell’economia e delle finanze in qualita’ di vice presidente del Comitato stesso. In caso di assenza o di impedimento temporaneo anche di quest’ultimo, le relative funzioni sono svolte dal Ministro presente piu’ anziano per eta’” (15).
12-quinquies. All’articolo 61 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 6, le parole: “31 dicembre 2019” sono sostituire dalle seguenti: “31 gennaio 2021”;
b) al comma 9, le parole: “con la consegna delle opere previste nel piano di cui al comma 4” sono sostituite dalle seguenti: “il 31 dicembre 2021” (16).
12-sexies. Al primo periodo del comma 13 dell’articolo 55 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, dopo le parole: “Nodo stazione di Verona” sono aggiunte, in fine, le seguenti: “nonche’ delle iniziative relative all’interporto di Trento, all’interporto ferroviario di Isola della Scala (Verona) ed al porto fluviale di Valdaro (Mantova)” (17).
12-septies. Al fine di consentire il celere riavvio dei lavori del Nodo ferroviario di Genova e assicurare il collegamento dell’ultimo miglio tra il Terzo Valico dei Giovi e il Porto storico di Genova, i progetti “Potenziamento infrastrutturale Voltri-Brignole”, “Linea AV/AC Milano-Genova: Terzo Valico dei Giovi” e “Potenziamento Genova-Campasso” sono unificati in un Progetto unico, il cui limite di spesa e’ definito in 6.853,23 milioni di euro ed e’ interamente finanziato nell’ambito delle risorse del contratto di programma RFI. Tale finalizzazione e’ recepita nell’aggiornamento del contratto di programma – parte investimenti tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e la RFI Spa per gli anni 2018-2019, che deve recare il quadro economico unitario del Progetto unico e il cronoprogramma degli interventi. Le risorse che si rendono disponibili sui singoli interventi del Progetto unico possono essere destinate agli altri interventi nell’ambito dello stesso Progetto unico. Le opere civili degli interventi “Potenziamento infrastrutturale Voltri-Brignole” e “Potenziamento Genova-Campasso” e la relativa impiantistica costituiscono lavori supplementari all’intervento “Linea AV/AC Milano-Genova: Terzo Valico dei Giovi” ai sensi dell’articolo 89 della direttiva 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014. E’ autorizzato l’avvio della realizzazione del sesto lotto costruttivo della “Linea AV/AC Milano-Genova: Terzo Valico dei Giovi”, mediante utilizzo delle risorse gia’ assegnate alla RFI per il finanziamento del contratto di programma – parte investimenti RFI, nel limite di 833 milioni di euro anche nell’ambito del riparto del Fondo per gli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, di cui all’articolo 1, comma 1072, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (18).
12-octies. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sentito il Ministro dell’economia e delle finanze, d’intesa con il Presidente della Giunta regionale della Liguria, nomina, con proprio decreto e senza oneri per la finanza pubblica, il Commissario straordinario per il completamento dei lavori del Nodo ferroviario di Genova e del collegamento dell’ultimo miglio tra il Terzo Valico dei Giovi e il Porto storico di Genova, in deroga alla procedura vigente(19).
[1] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Comma sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[6] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[7] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[8] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[9] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[10] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[11] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[12] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[13] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[14] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[15] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[16] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[17] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[18] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[19] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4 bis 2
Norme in materia di messa in sicurezza di edifici e territorio (1)
1. Al fine di permettere il completamento della realizzazione degli interventi di messa in sicurezza di edifici e territorio da parte dei comuni, in relazione ai contributi per investimenti concessi nel 2018 ai comuni, all’articolo 1 della legge 27 dicembre 2017, n. 205, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 859 sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “, ad esclusione dei casi nei quali il mancato rispetto dei termini sia stato determinato dall’instaurazione di un contenzioso in ordine alla procedura posta in essere dal comune ai sensi dei commi 853 e seguenti”;
b) dopo il comma 859 e’ inserito il seguente:
“859-bis. Per i contributi assegnati per l’anno 2018, il recupero di cui al comma 859 non si applica agli enti beneficiari del medesimo contributo che hanno posto in essere, entro i termini di cui al comma 857, le attivita’ preliminari all’affidamento dei lavori rilevabili attraverso il sistema di monitoraggio di cui al comma 860, a condizione che l’affidamento avvenga entro il 31 dicembre 2019”.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4 ter 3
Commissario straordinario per la sicurezza del sistema idrico del Gran Sasso (1)
1. Entro quindici giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sentito il Presidente della regione Abruzzo, con proprio decreto, nomina, fino al 31 dicembre 2021, un Commissario straordinario del Governo, scelto tra persone, anche estranee alla pubblica amministrazione, di comprovata esperienza gestionale e amministrativa, che non siano in una situazione di conflitto di interessi, con il compito di sovraintendere alla progettazione, all’affidamento e all’esecuzione degli interventi indifferibili ed urgenti volti a fronteggiare la situazione di grave rischio idrogeologico e conseguire adeguati standard di qualita’ delle acque e di sicurezza idraulica del sistema idrico del Gran Sasso.
2. Al Commissario straordinario e’ attribuito un compenso, determinato con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, in misura non superiore a quella indicata all’articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, con oneri a carico delle risorse di cui al comma 12.
3. Per l’esercizio dei compiti assegnati, il Commissario straordinario si avvale di una struttura di supporto posta alle sue dirette dipendenze, costituita con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri e composta da un contingente massimo di undici unita’ di personale, di cui una unita’ di livello dirigenziale non generale e dieci unita’ di personale non dirigenziale, scelto tra il personale delle amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, con esclusione del personale docente, educativo ed amministrativo-tecnico-ausiliario delle istituzioni scolastiche. Al personale della struttura e’ riconosciuto il trattamento economico accessorio corrisposto al personale dirigenziale e non dirigenziale della Presidenza del Consiglio dei ministri nel caso in cui il trattamento economico accessorio di provenienza risulti complessivamente inferiore. Al personale non dirigenziale spetta comunque l’indennita’ di amministrazione della Presidenza del Consiglio dei ministri. Nell’ambito del menzionato contingente di personale non dirigenziale possono essere nominati fino a cinque esperti o consulenti, scelti anche tra soggetti estranei alla pubblica amministrazione, in possesso di comprovata esperienza, anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, il cui compenso e’ definito con provvedimento del Commissario e comunque non e’ superiore ad euro 48.000 annui.
4. Il personale pubblico della struttura commissariale e’ collocato, ai sensi dell’articolo 17, comma 14, della legge 15 maggio 1997, n. 127, in posizione di comando, fuori ruolo o altro analogo istituto previsto dai rispettivi ordinamenti. All’atto del collocamento fuori ruolo e’ reso indisponibile, per tutta la durata del collocamento fuori ruolo, un numero di posti nella dotazione organica dell’amministrazione di provenienza equivalente dal punto di vista finanziario. Il trattamento economico fondamentale ed accessorio del predetto personale e’ anticipato dalle amministrazioni di provenienza e corrisposto secondo le seguenti modalita’:
a) le amministrazioni statali di provenienza, ivi comprese le agenzie fiscali, le amministrazioni statali ad ordinamento autonomo e le universita’, provvedono, con oneri a proprio carico esclusivo, al pagamento del trattamento economico fondamentale, nonche’ dell’indennita’ di amministrazione. Qualora l’indennita’ di amministrazione risulti inferiore a quella prevista per il personale della Presidenza del Consiglio dei ministri, il Commissario straordinario provvede al rimborso delle sole somme eccedenti l’importo dovuto, a tale titolo, dall’amministrazione di provenienza;
b) per le amministrazioni pubbliche diverse da quelle di cui alla lettera a) il trattamento economico fondamentale e l’indennita’ di amministrazione sono a carico esclusivo del Commissario straordinario;
c) ogni altro emolumento accessorio e’ corrisposto con oneri a carico esclusivo del Commissario straordinario il quale provvede direttamente ovvero mediante apposita convenzione con le amministrazioni pubbliche di provenienza o con altra amministrazione dello Stato o ente locale.
5. Il Commissario straordinario puo’ nominare, con proprio provvedimento, fino a due sub-commissari, il cui compenso e’ determinato in misura non superiore a quella indicata all’articolo 15, comma 3, del citato decreto-legge n. 98 del 2011. L’incarico di sub-commissario ha durata massima non superiore a quella del Commissario e nei limiti delle risorse individuate al comma 12.
6. La struttura commissariale cessa alla scadenza dell’incarico del Commissario.
7. Per l’esercizio dei compiti assegnati, il Commissario straordinario puo’ avvalersi, sulla base di appositi protocolli d’intesa, di personale dell’ANAS Spa nei limiti delle risorse individuate al comma 12.
8. E’ costituita una Cabina di coordinamento, presieduta dal Presidente della regione Abruzzo, con compiti di comunicazione ed informazione nei confronti delle popolazioni interessate, nonche’ di coordinamento tra i diversi livelli di governo coinvolti e di verifica circa lo stato di avanzamento degli interventi di messa in sicurezza del sistema idrico del Gran Sasso. La Cabina di coordinamento e’ composta dai presidenti delle amministrazioni provinciali di L’Aquila e Teramo, dai sindaci dei comuni di L’Aquila e Teramo, da due rappresentanti dell’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI), uno per la provincia di L’Aquila e uno per la provincia di Teramo, dal presidente del Parco nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, da un rappresentante del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, uno del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e uno del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, nonche’ da un rappresentante, rispettivamente, per l’Azienda sanitaria locale di Teramo e per quella di L’Aquila. Il presidente della Cabina di coordinamento relaziona periodicamente al Presidente del Consiglio dei ministri. Per la partecipazione alla Cabina di coordinamento non spettano gettoni di presenza, indennita’ o emolumenti comunque denominati. Gli eventuali rimborsi di spese sono posti a carico delle amministrazioni di appartenenza.
9. Per la realizzazione dei lavori di completa messa in sicurezza dell’acquifero del Gran Sasso, il Commissario straordinario puo’ assumere direttamente le funzioni di stazione appaltante e opera in deroga alle disposizioni di legge in materia di contratti pubblici, fatto salvo il rispetto dei vincoli inderogabili derivanti dall’appartenenza all’Unione europea. Con decreto del Ministro dell’interno, da adottare entro quindici giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono individuate speciali misure amministrative di semplificazione per il rilascio della documentazione antimafia, anche in deroga alle relative norme.
10. Per la specificita’ del sistema di captazione delle acque drenate a tergo delle gallerie autostradali del Traforo autostradale del Gran Sasso e all’interno dei laboratori dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN), al fine di garantire la tutela dell’acquifero del Gran Sasso e l’uso potabile della risorsa idrica captata dallo stesso, contemperando la coesistenza e la regolare conduzione delle gallerie autostradali e dei laboratori stessi, non si applica, relativamente alle captazioni idropotabili delle gallerie stesse, lato Teramo e L’Aquila, l’articolo 94, comma 3, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, relativamente alla previsione secondo cui la zona di tutela assoluta deve essere adibita esclusivamente a opere di captazione o presa e ad infrastrutture di servizio. La protezione dei punti di captazione deve essere garantita dall’esecuzione degli interventi di messa in sicurezza determinati dall’attivita’ del Commissario straordinario cui compete altresi’ la messa in sicurezza delle infrastrutture quali le gallerie autostradali e i laboratori. Nelle zone di rispetto delle captazioni idropotabili delle gallerie autostradali, individuate ai sensi dell’articolo 94, comma 4, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, sono consentiti gli interventi di raccolta, trasporto e recupero di rifiuti prodotti a seguito degli interventi di messa in sicurezza come determinati dall’attivita’ del Commissario straordinario. La messa in sicurezza delle attivita’ preesistenti, quali le gallerie autostradali e i laboratori, e’ garantita dagli interventi determinati dal Commissario straordinario.
11. Per la realizzazione degli interventi urgenti di cui al presente articolo e’ autorizzata l’apertura di apposita contabilita’ speciale intestata al Commissario straordinario, sulla quale confluiscono le risorse pubbliche all’uopo destinate o risorse di altra natura.
12. Agli oneri derivanti dalla costituzione e dal funzionamento della struttura di supporto di cui ai commi 2, 3, 4, 5 e 7 provvede il Commissario straordinario nel limite delle risorse disponibili nella contabilita’ speciale. A tal fine e’ autorizzata la spesa di complessivi euro 700.000 per l’anno 2019 e di euro 1.400.000 per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
13. Per la definizione dei progetti e per la realizzazione degli interventi strutturali di completa messa in sicurezza dell’acquifero del Gran Sasso e del sistema di captazione delle acque potabili, i cui oneri sono stati stimati dai rispettivi quadri economici, e’ autorizzata la spesa di euro 20 milioni per l’anno 2019, 50 milioni per l’anno 2020 e 50 milioni per l’anno 2021.
14. Agli atti del Commissario straordinario si applicano, ove compatibili, le disposizioni di cui all’articolo 36 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229.
15. All’onere derivante dal presente articolo, pari a 20,7 milioni di euro per l’anno 2019, a 51,4 milioni di euro per l’anno 2020 e a 51,4 milioni di euro per l’anno 2021 si provvede:
a) quanto a 0,7 milioni di euro per l’anno 2019 e a 1,4 milioni di euro per l’anno 2020, mediante corrispondente utilizzo del fondo di cui al comma 5 dell’articolo 34-ter della legge 31 dicembre 2009, n. 196, iscritto nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
b) quanto a 1,4 milioni di euro per l’anno 2021, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2019-2021, nell’ambito del programma “Fondi di riserva e speciali” della missione “Fondi da ripartire” dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2019, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca;
c) quanto a 20 milioni di euro per l’anno 2019, 50 milioni di euro per l’anno 2020 e 50 milioni di euro per l’anno 2021, mediante corrispondente utilizzo dell’autorizzazione di spesa recata dall’articolo 1, comma 95, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, da imputare sulla quota parte del fondo attribuita al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per euro 18 milioni per l’anno 2019, 45 milioni per l’anno 2020 e 43 milioni per l’anno 2021 e sulla quota parte del fondo attribuita al Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca per euro 2 milioni per l’anno 2019, 5 milioni per l’anno 2020 e 7 milioni per l’anno 2021.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4 quater
Sperimentazione e semplificazioni in materia contabile (1)
1. In relazione all’entrata in vigore del nuovo concetto di impegno di cui all’articolo 34 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, al fine di garantire la sussistenza delle disponibilita’ di competenza e cassa occorrenti per l’assunzione degli impegni anche pluriennali e la necessita’ di assicurare la tempestivita’ dei pagamenti in un quadro ordinamentale che assicuri la disponibilita’ in bilancio delle risorse finanziarie in un arco temporale adeguato alla tempistica di realizzazione delle spese di investimento sulla base dello stato avanzamento lavori, in via sperimentale per gli anni 2019, 2020 e 2021:
a) le somme da iscrivere negli stati di previsione della spesa in relazione a variazioni di bilancio connesse alla riassegnazione di entrate finalizzate per legge a specifici interventi o attivita’ sono assegnate ai pertinenti capitoli in ciascuno degli anni del bilancio pluriennale in relazione al cronoprogramma degli impegni e dei pagamenti da presentare contestualmente alla richiesta di variazione;
b) per le spese in conto capitale i termini di cui al comma 3 dell’articolo 34-bis della legge 31 dicembre 2009, n. 196, sono prolungati di un ulteriore esercizio e quelli di cui al comma 4, primo periodo, del medesimo articolo 34-bis sono prolungati di ulteriori tre esercizi;
c) le disposizioni di cui all’articolo 30, comma 2, lettera b), della legge 31 dicembre 2009, n. 196, si applicano anche alle autorizzazioni di spesa in conto capitale a carattere permanente e a quelle annuali.
2. Al fine di semplificare e accelerare le procedure di assegnazione di fondi nel corso della gestione, dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto le variazioni di bilancio di cui agli articoli 24, comma 5-bis, 27,29 e 33, commi 4-ter e 4-sexies, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, sono disposte con decreti del Ragioniere generale dello Stato.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4 quinquies 5
Misure per l’accelerazione degli interventi di edilizia sanitaria (1)
1. Al fine di assicurare la tempestiva realizzazione dei soli interventi del programma di investimenti del patrimonio strutturale e tecnologico del Servizio sanitario nazionale, di cui all’articolo 20 della legge 11 marzo 1988, n. 67, previsti negli accordi di programma sottoscritti dalle regioni e dalle province autonome di Trento e di Bolzano, ai sensi dell’articolo 5-bis del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e dell’articolo 2 della legge 23 dicembre 1996, n. 662, che siano ritenuti prioritari e per i quali non risulti presentata la relativa richiesta di ammissione al finanziamento entro ventiquattro mesi dalla sottoscrizione dell’accordo stesso, il Ministro della salute, con proprio decreto ricognitivo, previa valutazione del relativo stato di attuazione in contraddittorio con la regione o la provincia autonoma interessata, assegna a quest’ultima un termine congruo, anche in deroga a quello previsto dall’articolo 1, comma 310, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, per provvedere all’ammissione al finanziamento.
2. Decorso inutilmente il termine assegnato ai sensi del comma 1, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della salute, sentiti la regione o la provincia autonoma interessata, il Ministro per gli affari regionali e le autonomie e il Ministro dell’economia e delle finanze, dispone la nomina di un Commissario straordinario per la realizzazione dell’intervento, individuato nell’ambito dei ruoli dirigenziali delle amministrazioni dello Stato, anche della carriera prefettizia, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Gli oneri per il compenso o eventuali altri oneri per il supporto tecnico al Commissario straordinario sono posti a carico dei quadri economici degli interventi da realizzare o completare. Il compenso del Commissario e’ stabilito in misura non superiore a quella indicata all’articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111.
3. Il finanziamento, erogato dal Ministero dell’economia e delle finanze per stati di avanzamento lavori, affluisce su apposito conto corrente di tesoreria intestato alla regione interessata e dedicato all’edilizia sanitaria sul quale il Commissario straordinario opera in qualita’ di Commissario ad acta.
4. Al fine di accelerare l’esecuzione degli interventi di cui al presente articolo, il Commissario straordinario puo’ avvalersi, previa convenzione, di Invitalia Spa quale centrale di committenza, nei limiti delle risorse previste nei quadri economici degli interventi da realizzare o completare e comunque senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.
5. Per le medesime finalita’ di cui al comma 1, per gli interventi ammessi al finanziamento per i quali, entro diciotto mesi dalla relativa comunicazione alla regione o provincia autonoma, gli enti attuatori non abbiano proceduto all’aggiudicazione dei lavori e sia inutilmente scaduto il termine di proroga eventualmente assegnato ai sensi dell’articolo 1, comma 310, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che siano ritenuti prioritari, il Ministro della salute, con proprio decreto ricognitivo, previa valutazione del relativo stato di attuazione in contraddittorio con la regione o la provincia autonoma interessata, assegna a quest’ultima un termine congruo per addivenire all’aggiudicazione. Decorso inutilmente il termine assegnato, si applicano le disposizioni di cui ai commi 2, 3, 4, 6, 8 e 9 del presente articolo.
6. Agli interventi di cui ai commi 1 e 5 non si applicano le disposizioni per la risoluzione degli accordi previste dall’articolo 1, comma 310, della legge 23 dicembre 2005, n. 266.
7. Per gli accordi aventi sviluppo pluriennale, i termini di cui al comma 1 decorrono dalla data di inizio dell’annualita’ di riferimento prevista dagli accordi medesimi per ciascun intervento.
8. Per gli interventi di cui al presente articolo si applicano in quanto compatibili le disposizioni di cui all’articolo 4, commi 2, 3 e 4, del presente decreto.
9. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per gli affari regionali e le autonomie, sono stabiliti i termini, le modalita’, le tempistiche, l’eventuale supporto tecnico e le attivita’ connesse alla realizzazione dell’opera.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4 sexies 6
Autorizzazione di spesa per acquisizioni e interventi in materia di sedi di servizio del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (1)
1. Al fine di potenziare la risposta operativa del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e’ autorizzata la spesa di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2023 per l’acquisto, la costruzione, l’adeguamento, anche strutturale, e l’ammodernamento delle sedi di servizio del medesimo Corpo.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 4 septies 7
Disposizioni in materia di accelerazione degli interventi di adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione anche al fine di evitare l’aggravamento delle procedure di infrazione in corso (1)
1. Al fine di evitare l’aggravamento delle procedure di infrazione in corso n. 2014/2059 e n. 2017/2181, al Commissario unico di cui all’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, sono attribuiti compiti di coordinamento per la realizzazione degli interventi funzionali a garantire l’adeguamento nel minor tempo possibile alla normativa dell’Unione europea e superare le suddette procedure di infrazione nonche’ tutte le procedure di infrazione relative alle medesime problematiche.
2. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, i commissari straordinari di cui all’articolo 7, comma 7, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, cessano le proprie funzioni. Il Commissario unico subentra in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi posti in essere.
3. Le regioni, avvalendosi dei rispettivi enti di governo d’ambito, e i commissari straordinari di cui all’articolo 7, comma 7, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, che cessano le funzioni, trasmettono al Commissario unico, alla Presidenza del Consiglio dei ministri, al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e al Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato del Ministero dell’economia e delle finanze, entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto una dettagliata relazione in merito a tutte le misure intraprese e programmate, finalizzate al superamento delle procedure di infrazione n. 2014/2059 e n. 2017/2181, precisando, per ciascun agglomerato, la documentazione progettuale e tecnica, le risorse finanziarie programmate e disponibili e le relative fonti. Entro i successivi sessanta giorni, il Commissario unico, sulla base di tali relazioni e comunque avvalendosi dei competenti uffici regionali e degli enti di governo d’ambito, provvede ad una ricognizione dei piani e dei progetti esistenti inerenti agli interventi, ai fini di una verifica dello stato di attuazione degli interventi, effettuando anche una prima valutazione in merito alle risorse finanziarie effettivamente disponibili, e ne da’ comunicazione al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.
4. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, previa intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono individuati gli interventi, tra quelli per cui non risulti gia’ intervenuta l’aggiudicazione provvisoria dei lavori, per i quali il Commissario unico assume il compito di soggetto attuatore. Con il medesimo decreto sono individuate le risorse finanziarie, disponibili a legislazione vigente, necessarie anche al completamento degli interventi funzionali volti a garantire l’adeguamento alle sentenze di condanna della Corte di giustizia dell’Unione europea pronunciate il 19 luglio 2012 (causa C-565/10) e il 10 aprile 2014 (causa C-85/13). Con il medesimo decreto le competenze del Commissario unico possono essere estese anche ad altri agglomerati oggetto di ulteriori procedure di infrazione. Il decreto di cui al presente comma stabilisce la durata e gli obiettivi di ciascun incarico del Commissario unico nonche’ la dotazione finanziaria necessaria al raggiungimento degli obiettivi assegnati per ciascun incarico.
5. Sulla base di una specifica convenzione, il Commissario unico opera presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, con sede presso il medesimo Ministero.
6. Ai fini dell’attuazione dei poteri sostitutivi di cui al comma 5 dell’articolo 10 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, a seguito del provvedimento di revoca, adottato ai sensi dell’articolo 20 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, le risorse confluiscono direttamente nella contabilita’ speciale del Commissario con le modalita’ di cui ai commi 7-bis e 7-ter dell’articolo 7 del citato decreto-legge n. 133 del 2014 e al Commissario e’ attribuito il compito di realizzare direttamente l’intervento.
7. All’articolo 2 del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 18, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 2, dopo le parole: “decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152” sono inserite le seguenti: “, o, in mancanza di questi ultimi, alle regioni”;
b) al comma 9, al primo periodo, dopo le parole: “nell’ambito delle aree di intervento” sono inserite le seguenti: “nonche’ del gestore del servizio idrico integrato territorialmente competente” e dopo il primo periodo e’ inserito il seguente: “Al personale di cui il Commissario si avvale puo’ essere riconosciuta la corresponsione di compensi per prestazioni di lavoro straordinario nel limite massimo di 30 ore mensili effettivamente svolte, e comunque nel rispetto della disciplina in materia di orario di lavoro di cui al decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66.”.
8. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le amministrazioni interessate provvedono alle attivita’ di rispettiva competenza con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5
Norme in materia di rigenerazione urbana
1. Al fine di concorrere a indurre una drastica riduzione del consumo di suolo e a favorire la rigenerazione del patrimonio edilizio esistente, a incentivare la razionalizzazione di detto patrimonio edilizio, nonche’ a promuovere e agevolare la riqualificazione di aree urbane degradate con presenza di funzioni eterogenee e tessuti edilizi disorganici o incompiuti, nonche’ di edifici a destinazione non residenziale dismessi o in via di dismissione, ovvero da rilocalizzare, tenuto conto anche della necessita’ di favorire lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili e di assicurare il miglioramento e l’adeguamento sismico del patrimonio edilizio esistente, anche con interventi di demolizione e ricostruzione:
[a) all’articolo 2-bis, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, le parole “possono prevedere” sono sostituite dalla seguente: “introducono”; e le parole “e possono dettare” sono sostituite dalla seguente: “nonche'”;] (1)
b) all’articolo 2-bis del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, dopo il comma 1 sono aggiunti i seguenti (2):
«1-bis. Le disposizioni del comma 1 sono finalizzate a orientare i comuni nella definizione di limiti di densita’ edilizia, altezza e distanza dei fabbricati negli ambiti urbani consolidati del proprio territorio.
1-ter. In ogni caso di intervento di demolizione e ricostruzione, quest’ultima e’ comunque consentita nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti purche’ sia effettuata assicurando la coincidenza dell’area di sedime e del volume dell’edificio ricostruito con quello demolito, nei limiti dell’altezza massima di quest’ultimo.».
b-bis) le disposizioni di cui all’articolo 9, commi secondo e terzo, del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, si interpretano nel senso che i limiti di distanza tra i fabbricati ivi previsti si considerano riferiti esclusivamente alle zone di cui al primo comma, numero 3), dello stesso articolo 9(3).
1-bis. Nell’ambito delle iniziative volte alla rigenerazione delle aree urbane, l’autorizzazione di spesa di cui alla legge 14 marzo 2001, n. 80, e’ rifinanziata per l’importo di euro 500.000 per ciascuno degli anni dal 2019 al 2025. All’onere derivante dal presente comma si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di conto capitale iscritto, ai fini del bilancio triennale 2019-2021, nell’ambito del programma “Fondi di riserva e speciali” della missione “Fondi da ripartire” dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2019, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al medesimo Ministero (4).
1-ter. Le risorse disponibili relative al finanziamento per la riqualificazione urbanistica del comune di Cosenza nonche’ dei comuni di Zimella (VR) e di Montecchia di Crosara (VR) rispettivamente pari a 200.000 euro e a 150.000 euro ciascuno, autorizzate per l’anno 2018 ai sensi della legge 27 dicembre 2017, n. 205, e iscritte nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti nella missione “Casa e assetto urbanistico”, programma “Politiche abitative, urbane e territoriali”, sono conservate nel conto dei residui passivi per essere iscritte nei pertinenti capitoli di bilancio dello stato di previsione del Ministero dell’interno. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio, anche in conto residui(5).
[1] Lettera soppressa dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Lettera aggiunta dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5 bis 2
Disposizioni in materia di ciclovie interurbane (1)
1. Al comma 104 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) le parole: “delle autostrade ciclabili” sono sostituite dalle seguenti: “di ciclovie interurbane, come definite ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera a), della legge 11 gennaio 2018, n. 2”;
b) le parole: “novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge” sono sostituite dalle seguenti: “il 31 agosto 2019”.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5 ter 3
Norme applicabili in materia di procedimenti di localizzazione di opere di interesse statale (1)
1. All’articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 383, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1, le parole: “ai sensi dell’articolo 2, comma 14, della legge 24 dicembre 1993, n. 537” sono sostituite dalle seguenti: “ai sensi degli articoli da 14 a 14-quinquies della legge 7 agosto 1990, n. 241”;
b) i commi 2, 3, 4 e 5 sono abrogati.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5 quater 4
Proroga di mutui scaduti (1)
1. Al fine di consentire il completamento di opere di interesse pubblico, le somme residue relative ai mutui che sono stati trasferiti al Ministero dell’economia e delle finanze in attuazione dell’articolo 5, commi 1 e 3, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, il cui piano di rimborso e’ scaduto il 31 dicembre 2018 e che pertanto risultano a tale data non utilizzate dai soggetti mutuatari, possono essere erogate anche successivamente alla scadenza dell’ammortamento dei predetti mutui ai fini della realizzazione degli interventi riguardanti l’opera oggetto del mutuo concesso ovvero alla quale sono state destinate le somme mutuate a seguito dei diversi utilizzi autorizzati dalla Cassa depositi e prestiti Spa, previo nulla osta dei Ministeri competenti, nel corso del periodo di ammortamento. L’erogazione delle suddette somme e’ effettuata dalla Cassa depositi e prestiti Spa entro il 31 dicembre 2021, su domanda dei soggetti mutuatari, previo nulla osta dei Ministeri competenti, sulla base dei documenti giustificativi delle spese connesse alla realizzazione delle predette opere.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5 quinquies
Disposizioni urgenti in materia di infrastrutture (1)
1. In considerazione della straordinaria necessita’ ed urgenza di assicurare la celere cantierizzazione delle opere pubbliche, e’ istituita, a decorrere dal 1° settembre 2019, la societa’ per azioni denominata “Italia Infrastrutture Spa”, con capitale sociale pari a 10 milioni di euro interamente detenuto dal Ministero dell’economia e delle finanze, su cui il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti esercita il controllo di cui all’articolo 16 del testo unico di cui al decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175. La societa’, previa stipula di una o piu’ convenzioni con le strutture interessate del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ha per oggetto il supporto tecnico-amministrativo alle direzioni generali in materia di programmi di spesa che prevedano il trasferimento di fondi a regioni ed enti locali e che siano sottoposti alle Conferenze di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281. Le risorse destinate alle convenzioni di cui al presente comma sono erogate alla societa’ su un conto di tesoreria intestato alla medesima societa’, appositamente istituito, con le modalita’ previste dalle medesime convenzioni. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, e’ adottato lo statuto della societa’. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, designa il consiglio di amministrazione.
2. La societa’ puo’ avvalersi, sulla base di apposite convenzioni e con oneri a carico della societa’ stessa nell’ambito delle risorse disponibili a legislazione vigente, di personale proveniente dalle pubbliche amministrazioni, anche ad ordinamento autonomo, e puo’ stipulare contratti di lavoro a tempo determinato, nel rispetto della disciplina applicabile, con esperti di elevata professionalita’ nelle materie oggetto d’intervento della societa’ medesima.
3. Per le convenzioni di cui al comma 1 e’ autorizzata la spesa di 2 milioni di euro per l’anno 2019 e 5 milioni di euro a decorrere dall’anno 2020.
4. All’onere derivante dal presente articolo, pari a 12 milioni di euro per l’anno 2019 e a 5 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2020, si provvede:
a) quanto a 0,5 milioni di euro per l’anno 2019 e 2 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2020, mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa recata dall’articolo 1, comma 238, della legge 30 dicembre 2004, n. 311. A tal fine, al terzo periodo dell’articolo 1, comma 238, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, le parole: “e all’importo di euro 9.309.900 annui a decorrere dall’anno 2020” sono sostituite dalle seguenti: “, all’importo di 11,5 milioni di euro per l’anno 2019 e all’importo di 7.309.900 euro a decorrere dall’anno 2020”;
b) quanto a 1,5 milioni di euro per l’anno 2019 e a 3 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2020, mediante corrispondente riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307;
c) quanto a 10 milioni di euro per l’anno 2019, mediante corrispondente utilizzo dell’autorizzazione di spesa recata dall’articolo 1, comma 95, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, da imputare sulla quota parte del fondo attribuita al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5 sexies 6
Disposizioni urgenti per gli edifici condominiali degradati o ubicati in aree degradate (1)
1. Negli edifici condominiali dichiarati degradati dal comune nel cui territorio sono ubicati gli edifici medesimi, quando ricorrono le condizioni di cui all’articolo 1105, quarto comma, del codice civile, la nomina di un amministratore giudiziario puo’ essere richiesta anche dal sindaco del comune ove l’immobile e’ ubicato. L’amministratore giudiziario assume le decisioni indifferibili e necessarie in funzione sostitutiva dell’assemblea.
2. Le dichiarazioni di degrado degli edifici condominiali di cui al comma 1 sono effettuate dal sindaco del comune con ordinanza ai sensi dell’articolo 50, comma 5, del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nel quadro della disciplina in materia di sicurezza delle citta’ di cui al decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 aprile 2017, n. 48.
3. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 5 septies 7
Sistemi di videosorveglianza a tutela dei minori e degli anziani (1)
1. Al fine di assicurare la piu’ ampia tutela a favore dei minori nei servizi educativi per l’infanzia e nelle scuole dell’infanzia statali e paritarie, nello stato di previsione del Ministero dell’interno e’ istituito un fondo con una dotazione di 5 milioni di euro per l’anno 2019 e 15 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, finalizzato all’erogazione a favore di ciascun comune delle risorse finanziarie occorrenti per l’installazione di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso presso ogni aula di ciascuna scuola nonche’ per l’acquisto delle apparecchiature finalizzate alla conservazione delle immagini per un periodo temporale adeguato.
2. Al fine di assicurare la piu’ ampia tutela a favore delle persone ospitate nelle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali per anziani e persone con disabilita’, a carattere residenziale, semiresidenziale o diurno, nello stato di previsione del Ministero della salute e’ istituito un fondo con una dotazione di 5 milioni di euro per l’anno 2019 e 15 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, finalizzato all’installazione di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso presso ogni struttura di cui al presente comma nonche’ per l’acquisto delle apparecchiature finalizzate alla conservazione delle immagini per un periodo temporale adeguato.
3. Con apposito provvedimento normativo, nei limiti delle risorse di cui ai commi 1 e 2, che costituiscono il relativo limite di spesa, si provvede a dare attuazione agli interventi ivi previsti.
4. All’onere derivante dal presente articolo, pari a 10 milioni di euro per l’anno 2019 e a 30 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, si provvede, quanto a 5 milioni di euro per l’anno 2019 e a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, mediante corrispondente utilizzo dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 95, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, relativa alla quota del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca e, quanto a 5 milioni di euro per l’anno 2019 e a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, mediante corrispondente utilizzo delle risorse di cui all’articolo 20 della legge 11 marzo 1988, n. 67.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

CAPO II
Disposizioni relative agli eventi sismici della Regione Molise e dell’Area Etnea

Articolo 6
Ambito di applicazione e Commissari straordinari
1. Le disposizioni del presente Capo sono volte a disciplinare gli interventi per la riparazione e la ricostruzione degli immobili, l’assistenza alla popolazione e la ripresa economica nei territori dei comuni di cui all’allegato 1 interessati dagli eventi sismici di cui alle delibere del Consiglio dei ministri del 6 settembre 2018, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 213 del 13 settembre 2018, e del 28 dicembre 2018, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 1 del 2 gennaio 2019, di seguito denominati “eventi”.
2. Per lo svolgimento delle funzioni di cui al comma 1, il Presidente del Consiglio dei ministri, d’intesa con i Presidenti delle Giunte regionali competenti per territorio, con proprio decreto, nomina, fino al 31 dicembre 2021, il Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori dei comuni della provincia di Campobasso colpiti dagli eventi sismici a far data dal 16 agosto 2018 e il Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori dei comuni della Citta’ metropolitana di Catania colpiti dall’evento sismico del 26 dicembre 2018 i cui compensi sono determinati con lo stesso decreto, analogamente a quanto disposto per il Commissario straordinario del Governo di cui all’articolo 2 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, in misura non superiore ai limiti di cui all’articolo 15, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, e fatto salvo quanto previsto dall’articolo 34 della legge 23 agosto 1988, n. 400, con oneri a carico delle risorse disponibili sulle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8. La gestione straordinaria, finalizzata all’attuazione delle misure oggetto del presente Capo, cessa il 31 dicembre 2021.
3. I Commissari straordinari, di seguito denominati “Commissari”, assicurano una ricostruzione unitaria e omogenea nei territori colpiti dagli eventi, attraverso specifici piani di riparazione e di ricostruzione degli immobili privati e pubblici e di trasformazione e, eventualmente, di delocalizzazione urbana finalizzati alla riduzione delle situazioni di rischio sismico e idrogeologico e alla tutela paesaggistica e, a tal fine, programmano l’uso delle risorse finanziarie e adottano le direttive necessarie per la progettazione ed esecuzione degli interventi, nonche’ per la determinazione dei contributi spettanti ai beneficiari sulla base di indicatori del danno, della vulnerabilita’ e di costi parametrici (1).
4. Gli interventi e i piani discendenti dall’applicazione del presente Capo sono attuati nel rispetto degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 agosto 1997, n. 357, nonche’ degli strumenti di pianificazione e gestione delle aree protette nazionali e regionali, individuate ai sensi della legge 6 dicembre 1991, n. 394.
[1] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 7
Funzioni dei Commissari straordinari
1. I Commissari esercitano le seguenti funzioni:
a) operano in raccordo con il Dipartimento della protezione civile e, a seconda degli ambiti di competenza, con i Commissari delegati nominati, rispettivamente, ai sensi dell’articolo 1 dell’ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 547 del 21 settembre 2018 e dell’articolo 1 dell’ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 566 del 28 dicembre 2018, al fine di coordinare le attivita’ disciplinate dal presente Capo con gli interventi riguardanti il superamento dei relativi stati di emergenza;
b) vigilano sugli interventi di riparazione e ricostruzione degli immobili privati di cui all’articolo 9, nonche’ coordinano la concessione ed erogazione dei relativi contributi;
c) effettuano la ricognizione dei danni unitamente ai fabbisogni e determinano, di concerto con le regioni rispettivamente competenti, secondo criteri omogenei, il quadro complessivo degli stessi e stimano il fabbisogno finanziario per farvi fronte, definendo altresi’ la programmazione delle risorse nei limiti di quelle assegnate;
d) coordinano gli interventi di riparazione e ricostruzione delle opere pubbliche di cui all’articolo 13;
e) detengono e gestiscono le contabilita’ speciali a loro appositamente intestate;
f) coordinano e realizzano gli interventi di demolizione delle costruzioni interessate da interventi edilizi;
g) coordinano e realizzano la mappatura della situazione edilizia e urbanistica, per avere un quadro completo del rischio statico, sismico e idrogeologico;
h) espletano ogni altra attivita’ prevista dal presente Capo nei territori colpiti, ivi compresi gli interventi a sostegno delle imprese che hanno sede nei territori interessati nonche’ il recupero del tessuto socio-economico nelle aree colpite dagli eventi sismici (1);
i) provvedono, d’intesa con il Dipartimento della protezione civile, a dotare i comuni di cui all’allegato 2, per i quali non siano gia’ stati emanati provvedimenti di concessione di contributi per l’adozione dei medesimi strumenti, di un piano di microzonazione sismica di III livello, come definita negli «Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica» approvati il 13 novembre 2008 dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome, disciplinando con propri atti la concessione di contributi ai comuni di cui all’allegato 2, con oneri a carico delle risorse disponibili sulle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8, entro il limite complessivo di euro 380.000 per l’anno 2019, di cui euro 299.000 per la Regione Siciliana ed euro 81.000 per la Regione Molise, definendo le relative modalita’ e procedure di attuazione (2);
l) provvedono alle attivita’ relative all’assistenza alla popolazione a seguito della cessazione dello stato di emergenza, anche avvalendosi delle eventuali risorse residue presenti nelle contabilita’ speciali, intestate ai Commissari delegati di cui all’articolo 2 dell’ordinanza n. 547 del 21 settembre 2018 e all’articolo 15 dell’ordinanza n. 566 del 28 dicembre 2018, che vengono all’uopo trasferite sulle rispettive contabilita’ speciali di cui all’articolo 8.
2. Per l’esercizio delle funzioni di cui al comma 1, i Commissari provvedono con propri atti, nel rispetto della Costituzione e dei principi generali dell’ordinamento giuridico.
2-bis. Per le attivita’ di cui al comma 1, i Commissari possono avvalersi altresi’ dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa – Invitalia Spa, mediante la sottoscrizione di apposita convenzione, con oneri a carico delle risorse di cui all’articolo 8 (3).
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 8
Contabilita’ speciali
1. Nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze e’ istituito il Fondo per la ricostruzione delle aree colpite dagli eventi sismici di cui all’articolo 6.
2. Per l’attuazione degli interventi di immediata necessita’ di cui al presente decreto, al fondo per la ricostruzione e’ assegnata una dotazione iniziale di complessivi euro 275,7 milioni per il quinquennio 2019-2023, con la seguente ripartizione: euro 38,15 milioni per l’anno 2019, euro 58,75 milioni per l’anno 2020 ed euro 79,80 milioni per l’anno 2021, euro 30 milioni per ciascuno degli anni 2022 e 2023 da destinare alla ricostruzione nei territori dei Comuni della Citta’ metropolitana di Catania; euro 10 milioni per l’anno 2019, euro 19 milioni per l’anno 2020 ed euro 10 milioni per l’anno 2021 da destinare alla ricostruzione nei territori dei Comuni della provincia di Campobasso.
3. A ciascun Commissario e’ intestata una apposita contabilita’ speciale aperta presso la tesoreria dello Stato nella quale confluiscono le risorse finanziarie provenienti dal Fondo di cui al presente articolo, a qualsiasi titolo destinate o da destinare alla ricostruzione nei territori dei comuni di cui all’allegato 1, alle spese di funzionamento e alle spese per l’assistenza alla popolazione (1).
4. Agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 48,15 milioni di euro per l’anno 2019, 77,75 milioni di euro per l’anno 2020, 89,80 milioni di euro per l’anno 2021, euro 30 milioni per ciascuno degli anni 2022 e 2023 si provvede ai sensi dell’articolo 29.
[1] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 9
Ricostruzione privata
1. Ai fini del riconoscimento dei contributi nell’ambito dei territori dei comuni di cui all’allegato 1, i Commissari provvedono a individuare i contenuti del processo di ricostruzione e ripristino del patrimonio danneggiato stabilendo le priorita’ sulla base dell’entita’ del danno subito a seguito della ricognizione effettuata ai sensi dell’articolo 7, comma 1, lettera c).
2. In coerenza con i criteri stabiliti nel presente Capo, sulla base dei danni effettivamente verificatisi, i contributi, fino al 100 per cento delle spese occorrenti, sono erogati ai sensi dell’articolo 12, per far fronte alle seguenti tipologie di intervento e danno:
a) riparazione, ripristino, ricostruzione, delocalizzazione e trasformazione nelle aree considerate ad alto rischio sismico e idrogeologico, degli immobili di edilizia abitativa e ad uso produttivo e commerciale, per servizi pubblici e privati, in relazione al danno effettivamente subito;
b) gravi danni a scorte e beni mobili strumentali alle attivita’ produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche, professionali, ivi comprese quelle relative agli enti non commerciali, ai soggetti pubblici e alle organizzazioni, fondazioni o associazioni con esclusivo fine solidaristico o sindacale, e ai servizi, inclusi i servizi sociali e socio-sanitari;
c) danni alle strutture private adibite ad attivita’ sociali, socio-sanitarie e socio-educative, ricreative, sportive e religiose;
d) danni agli edifici privati di interesse storico-artistico;
e) oneri sostenuti dai soggetti che abitano in locali sgomberati dalle competenti autorita’, per l’autonoma sistemazione, per traslochi, depositi e per l’allestimento di alloggi temporanei.
3. I contributi di cui al presente articolo sono concessi, su richiesta, agli interessati che dimostrino il nesso di causalita’ diretto, comprovato da apposita perizia asseverata, tra il danno, anche in relazione alla sua entita’, e gli eventi.
4. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano nei limiti e nel rispetto delle condizioni previste dal regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014 e, in particolare, dall’articolo 50.
5. Agli oneri derivanti dall’attuazione del presente articolo si provvede nel limite delle risorse disponibili sulle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8.

Articolo 10
Criteri e modalita’ generali per la concessione dei contributi per la ricostruzione privata
1. Per gli interventi di ricostruzione o di recupero degli immobili privati situati nei territori dei comuni di cui all’allegato 1, distrutti o danneggiati dagli eventi, da attuarsi nel rispetto dei limiti, dei parametri, delle soglie e delle modalita’ stabiliti con atti adottati dal Commissario ai sensi dell’articolo 7, comma 2, possono essere concessi, nel limite delle risorse disponibili sulla contabilita’ speciale, di cui all’articolo 8, dei contributi per le seguenti tipologie di immobili:
a) per gli immobili distrutti, un contributo fino al 100 per cento del costo delle strutture, degli elementi architettonici esterni, comprese le finiture interne ed esterne e gli impianti, e delle parti comuni dell’intero edificio per la ricostruzione da realizzare nell’ambito dello stesso insediamento, nel rispetto delle vigenti norme tecniche che prevedono l’adeguamento sismico e nel limite delle superfici preesistenti, aumentabili esclusivamente ai fini dell’adeguamento igienico-sanitario, antincendio ed energetico, nonche’ dell’eliminazione delle barriere architettoniche;
b) per gli immobili gravemente danneggiati, con livelli di danneggiamento e vulnerabilita’ superiori alla soglia appositamente stabilita, un contributo fino al 100 per cento del costo degli interventi sulle strutture, con miglioramento sismico o demolizione e ricostruzione, compresi l’adeguamento igienico-sanitario, energetico ed antincendio, nonche’ l’eliminazione delle barriere architettoniche, e del ripristino degli elementi architettonici esterni, comprese le rifiniture interne ed esterne, e delle parti comuni dell’intero edificio;
c) per gli immobili con livelli di danneggiamento e vulnerabilita’ inferiori alla soglia appositamente stabilita, un contributo fino al 100 per cento del costo della riparazione con rafforzamento locale o del ripristino con miglioramento sismico delle strutture e degli elementi architettonici esterni, comprese le rifiniture interne ed esterne, e delle parti comuni dell’intero edificio.
2. I contributi di cui al comma 1 possono essere concessi, a domanda del soggetto interessato, a favore:
a) dei proprietari ovvero degli usufruttuari o dei titolari di diritti reali di godimento che si sostituiscano ai proprietari delle unita’ immobiliari danneggiate o distrutte dal sisma e classificate con esito B, C o E ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 maggio 2011, pubblicato nel supplemento ordinario n. 123 alla Gazzetta Ufficiale n. 113 del 17 maggio 2011, che alla data degli eventi, con riferimento ai comuni di cui all’allegato 1, risultavano adibite ad abitazione principale ai sensi dell’articolo 13, comma 2, terzo, quarto e quinto periodo, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 (1);
b) dei proprietari ovvero degli usufruttuari o dei titolari di diritti reali di godimento che si sostituiscano ai proprietari delle unita’ immobiliari danneggiate o distrutte dal sisma e classificate con esito B, C o E ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 maggio 2011, che, alla data degli eventi, con riferimento ai comuni di cui all’allegato 1, risultavano concesse in locazione sulla base di un contratto regolarmente registrato ai sensi del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, ovvero concesse in comodato o assegnate a soci di cooperative a proprieta’ indivisa, e adibite a residenza anagrafica del conduttore, del comodatario o dell’assegnatario;
c) dei proprietari ovvero degli usufruttuari o dei titolari di diritti reali di godimento o dei familiari che si sostituiscano ai proprietari delle unita’ immobiliari danneggiate o distrutte dal sisma e classificate con esito B, C o E ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 maggio 2011, diverse da quelle di cui alle lettere a) e b);
d) dei proprietari ovvero degli usufruttuari o dei titolari di diritti reali di godimento che si sostituiscano ai proprietari, e per essi al soggetto mandatario dagli stessi incaricato, delle strutture e delle parti comuni degli edifici danneggiati o distrutti dal sisma e classificati con esito B, C o E, ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 maggio 2011, nei quali, alla data degli eventi, con riferimento ai comuni di cui all’allegato 1 era presente un’unita’ immobiliare di cui alle lettere a), b) e c);
e) dei titolari di attivita’ produttive o commerciali ovvero di chi per legge o per contratto o sulla base di altro titolo giuridico valido alla data della domanda sia tenuto a sostenere le spese per la riparazione o ricostruzione delle unita’ immobiliari, degli impianti e beni mobili strumentali all’attivita’ danneggiati dal sisma, e che alla data degli relativi eventi sismici, con riferimento ai comuni di cui all’allegato 1, risultavano adibite all’esercizio dell’attivita’ produttiva o ad essa strumentali.
3. Nessun contributo puo’ essere concesso per gli immobili danneggiati oggetto di ordine di demolizione o ripristino impartito dal giudice penale o dall’autorita’ amministrativa ai sensi di quanto stabilito dall’articolo 181 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e dall’articolo 31 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, se non previa revoca dello stesso da parte del giudice competente dell’esecuzione penale o dell’autorita’ amministrativa competente (2).
4. Il contributo concesso e’ al netto di altri contributi pubblici percepiti dall’interessato per le medesime finalita’ di quelli di cui al presente Capo.
5. Rientrano tra le spese ammissibili a finanziamento le spese relative alle prestazioni tecniche e amministrative, nei limiti di quanto determinato all’articolo 17, comma 3.
6. Le spese sostenute per tributi o canoni di qualsiasi tipo, dovuti per l’occupazione di suolo pubblico determinata dagli interventi di ricostruzione, sono inserite nel quadro economico relativo alla richiesta di contributo.
7. Le domande di concessione dei contributi contengono la dichiarazione, ai sensi degli articoli 46 e 47 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, in ordine al possesso dei requisiti necessari per la concessione dei contributi di cui al comma 1 e all’eventuale spettanza di ulteriori contributi pubblici o di indennizzi assicurativi per la copertura dei medesimi danni.
8. La concessione del contributo e’ annotata nei registri immobiliari, su richiesta del Commissario straordinario, in esenzione da qualsiasi tributo o diritto, sulla base del titolo di concessione, senza alcun’altra formalita’.
9. In deroga agli articoli 1120,1121 e 1136, quarto e quinto comma, del codice civile, gli interventi di recupero relativi ad un unico immobile composto da piu’ unita’ immobiliari possono essere disposti dalla maggioranza dei condomini che comunque rappresenti almeno la meta’ del valore dell’edificio e gli interventi ivi previsti devono essere approvati con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno un terzo del valore dell’edificio.
10. Ferma restando l’esigenza di assicurare il controllo, l’economicita’ e la trasparenza nell’utilizzo delle risorse pubbliche, i contratti stipulati dai privati beneficiari di contributi per l’esecuzione di lavori e per l’acquisizione di beni e servizi connessi agli interventi di cui al presente articolo non sono ricompresi tra quelli previsti dall’articolo 1, comma 2, del codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.
11. La selezione dell’impresa esecutrice da parte del beneficiario dei contributi e’ compiuta tra le imprese che risultano iscritte nell’Anagrafe di cui all’articolo 16.
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 11
Interventi di riparazione e ricostruzione degli immobili danneggiati o distrutti
1. I contributi per la riparazione o la ricostruzione degli immobili danneggiati o distrutti dagli eventi, concessi sulla base dei danni effettivamente verificatisi nelle zone di classificazione sismica 1, 2 e 3 quando ricorrono le condizioni per la concessione del beneficio, sono finalizzati a:
a) riparare, ripristinare, demolire, ricostruire o delocalizzare e assoggettare a trasformazione urbana gli immobili di edilizia privata ad uso abitativo e non abitativo, ad uso produttivo e commerciale, ad uso agricolo e per i servizi pubblici e privati, compresi quelli destinati al culto, danneggiati o distrutti dagli eventi. Limitatamente agli interventi di riparazione e ripristino, per tali immobili, l’intervento di miglioramento o di adeguamento sismico deve conseguire il massimo livello di sicurezza compatibile in termini tecnico-economici con la tipologia dell’immobile, asseverata da un tecnico abilitato, nel rispetto delle disposizioni concernenti la resistenza alle azioni sismiche di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti n. 477 del 27 dicembre 2016 (1);
b) riparare, ripristinare, demolire e ricostruire, gli immobili “di interesse strategico”, di cui al decreto del Capo del Dipartimento della protezione civile 21 ottobre 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 252 del 29 ottobre 2003, e quelli ad uso scolastico danneggiati o distrutti dagli eventi. Per tali immobili, l’intervento deve conseguire l’adeguamento sismico ai sensi delle vigenti norme tecniche per le costruzioni;
c) riparare e ripristinare gli immobili soggetti alla tutela del codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, danneggiati dagli eventi conseguendo il massimo livello di sicurezza compatibile con le concomitanti esigenze di tutela e conservazione dell’identita’ culturale del bene stesso.
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 12
Procedura per la concessione e l’erogazione dei contributi
1. L’istanza di concessione dei contributi e’ presentata dai soggetti legittimati di cui all’articolo 10, comma 2, ai comuni di cui all’allegato 1 unitamente alla richiesta del titolo abilitativo necessario in relazione alla tipologia dell’intervento progettato. Alla domanda sono obbligatoriamente allegati, oltre alla documentazione necessaria per il rilascio del titolo edilizio:
a) la relazione tecnica asseverata a firma di professionista abilitato e in possesso dei requisiti di cui all’articolo 17, attestante la riconducibilita’ causale diretta dei danni esistenti agli eventi sismici, a cui si allega l’eventuale scheda AeDES, se disponibile o l’ordinanza di sgombero;
b) il progetto degli interventi proposti, con l’indicazione delle attivita’ di demolizione, ricostruzione e riparazione necessarie nonche’ degli interventi di miglioramento sismico previsti, riferiti all’immobile nel suo complesso, corredati da computo metrico estimativo da cui risulti l’entita’ del contributo richiesto sulla base del prezzario regionale in vigore (1);
c) l’indicazione dell’impresa affidataria dei lavori, con allegata documentazione relativa alla sua iscrizione nell’Anagrafe di cui all’articolo 16 e al rispetto della normativa vigente in materia di antimafia , nonche’, per gli interventi sugli edifici di interesse storico-artistico, la documentazione attestante il possesso di competenze tecniche commisurate alla tipologia di immobile e alla tipologia di intervento (2).
2. All’esito dell’istruttoria relativa agli interventi richiesti a norma della vigente legislazione, il comune rilascia il corrispondente titolo edilizio.
3. I comuni di cui all’allegato 1, dopo aver acquisito e verificato la documentazione di cui al comma 1, trasmettono la stessa al Commissario competente.
4. Il Commissario competente o un suo delegato concede il contributo con decreto nella misura accertata e ritenuta congrua. I contributi sono erogati, a valere sulle risorse delle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8, sulla base di stati di avanzamento lavori relativi all’esecuzione dei lavori, alle prestazioni di servizi e alle acquisizioni di beni necessari all’esecuzione degli interventi ammessi a contributo.
5. Ciascun Commissario procede con cadenza mensile, avvalendosi della collaborazione dei Provveditorati Opere Pubbliche o degli uffici regionali territorialmente competenti, nell’ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, a verifiche a campione sugli interventi per i quali sia stato adottato il decreto di concessione dei contributi a norma del presente articolo, previo sorteggio dei beneficiari in misura pari ad almeno il 10 per cento dei contributi complessivamente concessi. Qualora dalle predette verifiche emerga che i contributi sono stati concessi in carenza dei necessari presupposti, ovvero che gli interventi eseguiti non corrispondono a quelli per i quali e’ stato concesso il contributo, il Commissario dispone l’annullamento o la revoca, anche parziale, del decreto di concessione dei contributi e provvede a richiedere la restituzione delle eventuali somme indebitamente percepite.
6. Con atti adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, sono definiti modalita’ e termini per la presentazione delle domande di concessione dei contributi e per l’istruttoria delle relative pratiche, anche prevedendo la dematerializzazione con l’utilizzo di piattaforme informatiche.
7. Nel caso in cui, sul bene oggetto di richiesta di contributo, sia pendente una domanda di sanatoria, il procedimento per la concessione dei contributi e’ sospeso nelle more dell’esame delle istanze di sanatoria e l’erogazione dei contributi e’ subordinata all’accoglimento di detta istanza.
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 13
Ricostruzione pubblica
1. Con provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, e’ disciplinato il finanziamento, nei limiti delle risorse disponibili sulla contabilita’ speciale di cui all’articolo 8, per la demolizione e ricostruzione, la riparazione e il ripristino degli edifici pubblici, delle chiese e degli edifici di culto di proprieta’ di enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, per gli interventi volti ad assicurare la funzionalita’ dei servizi pubblici, e delle infrastrutture, nonche’ per gli interventi sui beni del patrimonio artistico e culturale, compresi quelli sottoposti a tutela ai sensi del codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, che devono prevedere anche opere di miglioramento sismico finalizzate ad accrescere in maniera sostanziale la capacita’ di resistenza delle strutture, nei comuni di cui all’allegato 1, attraverso la concessione di contributi per la realizzazione degli interventi individuati a seguito della ricognizione dei fabbisogni effettuata dal Commissario competente ai sensi dell’articolo 7, comma 1, lettera c).
2. Al fine di dare attuazione alla programmazione degli interventi di cui al comma 1, con atti adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, si provvede a:
a) predisporre e approvare un piano degli edifici pubblici di cui al comma 1, delle chiese e degli edifici di culto di proprieta’ di enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, che quantifica il danno e ne prevede il finanziamento nel limite delle risorse disponibili nelle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8 (1);
b) predisporre e approvare un piano di interventi finalizzati ad assicurare la funzionalita’ dei servizi pubblici e delle infrastrutture a valere sulle risorse disponibili nelle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8;
c) predisporre e approvare un piano dei beni culturali, che quantifichi il danno e ne preveda il finanziamento nei limiti delle risorse disponibili nelle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8. I piani sono predisposti sentito il Ministero per i beni e le attivita’ culturali ovvero il competente Assessorato della Regione Siciliana (2);
d) predisporre ed approvare un piano di interventi sulle aree interessate da fenomeni di dissesto idrogeologico, con priorita’ per dissesti che costituiscono pericolo per centri abitati ed infrastrutture, sentito il Commissario per il dissesto idrogeologico e nei limiti delle risorse disponibili nelle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8.
3. In sede di approvazione dei piani di cui al comma 2 ovvero con apposito atto adottato ai sensi dell’articolo 7, comma 2, i Commissari individuano, con specifica motivazione, gli interventi, inseriti in detti piani, che rivestono un’importanza essenziale ai fini della ricostruzione nei territori colpiti dagli eventi. La realizzazione degli interventi di cui al primo periodo costituisce presupposto per l’applicazione della procedura di cui all’articolo 63, comma 1, del codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50. Conseguentemente, per gli appalti pubblici di lavori, di servizi e di forniture da aggiudicarsi da parte del Commissario possono applicarsi le disposizioni di cui all’articolo 63, commi 1 e 6, del decreto legislativo n. 50 del 2016. Nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza e rotazione, l’invito, contenente l’indicazione dei criteri di aggiudicazione dell’appalto, e’ rivolto, sulla base del progetto definitivo, ad almeno cinque operatori economici iscritti nell’Anagrafe di cui all’articolo 16. In mancanza di un numero sufficiente di operatori economici iscritti nella predetta Anagrafe, l’invito deve essere rivolto ad almeno cinque operatori iscritti in uno degli elenchi tenuti dalle prefetture-uffici territoriali del Governo ai sensi dell’articolo 1, commi 52 e seguenti, della legge 6 novembre 2012, n. 190, e che abbiano presentato domanda di iscrizione nell’Anagrafe antimafia di cui al citato articolo 16. I lavori vengono affidati sulla base della valutazione delle offerte effettuata da una commissione giudicatrice costituita ai sensi dell’articolo 77 del decreto legislativo n. 50 del 2016(3).
4. Le regioni territorialmente competenti nonche’ gli enti locali delle medesime regioni, ove a tali fini da esse individuati, previa specifica intesa, procedono all’espletamento delle procedure di gara relativamente agli immobili di loro proprieta’, nei limiti delle risorse disponibili e previa approvazione da parte dei Commissari straordinari, ai soli fini dell’assunzione della spesa a carico delle risorse delle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8.
5. I Commissari straordinari provvedono, con oneri a carico delle risorse delle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8 e nei limiti delle risorse disponibili, alla diretta attuazione degli interventi relativi agli edifici pubblici di proprieta’ statale, ripristinabili con miglioramento sismico.
5-bis. Al fine di dare attuazione alla programmazione degli interventi di cui al comma 1, i Commissari possono provvedere direttamente agli interventi inseriti nella programmazione e gia’ oggetto di finanziamento per i quali l’ente proprietario non abbia manifestato la disponibilita’ a svolgere le funzioni di soggetto attuatore di cui all’articolo 14 (4).
6. Sulla base delle priorita’ stabilite dai Commissari e in coerenza con il piano delle opere pubbliche e il piano dei beni culturali di cui al comma 2, lettere a) e c), i soggetti attuatori di cui all’articolo 14, comma 1, oppure i comuni interessati provvedono a predisporre ed inviare i progetti degli interventi al Commissario.
7. Ferme restando le previsioni dell’articolo 24 del decreto legislativo n. 50 del 2016, per la predisposizione dei progetti e per l’elaborazione degli atti di pianificazione e programmazione urbanistica, in conformita’ agli indirizzi definiti dal Commissario, i soggetti di cui al comma 6 del presente articolo possono procedere all’affidamento di incarichi ad uno o piu’ degli operatori economici indicati all’articolo 46 del citato decreto legislativo n. 50 del 2016. L’affidamento degli incarichi di cui al primo periodo e’ consentito esclusivamente in caso di indisponibilita’ di personale in possesso della necessaria professionalita’.
8. I Commissari straordinari, previo esame dei progetti presentati dai soggetti di cui al comma 6 e verifica della congruita’ economica degli stessi e acquisiti i necessari pareri e nulla osta da parte degli organi competenti, anche mediante apposita conferenza di servizi ai sensi degli articoli 14 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, approvano definitivamente i progetti esecutivi e adottano il decreto di concessione del contributo(5).
8-bis. Con apposito atto da emanare ai sensi dell’articolo 7, comma 2, sono indicate le modalita’ di attuazione del comma 6, nonche’ di acquisizione dei pareri e nulla osta da parte degli organi competenti, mediante apposita conferenza di servizi (6).
9. I contributi di cui al presente articolo, nonche’ le spese per l’assistenza alla popolazione sono erogati in via diretta.
10. Il monitoraggio dei finanziamenti di cui al presente articolo avviene sulla base di quanto disposto dal decreto legislativo 29 dicembre 2011, n. 229.
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[6] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 14
Soggetti attuatori degli interventi relativi alle opere pubbliche e ai beni culturali
1. Per la riparazione, il ripristino, il miglioramento sismico o la ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali, di cui all’articolo 13, comma 1, sono soggetti attuatori:
a) la Regione Molise;
b) la Regione Siciliana;
c) il Ministero per i beni e le attivita’ culturali;
d) il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
e) l’Agenzia del demanio;
f) i comuni di cui all’allegato 1;
g) il Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca;
h) i soggetti gestori o proprietari delle infrastrutture;
i) le diocesi dei comuni di cui all’allegato 1, limitatamente agli interventi sugli immobili di proprieta’ di enti ecclesiastici civilmente riconosciuti e di importo inferiore alla soglia di rilevanza europea di cui all’articolo 35 del codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50;
l) le Province o Citta’ metropolitane.
1-bis. Nell’ambito dei programmi d’intervento previsti all’articolo 13, i Commissari straordinari possono autorizzare, nei limiti delle risorse disponibili, i soggetti attuatori di cui al comma 1 ad avvalersi dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa-Invitalia Spa, anche in qualita’ di centrale di committenza, secondo le modalita’ di cui all’articolo 7. I Commissari straordinari possono inoltre rendere disponibile ai soggetti attuatori di cui al comma l il supporto dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa – Invitalia Spa in qualita’ di centrale di committenza con oneri a carico delle risorse di cui all’articolo 8 (1).
[1] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 14 bis 2
Disposizioni concernenti il personale dei comuni (1)
1. Tenuto conto degli eventi sismici di cui alla delibera del Consiglio dei ministri del 28 dicembre 2018 e del conseguente numero di procedimenti facenti carico ai comuni della citta’ metropolitana di Catania indicati nell’allegato 1, gli stessi possono assumere con contratti di lavoro a tempo determinato, in deroga all’articolo 259, comma 6, del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e ai vincoli di contenimento della spesa di personale di cui all’articolo 9, comma 28, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e di cui all’articolo 1, commi 557 e 562, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, nel limite di spesa di euro 830.000 per l’anno 2019 e di euro 1.660.000 per l’anno 2020, ulteriori unita’ di personale con professionalita’ di tipo tecnico o amministrativo-contabile, in particolare fino a 40 unita’ complessive per ciascuno degli anni 2019 e 2020. Ai relativi oneri si fa fronte, nel limite di euro 830.000 per l’anno 2019 e di euro 1.660.000 per l’anno 2020, con le risorse disponibili nella contabilita’ speciale intestata al Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori dei comuni della citta’ metropolitana di Catania, di cui all’articolo 8.
2. Nei limiti delle risorse finanziarie previste dal comma 1 e delle unita’ di personale assegnate con i provvedimenti di cui al comma 3, i comuni della citta’ metropolitana di Catania, con efficacia limitata agli anni 2019 e 2020, possono incrementare la durata della prestazione lavorativa dei rapporti di lavoro a tempo parziale gia’ in essere con professionalita’ di tipo tecnico o amministrativo, in deroga ai vincoli di contenimento della spesa di personale di cui all’articolo 9, comma 28, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e di cui all’articolo 1, commi 557 e 562, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
3. Con provvedimento del Commissario straordinario sono determinati i profili professionali e il numero massimo delle unita’ di personale che ciascun comune e’ autorizzato ad assumere per le esigenze di cui al comma 1, anche stipulando contratti a tempo parziale. Il provvedimento e’ adottato sulla base delle richieste che i comuni avanzano al Commissario medesimo. Ciascun comune puo’ stipulare contratti a tempo parziale per un numero di unita’ di personale anche superiore a quello di cui viene autorizzata l’assunzione, nei limiti delle risorse finanziarie corrispondenti alle assunzioni autorizzate con il provvedimento di cui al presente comma.
4. Le assunzioni sono effettuate con facolta’ di attingere dalle graduatorie vigenti, formate anche per assunzioni a tempo indeterminato, per profili professionali compatibili con le esigenze. E’ data facolta’ di attingere alle graduatorie vigenti di altre amministrazioni, disponibili nel sito del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri. Qualora nelle graduatorie suddette non risulti individuabile personale del profilo professionale richiesto, il comune puo’ procedere all’assunzione previa selezione pubblica, anche per soli titoli, sulla base di criteri di pubblicita’, trasparenza e imparzialita’.
5. Nelle more dell’espletamento delle procedure previste dal comma 4 e limitatamente allo svolgimento di compiti di natura tecnico-amministrativa strettamente connessi ai servizi sociali, all’attivita’ di progettazione, all’attivita’ di affidamento dei lavori, dei servizi e delle forniture, all’attivita’ di direzione dei lavori e di controllo sull’esecuzione degli appalti, nell’ambito delle risorse a tal fine previste, i comuni di cui all’allegato 1, in deroga ai vincoli di contenimento della spesa di personale di cui all’articolo 9, comma 28, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e di cui all’articolo 1, commi 557 e 562, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, possono sottoscrivere contratti di lavoro autonomo di collaborazione coordinata e continuativa, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 7, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, con durata non superiore al 31 dicembre 2019. I contratti di collaborazione coordinata e continuativa di cui al precedente periodo possono essere rinnovati, anche in deroga alla normativa vigente, per una sola volta e per una durata non superiore al 31 dicembre 2020, limitatamente alle unita’ di personale che non sia stato possibile reclutare secondo le procedure di cui al comma 4. La durata dei contratti di lavoro autonomo e di collaborazione coordinata e continuativa non puo’ andare oltre, anche in caso di rinnovo, l’immissione in servizio del personale reclutato secondo le procedure previste dal comma 4.
6. I contratti previsti dal comma 5 possono essere stipulati, previa valutazione dei titoli ed apprezzamento della sussistenza di un’adeguata esperienza professionale, esclusivamente con esperti di particolare e comprovata specializzazione anche universitaria di tipo amministrativo-contabile e con esperti iscritti agli ordini e collegi professionali ovvero abilitati all’esercizio della professione relativamente a competenze di tipo tecnico nell’ambito dell’edilizia o delle opere pubbliche. Ai fini della determinazione del compenso dovuto agli esperti, che, in ogni caso, non puo’ essere superiore alle voci di natura fissa e continuativa del trattamento economico previsto per il personale dipendente appartenente alla categoria D dalla contrattazione collettiva nazionale del comparto Funzioni locali, si applicano le previsioni dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, relativamente alla non obbligatorieta’ delle vigenti tariffe professionali fisse o minime.
7. Le assegnazioni delle risorse finanziarie, necessarie per la sottoscrizione dei contratti previsti dal comma 6, sono effettuate con provvedimento del Commissario straordinario, assicurando la possibilita’ per ciascun comune interessato di stipulare contratti di lavoro autonomo di collaborazione coordinata e continuativa».
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 15
Contributi ai privati per i beni mobili danneggiati
1. In caso di distruzione o danneggiamento grave di beni mobili presenti nelle unita’ immobiliari distrutte o danneggiate a causa degli eventi sismici e di beni mobili registrati, puo’ essere assegnato un contributo secondo modalita’ e criteri da definire con provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, nei limiti delle risorse disponibili sulla contabilita’ speciale di cui all’articolo 8, anche in relazione al limite massimo del contributo per ciascuna famiglia anagrafica residente come risultante dallo stato di famiglia alla data degli eventi. In ogni caso, per i beni mobili non registrati puo’ essere concesso solo un contributo forfettario.
2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano nei limiti e nel rispetto delle condizioni previste dal Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014, e in particolare dall’articolo 50.

Articolo 16
Legalita’ e trasparenza
1. Ai fini dello svolgimento, in forma integrata e coordinata, di tutte le attivita’ finalizzate alla prevenzione e al contrasto delle infiltrazioni della criminalita’ organizzata nell’affidamento e nell’esecuzione dei contratti pubblici e di quelli privati che fruiscono di contribuzione pubblica, aventi ad oggetto lavori, servizi e forniture, connessi agli interventi per la ricostruzione nei comuni di cui all’allegato 1, i Commissari si avvalgono della Struttura e dell’Anagrafe di cui all’articolo 30 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229 e si applicano le disposizioni previste dal medesimo articolo.
2. Agli oneri finanziari relativi alle spese di funzionamento della Struttura di missione di cui all’articolo 30, comma 1, del decreto-legge n. 189 del 2016, in relazione agli eventi di cui al presente Capo e in prosecuzione del conseguimento delle attivita’ di cui al comma 1, per gli anni 2019 e 2020 si provvede per euro 500 mila annui con le risorse della contabilita’ speciale di cui all’articolo 4, comma 3, del citato decreto-legge n. 189 del 2016 e per euro 500 mila annui con le risorse della contabilita’ speciale intestata al Commissario per la ricostruzione nei territori dei comuni della Citta’ metropolitana di Catania di cui all’articolo 8 del presente decreto, mediante corrispondente versamento all’entrata del bilancio dello Stato, per la successiva riassegnazione ad apposito capitolo dello stato di previsione del Ministero dell’interno. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
3. Agli atti di competenza dei Commissari straordinari si applicano le disposizioni di cui all’articolo 36 del decreto-legge n. 189 del 2016.
3-bis. Nel quadro delle misure dirette a rendere piu’ incisiva l’azione della Polizia di Stato nelle attivita’ di contrasto delle infiltrazioni della criminalita’ organizzata nelle procedure di affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici e privati di cui al comma 1, dopo l’articolo 68 del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334, e’ inserito il seguente:
“Art. 68-bis (Disposizioni transitorie per il conferimento dei posti di funzione di livello dirigenziale). – 1. Per l’anno 2019 le promozioni previste dagli articoli 6, 7, 9, 34, 36, 49 e 51 si conseguono, nel limite dei posti disponibili al 30 giugno e al 31 dicembre del medesimo anno, mediante scrutinio per merito comparativo al quale e’ ammesso il personale che possieda l’anzianita’ di effettivo servizio nella qualifica prevista dalla legislazione vigente, maturata rispettivamente entro le predette date del 30 giugno e del 31 dicembre. Le citate promozioni hanno effetto, rispettivamente, dal 1° luglio e dal 1° gennaio successivi. I posti disponibili al 30 giugno 2019 sono individuati con decreto del capo della polizia – direttore generale della pubblica sicurezza in relazione alle vacanze di organico alla medesima data.
2. Alle promozioni aventi decorrenza dal 1° luglio 2019 si applicano i medesimi criteri di valutazione dei titoli di cui all’articolo 62 del decreto del Presidente della Repubblica 24 aprile 1982, n. 335, applicati agli scrutini aventi decorrenza dal 1° gennaio 2019. Al relativo onere, nel limite massimo di 500.000 euro per l’anno 2019, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2019-2021, nell’ambito del programma ‘Fondi di riserva e speciali’ della missione ‘Fondi da ripartire’ dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2019, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’interno” (1).
[1] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 17
Qualificazione degli operatori economici per l’affidamento dei servizi di architettura e di ingegneria
1. Gli incarichi di progettazione e direzione dei lavori per la ricostruzione o riparazione e ripristino degli immobili danneggiati dagli eventi sismici possono essere affidati dai privati ai soggetti di cui all’articolo 46 del codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, che siano in possesso di adeguati livelli di affidabilita’ e professionalita’ e non si trovino in condizioni ostative al rilascio del Documento unico di regolarita’ contributiva (DURC) (1).
2. In ogni caso, il direttore dei lavori non deve ricoprire ne’ aver ricoperto negli ultimi tre anni le funzioni, di legale rappresentante, titolare, socio ovvero direttore tecnico, nelle imprese invitate a partecipare alla selezione per l’affidamento dei lavori di riparazione o ricostruzione, anche in subappalto, ne’ avere in corso o aver avuto negli ultimi tre anni rapporti di coniugio, di parentela, di affinita’ ovvero rapporti giuridicamente rilevanti ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1 della legge 20 maggio 2016, n. 76, con il titolare o con chi riveste cariche societarie nelle stesse. A tale fine, il direttore dei lavori produce apposita autocertificazione al committente trasmettendone altresi’ copia al Commissario. I Commissari possono effettuare controlli, anche a campione, in ordine alla veridicita’ di quanto dichiarato.
3. Il contributo massimo, a carico dei Commissari, che vi provvedono nei limiti delle risorse disponibili sulla contabilita’ speciale di cui all’articolo 8, per tutte le attivita’ tecniche poste in essere per la ricostruzione privata, e’ stabilito nella misura del 10 per cento, incrementabile fino al 12,5 per cento per i lavori di importo inferiore a 500.000 euro, al netto dell’IVA e dei versamenti previdenziali. Per i lavori di importo superiore a 2 milioni di euro, il contributo massimo e’ pari al 7,5 per cento. Con provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, sono individuati i criteri e le modalita’ di erogazione del contributo previsto dal primo e dal secondo periodo, assicurando una graduazione del contributo che tenga conto della tipologia della prestazione tecnica richiesta agli operatori economici e dell’importo dei lavori; con i medesimi provvedimenti puo’ essere riconosciuto un contributo aggiuntivo, per le sole indagini o prestazioni specialistiche, nella misura massima del 2,5 per cento, di cui lo 0,5 per cento per l’analisi di risposta sismica locale, al netto dell’IVA e dei versamenti previdenziali.
4. Per le opere pubbliche, compresi i beni culturali di competenza delle diocesi e del Ministero per i beni e le attivita’ culturali, con provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, sono fissati il numero e l’importo complessivo massimi degli incarichi che ciascuno dei soggetti di cui al comma 1 puo’ assumere contemporaneamente, tenendo conto dell’organizzazione dimostrata dai medesimi.
5. L’affidamento degli incarichi di progettazione e dei servizi di architettura e ingegneria ed altri servizi tecnici e per l’elaborazione degli atti di pianificazione e programmazione urbanistica in conformita’ agli indirizzi definiti dal Commissario per importi fino a 40.000 euro avviene mediante affidamento diretto, per importi superiori a 40.000 euro e inferiori a quelli di cui all’articolo 35 del codice di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, avviene mediante procedure negoziate previa consultazione di almeno dieci soggetti di cui all’articolo 46, comma 1, del medesimo decreto legislativo n. 50 del 2016. Fatta eccezione per particolari e comprovate ragioni connesse alla specifica tipologia e alla dimensione dell’intervento, le stazioni appaltanti affidano la redazione della progettazione al livello esecutivo (2).
6. Agli oneri derivanti dall’affidamento degli incarichi di progettazione e di quelli previsti dall’articolo 23, comma 11, del codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo n. 50 del 2016, si provvede con le risorse delle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8 del presente decreto.
[1] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Comma sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 18
Struttura dei Commissari straordinari
1. I Commissari, nell’ambito delle proprie competenze e funzioni, operano con piena autonomia amministrativa, finanziaria e contabile in relazione alle risorse assegnate e disciplinano l’articolazione interna delle strutture di cui al comma 2, con propri atti in relazione alle specificita’ funzionali e di competenza.
2. Nei limiti delle risorse disponibili sulle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8, ciascun Commissario si avvale di una struttura posta alle proprie dirette dipendenze. La Struttura dei Commissari straordinari, e’ composta da un contingente di personale scelto tra il personale delle amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, con esclusione del personale docente educativo ed amministrativo tecnico ausiliario delle istituzioni scolastiche, nel numero massimo di 5 unita’ per l’emergenza di cui alla delibera del 6 settembre 2018, di cui una unita’ dirigenziale di livello non generale, e di 10 unita’ per l’emergenza di cui alla delibera del 28 dicembre 2018, di cui due unita’ dirigenziali di livello non generale. Al personale della struttura e’ riconosciuto il trattamento economico accessorio corrisposto al personale dirigenziale e non dirigenziale della Presidenza del Consiglio dei ministri nel caso in cui il trattamento economico accessorio di provenienza risulti complessivamente inferiore. Al personale non dirigenziale spetta comunque l’indennita’ di amministrazione della Presidenza del Consiglio dei ministri. Nell’ambito del menzionato contingente di personale non dirigenziale possono essere nominati un esperto o un consulente per l’emergenza di cui alla delibera del 6 settembre 2018 e tre esperti o consulenti per l’emergenza di cui alla delibera del 28 dicembre 2018, scelti anche tra soggetti estranei alla pubblica amministrazione, in possesso di comprovata esperienza, anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, il cui compenso e’ definito con provvedimento del Commissario e comunque non e’ superiore ad euro 48.000 annui.
3. Il trattamento economico fondamentale ed accessorio del personale pubblico della struttura commissariale, collocato, ai sensi dell’articolo 17, comma 14, della legge 15 maggio 1997, n. 127, in posizione di comando, fuori ruolo o altro analogo istituto previsto dai rispettivi ordinamenti, e’ anticipato dalle amministrazioni di provenienza e corrisposto secondo le seguenti modalita’:
a) le amministrazioni statali di provenienza, ivi comprese le Agenzie fiscali, le amministrazioni statali ad ordinamento autonomo e le universita’, provvedono, con oneri a proprio carico esclusivo, al pagamento del trattamento economico fondamentale, nonche’ dell’indennita’ di amministrazione. Qualora l’indennita’ di amministrazione risulti inferiore a quella prevista per il personale della Presidenza del Consiglio dei ministri, il Commissario straordinario provvede al rimborso delle sole somme eccedenti l’importo dovuto, a tale titolo, dall’amministrazione di provenienza;
b) per le amministrazioni pubbliche diverse da quelle di cui alla lettera a) il trattamento economico fondamentale e l’indennita’ di amministrazione sono a carico esclusivo del Commissario;
c) ogni altro emolumento accessorio e’ corrisposto con oneri a carico esclusivo del Commissario il quale provvede direttamente ovvero mediante apposita convenzione con le amministrazioni pubbliche di provenienza ovvero con altra amministrazione dello Stato o ente locale.
4. Con uno o piu’ provvedimenti dei Commissari, adottati ai sensi dell’articolo 7, comma 2, nei limiti delle risorse disponibili puo’ essere riconosciuta:
a) al personale non dirigenziale delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165 del 2001, in servizio presso le strutture di cui al presente articolo, direttamente impegnato nelle attivita’ di cui all’articolo 6, la corresponsione di compensi per prestazioni di lavoro straordinario nel limite massimo di trenta ore mensili effettivamente svolte, oltre a quelle gia’ previste dai rispettivi ordinamenti, e comunque nel rispetto della disciplina in materia di orario di lavoro di cui al decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66;
b) al personale dirigenziale della struttura direttamente impegnato nelle attivita’ di cui all’articolo 6, un incremento del 20 per cento della retribuzione mensile di posizione prevista al comma 3, commisurato ai giorni di effettivo impiego.
4-bis. In caso di assenza o di impedimento temporaneo, le funzioni del Commissario sono esercitate dal dirigente in servizio presso la struttura di cui al comma 2 che provvede esclusivamente al compimento degli atti di ordinaria amministrazione. Per lo svolgimento delle funzioni espletate quale sostituto del Commissario, al dirigente non spetta alcun compenso (1).
5. La struttura commissariale cessa alla data di scadenza della gestione straordinaria, di cui all’articolo 6, comma 2 (2).
6. All’attuazione del presente articolo si provvede, nel limite massimo di spesa di complessivi euro 642.000 per l’anno 2019, euro 700.000 per l’anno 2020 ed euro 700.000 per l’anno 2021, suddivisi come segue: per il Commissario straordinario per la ricostruzione della citta’ metropolitana di Catania, euro 428.000 per l’anno 2019, euro 466.500 per l’anno 2020 ed euro 466.500 per l’anno 2021 e per il Commissario straordinario per la ricostruzione della provincia di Campobasso, euro 214.000 per l’anno 2019, euro 233.500 per l’anno 2020 ed euro 233.500 per l’anno 2021, a valere sulle risorse presenti sulle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8 (3).
6-bis. Alle spese di funzionamento delle strutture commissariali, diverse da quelle indicate nei commi precedenti, si provvede, nel limite massimo di euro 45.000 per l’anno 2019, euro 90.000 per l’anno 2020 ed euro 90.000 per l’anno 2021:
a) quanto a euro 30.000 per l’anno 2019 e a euro 60.000 per ciascuno degli anni 2020 e 2021 per il Commissario straordinario per la ricostruzione della citta’ metropolitana di Catania;
b) quanto a euro 15.000 per l’anno 2019 e a euro 30.000 per ciascuno degli anni 2020 e 2021 per il Commissario straordinario per la ricostruzione della provincia di Campobasso (4).
6-ter. Agli oneri derivanti dall’attuazione del comma 6-bis si provvede a valere sulle risorse presenti sulle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8 (5).
[1] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Comma sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 19
Interventi volti alla ripresa economica
1. Alle imprese del settore turistico, dei servizi connessi, dei pubblici esercizi e del commercio e artigianato, nonche’ alle imprese che svolgono attivita’ agrituristica, come definita dalla legge 20 febbraio 2006, n. 96, e dalle pertinenti norme regionali, insediate da almeno dodici mesi antecedenti l’evento nei comuni di cui all’allegato 1 [ricadenti nella citta’ metropolitana di Catania,] sono concessi contributi, nel limite complessivo massimo di 2 milioni di euro per l’anno 2019 e di 2 milioni di euro per l’anno 2020, ripartiti, quanto a euro 1.700.000 per l’anno 2019 ed euro 1.700.000 per l’anno 2020, per il Commissario straordinario per la ricostruzione della citta’ metropolitana di Catania e, quanto a euro 300.000 per l’anno 2019 ed euro 300.000 per l’anno 2020, per il Commissario straordinario per la ricostruzione della provincia di Campobasso, a condizione che le stesse abbiano registrato, nei tre mesi successivi agli eventi, una riduzione del fatturato [annuo] in misura non inferiore al 30 per cento rispetto a quello calcolato sulla media del medesimo periodo del triennio precedente. Il decremento del fatturato puo’ essere dimostrato mediante dichiarazione dell’interessato ai sensi dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, accompagnata dall’estratto autentico delle pertinenti scritture contabili attinenti ai periodi di riferimento(1).
2. I criteri, le procedure, le modalita’ di concessione e di calcolo dei contributi e di riparto delle risorse di cui al comma 1 tra i comuni interessati sono stabiliti con provvedimento del Commissario straordinario competente, da adottare nel rispetto del limite massimo di spesa di cui al medesimo comma 1, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
3. I contributi di cui al presente articolo sono erogati ai sensi dell’articolo 50 del regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014, ovvero ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013.
4. Agli oneri derivanti dall’attuazione del presente articolo si provvede a valere sulle risorse disponibili delle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8.
[1] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 20
Sospensione dei termini
1. I redditi dei fabbricati ubicati nei comuni di cui all’allegato 1, purche’ relativi ad immobili distrutti o fatti oggetto di ordinanze sindacali di sgombero comunque adottate entro il 30 giugno 2019, in quanto inagibili totalmente o parzialmente a causa degli eventi di cui al presente Capo, non concorrono alla formazione del reddito imponibile ne’ ai fini del calcolo dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e dell’imposta sul reddito delle societa’ ne’ del calcolo dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE), fino alla definitiva ricostruzione e agibilita’ dei fabbricati medesimi e non oltre l’anno di imposta 2020. I fabbricati di cui al primo periodo sono, altresi’, esenti dall’applicazione dell’imposta municipale propria di cui all’articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e dal tributo per i servizi indivisibili di cui all’articolo 1, comma 639, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, a decorrere dalla rata in scadenza successivamente al 31 dicembre 2018 fino alla definitiva ricostruzione o agibilita’ dei fabbricati stessi e comunque non oltre l’anno di imposta 2020. Ai fini del presente comma, il contribuente puo’ dichiarare, entro il 31 dicembre 2019, la distruzione o l’inagibilita’ totale o parziale del fabbricato al comune, che nei successivi venti giorni trasmette copia dell’atto di verificazione all’ufficio dell’Agenzia delle entrate territorialmente competente. Con decreto del Ministro dell’interno adottato di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sentita la Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali, sono stabiliti, anche nella forma di anticipazione, i criteri e le modalita’ per il rimborso ai comuni interessati del minor gettito connesso all’esenzione di cui al secondo periodo.
2. Agli oneri derivanti dall’applicazione del comma 1, pari ad euro 1,85 milioni per l’anno 2019, euro 2,178 milioni per l’anno 2020 ed euro 0,19 milioni per l’anno 2021 si provvede ai sensi dell’articolo 29.
3. Con riferimento ai settori dell’energia elettrica, dell’acqua e del gas, ivi inclusi i gas diversi dal gas naturale distribuiti a mezzo di reti canalizzate, nonche’ per i settori delle assicurazioni e della telefonia, le competenti autorita’ di regolazione, con propri provvedimenti adottati entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, possono prevedere, per i comuni di cui all’allegato 1, esenzioni dal pagamento delle forniture di energia elettrica, gas, acqua e telefonia, comprensive sia degli oneri generali di sistema che degli eventuali consumi, per il periodo intercorrente tra l’ordinanza di inagibilita’ o l’ordinanza sindacale di sgombero e la revoca delle medesime, individuando anche le modalita’ per la copertura delle esenzioni stesse attraverso specifiche componenti tariffarie, facendo ricorso, ove opportuno, a strumenti di tipo perequativo.
4. Al fine di assicurare ai comuni di cui all’allegato 1 la continuita’ nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, i Commissari sono autorizzati a concedere, con propri provvedimenti, a valere sulle risorse delle contabilita’ speciali di cui all’articolo 8, un contributo per ciascuna contabilita’ fino ad un massimo complessivamente di 500.000 euro con riferimento all’anno 2019, da erogare nel 2020, e fino ad un massimo complessivamente di 500.000 di euro per l’anno 2020, per sopperire ai maggiori costi affrontati o alle minori entrate registrate a titolo di TARI-tributo di cui all’articolo 1, comma 639, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, o di TARI-corrispettivo di cui allo stesso articolo 1, commi 667 e 668.

Articolo 20 bis
Disposizioni in materia di bilanci (1)
1. I comuni di cui all’allegato 1 approvano il conto economico e lo stato patrimoniale previsti dall’articolo 227 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, relativi all’esercizio 2018, entro il 31 luglio 2019 e li trasmettono alla Banca dati delle amministrazioni pubbliche entro trenta giorni dall’approvazione. Il mancato rispetto di tali termini comporta l’applicazione della procedura di cui all’articolo 141, comma 2, del medesimo testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, con il termine ordinario di venti giorni ivi previsto, nonche’ delle disposizioni dell’articolo 9, comma 1-quinquies, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2016, n. 160.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

CAPO III
Disposizioni relative agli eventi sismici dell’Abruzzo nell’anno 2009, del Nord e del Centro Italia negli anni 2012, 2016 e 2017 e nei Comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno dell’Isola di Ischia nel 20171
[1] Rubrica modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[1] Rubrica modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 21
Contributo straordinario per il Comune de L’Aquila e ulteriori provvidenze per i comuni del cratere e fuori cratere
1. All’articolo 3 del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2016, n. 160, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1, dopo il secondo periodo, e’ inserito il seguente: “Per gli anni 2019 e 2020 e’ assegnato un contributo straordinario dell’importo di 10 milioni di euro annui.” (1);
b) al comma 2 e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Per l’anno 2019 e’ destinato altresi’ un contributo di 500.000 euro per le spese derivanti dall’attuazione di quanto previsto dall’articolo 2-bis, comma 32, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, e per l’espletamento delle pratiche relative ai comuni fuori del cratere, trasferito all’Ufficio speciale per la ricostruzione dei comuni del cratere di cui all’articolo 67-ter, commi 2 e 3, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134.” (2).
2. Agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 10,5 milioni di euro per l’anno 2019 e a 10 milioni di euro per l’anno 2020, si provvede a valere sulle risorse di cui all’articolo 7-bis, comma 1, del decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2013, n. 71(3).
2-bis. All’articolo 1-septies, comma 1, del decreto-legge 29 maggio 2018, n. 55, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2018, n. 89, le parole: “entro quattrocentottanta giorni dalla comunicazione di avvio del procedimento di recupero ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 novembre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 57 del 9 marzo 2018” sono sostituite dalle seguenti: “entro il 31 dicembre 2019” (4).
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera sostituita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 22
Misure relative al personale tecnico in servizio presso gli enti locali e gli uffici speciali per la ricostruzione
01. All’articolo 48, comma 7, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, le parole: “31 dicembre 2018” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2019” (1).
1. All’articolo 50 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 3, lettera a), le parole “nella misura massima di cento unita’” sono soppresse;
b) al comma 3-bis, lettera c), dopo le parole “e’ corrisposto con oneri a carico esclusivo del Commissario straordinario” sono aggiunte, in fine, le seguenti: “, il quale provvede direttamente ovvero mediante apposita convenzione con le amministrazioni pubbliche di provenienza ovvero con altra amministrazione dello Stato o ente locale”;
c) al comma 7, lettera c), dopo le parole “Commissario Straordinario” sono aggiunte le seguenti: “, previa verifica semestrale dei risultati raggiunti a fronte degli obiettivi assegnati dallo stesso e dai vice commissari. Al Commissario straordinario e agli esperti di cui al comma 6 sono riconosciute, ai sensi della vigente disciplina in materia e comunque nel limite complessivo di euro 80.000 per l’anno 2019 e di euro 80.000 per l’anno 2020, le spese di viaggio, vitto e alloggio connesse all’espletamento delle attivita’ demandate, nell’ambito delle risorse gia’ previste per spese di missione, a valere sulla contabilita’ speciale di cui all’articolo 4, comma 3.” (2).
2. All’articolo 50-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:
0a) al comma 1, primo periodo, le parole: “, fino a settecento unita’ per ciascuno degli anni 2017 e 2018” sono soppresse (3);
0b) dopo il comma 1-bis e’ inserito il seguente:
“1-ter. Sulla base delle specifiche e riscontrate esigenze connesse all’espletamento dei compiti demandati per la riparazione e ricostruzione degli immobili danneggiati dall’evento sismico e dell’andamento delle richieste di contributo, ferma restando la deroga di cui al comma 1-bis, il Commissario straordinario puo’ autorizzare con proprio provvedimento gli Uffici speciali per la ricostruzione e i comuni a stipulare, nei limiti previsti dall’articolo 36, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, dall’articolo 19 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, e dall’articolo 1, comma 3, del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, ulteriori contratti di lavoro a tempo determinato per gli anni 2019 e 2020, con le modalita’ previste al comma 1 e al comma 2 del presente articolo, fino a 200 unita’ complessive di personale di tipo tecnico o amministrativo-contabile da impiegare esclusivamente nei servizi necessari alla ricostruzione, nel limite di spesa di 4,150 milioni di euro per l’anno 2019 e 8,300 milioni di euro per l’anno 2020. Ai relativi oneri si fa fronte mediante corrispondente utilizzo del fondo derivante dal riaccertamento dei residui passivi ai sensi dell’articolo 49, comma 2, lettera a), del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, iscritto nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze. Con ordinanze commissariali si provvede alla ripartizione del personale autorizzato fra gli enti destinatari e alla definizione dei tempi, modalita’ e criteri per la regolamentazione del presente comma” (4);
a) al comma 2, primo periodo, dopo le parole: “per le esigenze di cui al comma 1” sono aggiunte le seguenti: “, anche stipulando contratti a tempo parziale previa dichiarazione, qualora si tratti di professionisti, e fermo restando quanto previsto dall’articolo 53 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, di non iscrizione o avvenuta sospensione dall’elenco speciale dei professionisti, di cui all’articolo 34 del presente decreto” (5);
b) al comma 3-bis, secondo periodo, le parole “anche in deroga al limite previsto dal comma 3-quinquies del presente articolo, per una sola volta e” sono soppresse e le parole “31 dicembre 2018” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2019 e comunque nel rispetto dei limiti temporali previsti dalla normativa europea”;
c) il comma 3-quinquies e’ abrogato.
3. All’articolo 2-bis, comma 32, quarto periodo, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, dopo le parole “dalla legge 7 agosto 2012, n. 134,” sono inserite le seguenti: “e’ assegnato temporaneamente all’Ufficio speciale per i comuni del cratere e”.
4. Al comma 990 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, al primo periodo, le parole: “e di consentire la progressiva cessazione delle funzioni commissariali, con riassunzione delle medesime da parte degli enti ordinariamente competenti” sono soppresse (6).
4-bis. Al comma 5, terzo periodo, dell’articolo 67-ter del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, le parole: ” al personale in servizio al 30 settembre 2018″ sono sostituite dalle seguenti: “al personale assegnato a ciascun comune nell’ambito del contingente di cui al presente comma” (7).
[1] Comma premesso dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Lettera premessa dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Lettera premessa dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[6] Comma sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[7] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 22 bis
Estensione dei benefici della zona franca urbana ai professionisti (1)
1. All’articolo 46 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 2, dopo le parole: “Le imprese” sono inserite le seguenti: “e i professionisti”;
b) al comma 3, dopo le parole: “alle imprese” sono inserite le seguenti: “e ai professionisti”;
c) al comma 4 e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Per i professionisti le esenzioni sono concesse per il 2019 e il 2020.”;
d) al comma 5, dopo le parole: “alle imprese” sono inserite le seguenti: “e ai professionisti”;
e) al comma 6, le parole: “dalle imprese beneficiarie” sono sostituite dalle seguenti: “dalle imprese e dai professionisti beneficiari”».
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 23
Accelerazione della ricostruzione pubblica nelle regioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e 2017 nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria
1. Al decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’articolo 2, il comma 2-bis e’ sostituito dal seguente:
“2-bis. L’affidamento degli incarichi di progettazione e dei servizi di architettura e ingegneria ed altri servizi tecnici e per l’elaborazione degli atti di pianificazione e programmazione urbanistica in conformita’ agli indirizzi definiti dal Commissario straordinario per importi fino a 40.000 euro avviene mediante affidamento diretto, per importi superiori a 40.000 euro e inferiori a quelli di cui all’articolo 35 del codice di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, avviene mediante procedure negoziate previa consultazione di almeno dieci soggetti di cui all’articolo 46, comma 1, del medesimo decreto legislativo n. 50 del 2016, iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 34 del presente decreto. Fatta eccezione per particolari e comprovate ragioni connesse alla specifica tipologia e alla dimensione dell’intervento, le stazioni appaltanti, secondo quanto previsto dal comma 4 dell’articolo 23 del citato decreto legislativo n. 50 del 2016, affidano la redazione della progettazione al livello esecutivo. Agli oneri derivanti dall’affidamento degli incarichi di progettazione e di quelli previsti dall’articolo 23, comma 11, del decreto legislativo n. 50 del 2016 si provvede con le risorse di cui all’articolo 4, comma 3, del presente decreto” (1).
b) all’articolo 3, dopo il comma 4, e’ inserito il seguente:
“4-bis: Limitatamente agli immobili e alle unita’ strutturali danneggiate private, che a seguito delle verifiche effettuate con scheda AeDES risultino classificati inagibili con esito “B” o “C” o “E” limitatamente a livello operativo “L4″, i comuni, d’intesa con l’Ufficio speciale per la ricostruzione, possono altresi’ curare l’istruttoria per il rilascio delle concessioni di contributo e di tutti gli adempimenti conseguenti. Con ordinanza commissariale sono definiti le modalita’ e i criteri per la regolamentazione di quanto disposto dal presente comma. ” (2);
b-bis) nel titolo I, capo I-bis, dopo l’articolo 4-ter e’ aggiunto il seguente:
“Art. 4-quater (Strutture abitative temporanee ed amovibili). – 1. Al fine di scongiurare fenomeni di abbandono del territorio, nei comuni di cui agli allegati 1 e 2 che presentano una percentuale superiore al 50 per cento di edifici dichiarati inagibili con esito ‘E’ ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 maggio 2011, pubblicato nel supplemento ordinario n. 123 alla Gazzetta Ufficiale n. 113 del 17 maggio 2011, rispetto agli edifici esistenti alla data dell’evento sismico, ai proprietari di immobili distrutti o gravemente danneggiati dagli eventi sismici e’ consentita, previa autorizzazione comunale, l’installazione di strutture temporanee e amovibili, sul terreno ove si trovano i medesimi immobili o su altro terreno di proprieta’ ubicato nel territorio dello stesso comune con qualsiasi destinazione urbanistica o su terreno anche non di proprieta’ o su altro terreno su cui si vanti un diritto reale di godimento, previa acquisizione della dichiarazione di disponibilita’ da parte della proprieta’ senza corresponsione di alcun tipo di indennita’ o rimborso da parte della pubblica amministrazione, dichiarato idoneo per tale finalita’ da apposito atto comunale, o sulle aree di cui all’articolo 4-ter del presente decreto. Entro novanta giorni dall’emanazione dell’ordinanza di agibilita’ dell’immobile distrutto o danneggiato, i soggetti di cui al primo periodo provvedono, con oneri a loro carico, alla demolizione o rimozione delle strutture temporanee e amovibili di cui al presente articolo e al ripristino dello stato dei luoghi.
2. Dall’attuazione del comma 1 non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica” (3);
b-ter) all’articolo 6, dopo il comma 2 e’ inserito il seguente:
“2-bis. Ai fini dell’accesso ai contributi di cui al comma 1, per gli immobili di interesse culturale ai sensi del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, gli esiti ‘agibile con provvedimenti’, ‘parzialmente agibile’ e ‘inagibile’ delle schede A-DC e B-DP di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23 febbraio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2006, sono equiparati, rispettivamente, agli esiti ‘B’, ‘C’ ed ‘E’ delle schede AeDES di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 maggio 2011, pubblicato nel supplemento ordinario n. 123 alla Gazzetta Ufficiale n. 113 del 17 maggio 2011” (4);
c) all’articolo 6 i commi 10 e 10-ter sono abrogati e il comma 13 e’ sostituito dal seguente: “13. La selezione dell’impresa esecutrice da parte del beneficiario dei contributi e’ compiuta esclusivamente tra le imprese che risultano iscritte nell’Anagrafe di cui all’articolo 30.”;
d) all’articolo 12, il comma 3 e’ sostituito dal seguente: “3. L’ufficio speciale per la ricostruzione, ovvero i comuni nei casi previsti dal comma 4-bis dell’articolo 3, verificata la spettanza del contributo e il relativo importo, trasmettono al vice commissario territorialmente competente la proposta di concessione del contributo medesimo, comprensivo delle spese tecniche.”;
d-bis) all’articolo 14, comma 3-bis.1:
1) dopo il primo periodo e’ inserito il seguente: “Gli interventi di cui all’allegato 1 all’ordinanza del Commissario straordinario n. 63 del 6 settembre 2018 e quelli relativi alle chiese di proprieta’ del Fondo edifici di culto si considerano in ogni caso di importanza essenziale ai fini della ricostruzione.”;
2) all’ultimo periodo, le parole: “al precedente periodo” sono sostituite dalle seguenti: “ai precedenti periodi” (5);
e) all’articolo 34, comma 5, terzo periodo, le parole “2 per cento” sono sostituite dalle seguenti “2,5 per cento, di cui lo 0,5 per cento per l’analisi di risposta sismica locale,” e il comma 6 e’ sostituito dal seguente: “6. Per le opere pubbliche, compresi i beni culturali di competenza delle diocesi e del Ministero per i beni e le attivita’ culturali, con provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 2, comma 2, sono fissati il numero e l’importo complessivo massimi degli incarichi che ciascuno dei soggetti di cui al comma 1 puo’ assumere contemporaneamente, tenendo conto dell’organizzazione dimostrata dai medesimi.”;
e-bis) all’articolo 34, il comma 7 e’ sostituito dal seguente:
“7. Per gli interventi di ricostruzione privata diversi da quelli previsti dall’articolo 8, con provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 2, comma 2, sono stabiliti i criteri finalizzati ad evitare concentrazioni di incarichi contemporanei che non trovano giustificazione in ragioni di organizzazione tecnico-professionale” (6);
e-ter) all’articolo 48:
a) al comma 11, il secondo periodo e’ sostituito dal seguente: “I soggetti diversi da quelli indicati dall’articolo 11, comma 3, del decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 aprile 2017, n. 45, versano le somme oggetto di sospensione previste dal decreto ministeriale 1° settembre 2016 e dai commi 1-bis, 10 e l0-bis, senza applicazione di sanzioni e interessi, entro il 15 ottobre 2019, ovvero, mediante rateizzazione fino a un massimo di 120 rate mensili di pari importo, con il versamento dell’importo corrispondente al valore delle prime cinque rate entro il 15 ottobre 2019; su richiesta del lavoratore dipendente subordinato o assimilato, la ritenuta puo’ essere operata anche dal sostituto d’imposta.”;
b) al comma 13, il terzo periodo e’ sostituito dal seguente: “Gli adempimenti e i pagamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, sospesi ai sensi del presente articolo, sono effettuati entro il 15 ottobre 2019, anche mediante rateizzazione fino a un massimo di 120 rate mensili di pari importo, con il versamento dell’importo corrispondente al valore delle prime cinque rate entro il 15 ottobre 2019, senza applicazione di sanzioni e interessi; su richiesta del lavoratore dipendente subordinato o assimilato, la ritenuta puo’ essere operata anche dal sostituto d’imposta.” (7).
1-bis. Per i comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti, colpiti dal sisma del 24 agosto 2016 ed inclusi nell’elenco di cui al comma 13-bis dell’articolo 48 e all’allegato 1 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, al solo fine di procedere ad interventi urgenti di manutenzione straordinaria o di messa in sicurezza su strade ed infrastrutture comunali, che abbiano approvato il bilancio dell’anno 2018 alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, onde attenuare gli effetti delle disposizioni di cui al comma 897 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e’ assegnato un contributo di euro 5 milioni. All’onere derivante dal presente comma, pari a 5 milioni di euro per l’anno 2019, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di conto capitale iscritto, ai fini del bilancio triennale 2019-2021, nell’ambito del programma “Fondi di riserva e speciali” della missione “Fondi da ripartire” dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2019, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al medesimo Ministero (8).
[1] Capoverso sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Capoverso modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Lettera inserita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Lettera inserita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[5] Lettera inserita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[6] Lettera aggiunta dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[7] Lettera aggiunta dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[8] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 23 bis
Disposizioni in materia di continuita’ dei servizi scolastici in seguito agli eventi sismici del Centro Italia e dell’Isola di Ischia (1)
1. All’articolo 18-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) la rubrica e’ sostituita dalla seguente: “Misure urgenti per lo svolgimento degli anni scolastici 2016/2017, 2017/2018, 2018/2019 e 2019/2020”;
b) al comma 1, alinea, le parole: “e 2018/2019” sono sostituite dalle seguenti: “, 2018/2019 e 2019/2020” e dopo le parole: “siti nelle aree colpite dagli eventi sismici di cui all’articolo 1” sono inserite le seguenti: “nonche’ nei comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno dell’Isola di Ischia”;
c) al comma 1, lettera a), le parole: “e 2018/2019” sono sostituite dalle seguenti: “, 2018/2019 e 2019/2020”;
d) al comma 2, le parole: “ed euro 4,5 milioni nell’anno 2019” sono sostituite dalle seguenti: “, euro 6 milioni nell’anno 2019 ed euro 2,25 milioni nell’anno 2020”;
e) al comma 5, dopo la lettera b-ter) e’ aggiunta la seguente:
“b-quater) quanto a euro 1,5 milioni nel 2019 ed euro 2,25 milioni nel 2020, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2019-2021, nell’ambito del programma ‘Fondi di riserva e speciali’ della missione ‘Fondi da ripartire’ dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2019, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca”.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 24
Proroga disposizioni deposito e trasporto terre e rocce da scavo
1. All’articolo 28, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni (1):
a) al comma 11, primo periodo, dopo le parole “presenza di amianto” sono inserite le seguenti: “oltre i limiti contenuti al punto 3.4 dell’allegato D alla parte IV del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152,”;
b) al comma 13-ter, le parole “per un periodo non superiore a trenta mesi” sono sostituite dalle seguenti: “fino al 31 dicembre 2019”.
[1] Alinea modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 25
Compensazione ai comuni delle minori entrate a seguito di esenzione di imposte comunali
1. All’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 997, le parole da “L’imposta” fino a “dovuta” sono sostituite dalle seguenti: “L’imposta comunale sulla pubblicita’ e il canone per l’autorizzazione all’installazione dei mezzi pubblicitari, riferiti alle insegne di esercizio di attivita’ commerciali e di produzione di beni o servizi, nonche’ la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche e il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche non sono dovuti, a decorrere dal 1° gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2020,”;
b) al comma 998, le parole “regolamento del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico” sono sostituite dalle seguenti: “decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell’interno, sentita la Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali” , le parole: “, d’intesa con la Conferenza Stato-citta’ e autonomie locali,” sono soppresse e le parole “definite le modalita’ di attuazione del comma 997” sono sostituite dalle parole “stabiliti i criteri e definite le modalita’ per il rimborso ai comuni interessati del minor gettito derivante dall’applicazione del comma 997” (1).
2. Agli oneri derivanti dal comma 1, pari a 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020, in termini di solo saldo netto da finanziare, si provvede ai sensi dell’articolo 29 (2).
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 26
Misure per la semplificazione delle procedure per l’immediato ristoro dei danni subiti dalle attivita’ economiche e produttive e dai privati a seguito di eventi calamitosi
1. Al decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’articolo 25, comma 2, la lettera f) e’ sostituita dalla seguente:
“f) all’attuazione delle misure per far fronte alle esigenze urgenti di cui alla lettera e), anche attraverso misure di delocalizzazione, laddove possibile temporanea, in altra localita’ del territorio regionale, entro i limiti delle risorse finanziarie individuate con delibera del Consiglio dei ministri, sentita la regione interessata, e secondo i criteri individuati con la delibera di cui all’articolo 28.”;
b) all’articolo 28:
1) al comma 1, alinea, le parole da: “Al fine di” fino a: “citato articolo 25,” sono sostituite dalle seguenti: “Con delibera del Consiglio dei ministri”;
2) al comma 1, lettera c), le parole: “delocalizzazione temporanea in altra localita’ del territorio nazionale” sono sostituite dalle seguenti: “delocalizzazione, ove possibile temporanea, in altra localita’ del territorio regionale”;
3) il comma 2 e’ abrogato (1).
2. Il Commissario straordinario di cui all’articolo 1 del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, individua con propria ordinanza i criteri e le modalita’ per la concessione di forme di ristoro di danni subiti dai cittadini residenti nelle zone interessate dalle attivita’ di cantiere, nei limiti delle risorse disponibili sulla propria contabilita’ speciale non destinate a diversa finalita’ e comunque nel limite complessivo di 7 milioni di euro (2).
2-bis. Ai fini del ristoro dei danni subiti dalle imprese agricole continuano ad applicarsi le disposizioni di cui all’articolo 1, commi da 422 a 428-ter, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 (3).
[1] Lettera sostituita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma aggiunto dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 26 bis
Misure per la ricostruzione dei territori colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 (1)
1. All’articolo 39, comma 1, alinea, del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, le parole: “a tal fine attivati e” sono sostituite dalle seguenti: “a tal fine attivati o “.
2. Per i comuni delle Regioni Lombardia e Veneto individuati ai sensi dell’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto 2012, n. 122, e dell’articolo 67-septies del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, l’esenzione dall’applicazione dell’imposta municipale propria prevista dal secondo periodo del comma 3 dell’articolo 8 del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto 2012, n. 122, e’ prorogata a decorrere dal 1° gennaio 2019, fino alla definitiva ricostruzione e agibilita’ dei fabbricati interessati e comunque non oltre il 31 dicembre 2019.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 27
Presidio zona rossa dei comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno
1. Dopo l’articolo 18 del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, e’ inserito il seguente:
“Art. 18-bis (Presidio zona rossa dei comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno). – 1. Al fine di rafforzare il dispositivo di vigilanza e sicurezza della zona rossa dei comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno, interessati dagli eventi sismici del 21 agosto 2017, il contingente di personale militare di cui all’articolo 1, comma 688, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, e’ incrementato di 15 unita’ dalla data di entrata in vigore del presente articolo e fino al 31 dicembre 2019. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 7-bis, commi 1, 2 e 3, del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 125.
2. Agli oneri derivanti dall’attuazione del comma 1, pari ad euro 418.694 per il 2019, si provvede a valere sulle risorse finanziarie di cui all’articolo 19.”.

Articolo 28
Modifiche al decreto legislativo 1º agosto 2003, n. 259, recante «Codice delle comunicazioni elettroniche»
1. Al decreto legislativo 1º agosto 2003, n. 259, recante Codice delle comunicazioni elettroniche, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’articolo 1, comma 1, dopo la lettera ee) sono inserite le seguenti:
“ee-bis) Sistema di allarme pubblico: sistema di diffusione di allarmi pubblici agli utenti finali interessati da gravi emergenze e catastrofi imminenti o in corso, che puo’ utilizzare servizi mobili di comunicazione interpersonale basati sul numero, servizi di diffusione radiotelevisiva, applicazioni mobili basate su un servizio di accesso a internet. Qualora gli allarmi pubblici siano trasmessi tramite servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico diversi da quelli di cui al primo periodo, la loro efficacia deve essere equivalente in termini di copertura e capacita’ di raggiungere gli utenti finali, compresi quelli presenti solo temporaneamente nella zona interessata. Gli allarmi pubblici devono essere facili da ricevere per gli utenti finali;
ee-ter) servizio di Cell Broadcast Service: Servizio che consente la diffusione di messaggi a tutti i terminali presenti all’interno di una determinata area geografica individuata dalla copertura radiomobile di una o piu’ celle;
ee-quater) messaggio IT-alert: Messaggio inviato, attraverso un Servizio di Cell Broadcast Service, dalle componenti del Servizio nazionale della protezione civile, nell’imminenza o nel caso degli eventi previsti all’articolo 7 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, e dagli ulteriori soggetti a tal fine abilitati;
ee-quinquies) servizio IT-alert: sistema di allarme pubblico che trasmette, ai terminali presenti in una determinata area geografica, dei Messaggi IT-alert riguardanti gli scenari di rischio, l’organizzazione dei servizi di protezione civile del proprio territorio e le misure di autoprotezione;
ee-sexies) misure di autoprotezione: azioni raccomandate, utili a ridurre i rischi e ad attenuare le conseguenze derivanti dagli eventi di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1;”;
b) all’articolo 4, comma 3, dopo la lettera h), e’ aggiunta la seguente: “h-bis) promuovere e favorire, nell’imminenza o in caso di eventi di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, l’adozione di misure di autoprotezione da parte dei cittadini;”;
c) all’articolo 13, comma 6, dopo la lettera g), e’ aggiunta la seguente: “g-bis) garantendo l’attivazione del servizio IT-alert come definito ai sensi dell’articolo 1 del Codice.” (1);
d) all’articolo 14, comma 5, dopo la lettera a), e’ inserita la seguente: “a-bis) promuovere e favorire, nell’imminenza o in caso di eventi di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, l’adozione di misure di autoprotezione da parte dei cittadini;”;
e) all’articolo 144, comma 1, la lettera e) e’ abrogata;
f) all’allegato n. 1, parte A, dopo il punto 12, e’ aggiunto il seguente: “12-bis) garantire l’attivazione del servizio IT-alert come definiti ai sensi dell’articolo 1 del Codice;»;
g) all’allegato n. 25, articolo 40, dopo il comma 4, e’ inserito il seguente: “4-bis. Per il perseguimento di finalita’ istituzionali di interesse pubblico e per il coordinamento delle attivita’ legate alla prevenzione delle calamita’ naturali ed alla salvaguardia della vita umana, dell’ambiente e dei beni, nonche’ per le finalita’ di ordine pubblico, gli Enti Pubblici Territoriali, previo consenso del Ministero, possono rendere partecipi all’utilizzo della propria rete di comunicazione elettronica altri soggetti. In questo caso l’obbligo del pagamento dei corrispettivi rimane in capo all’Ente titolare dell’autorizzazione, ferma restando l’applicazione a quest’ultimo della minore tra le riduzioni di cui all’articolo 32, sempre che siano applicabili ai servizi svolti.” (2).
2. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentiti il Garante per la protezione dei dati personali e l’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni, sono individuate:
a) le modalita’ e i criteri di attivazione del servizio IT-alert come definito all’articolo 1 comma 1, lettera ee-quinquies), del decreto legislativo n. 259 del 2003, come modificato dal comma 1 del presente articolo, da realizzarsi secondo gli standard internazionali applicabili e per l’erogazione di eventuali contributi per gli investimenti volti al potenziamento e all’innovazione delle reti dei gestori e alla gestione operativa della piattaforma occorrente;
b) le modalita’ e i criteri di attivazione dei messaggi IT-alert come definiti ai sensi dell’articolo 1, comma 1, lettera ee-quater), del decreto legislativo n. 259 del 2003, come modificato dal comma 1 del presente articolo;
c) le modalita’ di definizione dei contenuti dei messaggi IT-alert, tenendo conto degli scenari prevedibili in relazione agli eventi di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, e dell’opportunita’ di attivare misure di autoprotezione dei cittadini ai sensi dell’articolo 1, comma 1, lettera ee-sexies), del decreto legislativo n. 259 del 2003, come modificato dal comma 1 del presente articolo;
d) le modalita’ di gestione della richiesta per l’attivazione dei messaggi IT-alert di cui all’articolo 1, comma 1, lettera ee-quinquies), del decreto legislativo n. 259 del 2003, come modificato dal comma 1 del presente articolo;
e) le modalita’ di autorizzazione della richiesta di attivazione di cui alla lettera d);
f) le modalita’ di invio dei messaggi IT-alert;
g) i criteri e le modalita’ al fine di garantire che l’utilizzo e il trattamento dei dati eventualmente raccolti nell’ambito del funzionamento del sistema IT-alert avvenga nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali e che sia escluso l’utilizzo dei medesimi dati per finalita’ diverse da quelle di cui al presente articolo.
3. In caso di inosservanza delle disposizioni di cui al presente articolo, si applicano le sanzioni previste dall’articolo 98 del decreto legislativo 1º agosto 2003, n. 259.
4. Le disposizioni di cui al presente articolo non devono comportare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica (3).
5. Nelle more del recepimento della direttiva (UE) 2018/1972, del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, ai fini dell’attuazione dell’articolo 1, comma 1044, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, per “apparecchi atti alla ricezione della radiodiffusione sonora” si intendono i ricevitori autoradio venduti singolarmente o integrati in un veicolo nuovo della categoria M e N
nonche’ i ricevitori con sintonizzatore radio che operino nelle bande destinate al servizio di radiodiffusione secondo il Piano nazionale di ripartizione delle frequenze di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 ottobre 2018, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 244 del 19 ottobre 2018 ad esclusione delle apparecchiature utilizzate dai radioamatori, [dei dispositivi di telefonia mobile] e dei prodotti nei quali il ricevitore radio e’ puramente accessorio. Per gli apparati di telefonia mobile e per i veicoli nuovi di categoria N gli obblighi di commercializzazione al consumatore, di cui all’articolo 1, comma 1044, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, decorrono dal 31 dicembre 2020. Per i veicoli nuovi della categoria M sono fatti salvi i veicoli prodotti in data antecedente al 1° gennaio 2020 e messi in circolazione sul mercato fino al 21 dicembre 2020, entro il limite del 10 per cento dei veicoli messi in circolazione nel 2019 per ciascun costruttore (4).
[1] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Lettera modificata dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Comma modificato dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 28 bis
Clausola di salvaguardia (1)
1. Le disposizioni del presente decreto sono applicabili nelle regioni a statuto speciale e nelle province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione, anche con riferimento all’articolo 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3.
[1] Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 29
Norma di copertura
1. Agli oneri derivanti dall’attuazione degli articoli 8, 20 e 25 pari complessivamente a 55 milioni di euro per l’anno 2019, a 84,928 milioni di euro per l’anno 2020, a 89,990 milioni di euro per l’anno 2021 e a 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023, si provvede:
a) quanto a 5 milioni di euro per l’anno 2019 e a 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021, 2022 e 2023, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di conto capitale iscritto, ai fini del bilancio triennale 2019-2021, nell’ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2019, allo scopo, parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al medesimo Ministero;
b) quanto a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020 e a 59,990 milioni di euro per l’anno 2021, mediante corrispondente riduzione del fondo derivante dal riaccertamento dei residui passivi ai sensi dell’articolo 49, comma 2, lettera a), del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, iscritto nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze;
c) quanto a 30 milioni di euro per l’anno 2019 e a 34,928 milioni di euro per l’anno 2020, mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 7-bis del decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 giugno 2013, n. 71, rifinanziata dalla legge 23 dicembre 2014, n. 190;
d) quanto a 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020, mediante corrispondente riduzione, in termini di solo saldo netto da finanziare, delle somme iscritte nella Missione “Politiche economiche-finanziare e di bilancio e di tutela della finanza pubblica”, Programma “Regolazioni contabili, restituzioni e rimborsi di imposte” dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, nei medesimi anni.
1-bis. Agli oneri derivanti dall’attuazione dell’articolo 4-sexies, pari a euro 5 milioni per ciascuno degli anni dal 2019 al 2023, si provvede mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 1091, della legge 27 dicembre 2017, n. 205(1).
2. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
[1] Comma inserito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

Articolo 30
Entrata in vigore
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

ALLEGATO N.Allegato 1

Allegato 1(1)(2)

Comuni colpiti dagli eventi sismici di cui alle delibere del Consiglio dei ministri del 6 settembre 2018 e del 28 dicembre 2018.

Provincia di Campobasso:
1. Acquaviva Collecroce;
2. Campomarino;
3. Castelbottaccio;
4. Castelmauro;
5. Guardialfiera (3);
6. Guglionesi;
7. Larino;
8. Lupara;
9. Montecilfone;
10. Montefalcone del Sannio;
11. Montemitro;
12. Montorio nei Frentani;
13. Morrone del Sannio;
14. Palata;
15. Portocannone;
16. Rotello;
17. San Felice del Molise;
18. San Giacomo degli Schiavoni;
19. San Martino in Pensilis;
20. Santa Croce di Magliano;
21. Tavenna.
Citta’ metropolitana di Catania (4):
1. Aci Bonaccorsi;
2. Aci Catena;
3. Aci Sant’Antonio;
4. Acireale;
5. Milo;
6. Santa Venerina;
7. Trecastagni;
8. Viagrande;
9. Zafferana Etnea.

[1] Denominazione sostituita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Vedi l’articolo 23, comma 1-bis, del D.L. 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55.
[3] Numero sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[4] Numero sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.

ALLEGATO N.Allegato 2
Allegato 2(1)

Comuni colpiti dagli eventi sismici di cui alle delibere del Consiglio dei ministri del 6 settembre 2018 e del 28 dicembre 2018
per i quali si applica l’art. 7, comma 1, lettera i) del presente decreto.

Provincia di Campobasso:
1. Acquaviva Collecroce;
2. Castelmauro;
3. Guardialfiera (2);
4. Montecilfone.
Citta’ metropolitana di Catania (3):
1. Aci Bonaccorsi;
2. Aci Catena;
3. Aci Sant’Antonio;
4. Acireale;
5. Milo;
6. Santa Venerina;
7. Trecastagni;
8. Viagrande;
9. Zafferana Etnea.
[1] Denominazione sostituita dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[2] Numero sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.
[3] Numero sostituito dall’articolo 1, comma 1, della Legge 14 giugno 2019, n. 55, in sede di conversione.