Bollo dimezzato per le auto ultraventennali ma solo se di interesse storico

225
5.00 - 1 voto

Bollo dimezzato per le auto ultraventennali ma solo se di interesse storico e collezionistico ed in possesso del certificato di rilevanza storica

Con la Legge di Bilancio 2019 torna una piccola agevolazione sulle autovetture di interesse storico ultraventennali.
In precedenza detti veicoli erano esenti dall’imposta sul possesso poiché equiparati alle auto storiche. Successivamente la Legge di Stabilità del 2015 aveva cancellato le agevolazioni fiscali per i veicoli ultraventennali ed, in particolare, aveva ripristinato il “bollo auto” a tariffa piena per le moto e le automobili con età compresa tra i 20 e i 30 anni senza distinzione alcuna.
A partire dal 2019 viene invece previsto il dimezzamento del bollo per le auto ultraventennali ma solo se di interesse storico e certificate. In particolare il comma 1048 della Legge di Stabilità 2019 prevede che, all’articolo 63 della legge 21 novembre 2000, n. 342, dopo il 1° comma, siano inseriti i seguenti commi:
«1-bis. Gli autoveicoli e motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i venti e i ventinove anni, se in possesso del certificato di rilevanza storica di cui all’articolo 4 del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 17 dicembre 2009, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2010, rilasciato dagli enti di cui al comma 4 dell’articolo 60 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e qualora tale riconoscimento di storicità sia riportato sulla carta di circolazione, sono assoggettati al pagamento della tassa automobilistica con una riduzione pari al 50 per cento.
1-ter. L’onere derivante dal comma 1-bis è valutato in 2,05 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2019 ».
Attenzione quindi, il dimezzamento della tassa di possesso non è automatico al compimento del ventesimo anno dall’immatricolazione del veicolo e non riguarderà tutti i veicoli ultraventennali.
Oltre all’età, è condizione necessaria per usufruire del bollo agevolato anche, l’iscrizione, con relativa consegna del certificato di rilevanza storica (costo 100-150 euro), ai registri Asi, Fmi, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Rivs.
L’iscrizione in uno di questi registri dovrà essere riportata sulla carta di circolazione, previa richiesta di aggiornamento alla Motorizzazione. In caso contrario si continuerà a pagare l’imposta di bollo come tutti, come per un qualunque veicolo.