Pedaggi autostradali: tutti gli aumenti del 2013.

600
0.00 / 5 - 0 voti

Sono entrati in vigore il’1 gennaio,puntuali come ogni anno, gli adeguamenti per i pedaggi autostradali 2013 ovvero, piú semplicemente,  i rincari delle tariffe (che a questa tornata registrano una variazione media del +2,91%) approvati dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministro dell’Economia e Finanze. Gli “adeguamenti” delle tariffe, come ricorda la stessa nota ministeriale, “sono concessi in applicazione delle normative vigenti e sono funzionali ad assicurare l’effettiva realizzazione degli investimenti posti a carico di ciascuna società concessionaria e a garantire il mantenimento della rete autostradale in condizioni di efficienza e di sicurezza per gli utenti”.
TUTTI GLI AUMENTI
Asti Cuneo S.p.a.  +7,20%
ATIVA – Autostrada Torino – Ivrea – Valle D’Aosta S.p.A. +0,82%
Autocamionale della Cisa S.p.A. +7,39%Autostrada Brescia – Verona – Vicenza – Padova S.p.A. sospeso
Autostrada dei Fiori S.p.A. +3,70%
Autostrada del Brennero S.p.A. +1,21%
Autostrade Centropadane S.p.A. +5,66%
Autostrade per l’Italia S.p.a. +3,47%
Autovie Venete S.p.A. +12,63%
CAV S.p.A. – Passante Mestre +13,55%
CAV S.p.A.  – Tratte autostradali A4 +13,19%
Consorzio Autostrade Siciliane +0,00%
Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. +1,16%
RAV – Raccordo Autostradale Valle D’Aosta S.p.A. +14,44%
SALT – Autostrada Ligure – Toscana S.p.A. +3,93
SAM – Autostrade Meridionali S.p.A. 0,00
SAT – Autostrada Tirrenica S.p.A sospeso
SATAP S.p.a. A4 sospeso
SATAP S.p.a. A21 sospeso
SAV – Autostrade Valdostane S.p.A. +11,55%
SITAF – barriera di Avigliana +6,65%
SITAF – barriera di Bruere +4,90%
SITAF – barriera di Salbertrand +6,15%
Strada Dei Parchi S.p.a. +7,56%
Tangenziale Napoli S.p.A. +3,59%
Torino-Savona S.p.A. +2,24%

Si segnala che sono stati sospesi gli incrementi tariffari relativi alle concessioni autostradali Brescia-Verona-Vicenza-Padova, SATAP A4 e SATAP A21 e SAT e autorizzati incrementi inferiori a quelli richiesti per Autostrade per l’Italia, ATIVA e Milano – Serravalle. Questa la motivazione ufficiale del Ministero: Tale decisione è stata assunta in via cautelativa, nell’attesa del perfezionamento delle procedure relative ai rispettivi piani economico-finanziari, attualmente in corso di definizione”.

Articoli correlati