Il 71% dei cittadini europei domanda un maggiore controllo delle frontiere per arginare la crisi migratoria.

730
4.12 / 5 - 79 voti

Il 71% dei cittadini europei domanda un maggior controllo delle frontiere per arginare la crisi migratoria. La crisi migratoria ha evidenziato che non si può avere uno spazio Schengen di libera circolazione senza forti frontiere esterne.
Stando al più recente sondaggio Eurobarometro, il 71% degli europei vuole che l’UE faccia di più per proteggere tali frontiere. Il Parlamento è impegnato in una serie di iniziative per rafforzare questi controlli.

Il sondaggio
Il sondaggio è stato effettuato tra il 9 e il 18 aprile 2016 intervistando 27 969 cittadini di tutti i paesi dell’UE. Il campione è stato scelto in maniera tale da essere rappresentativo dell’insieme della popolazione.
A livello di Unione gli intervistati che dichiarano di volere più protezione delle frontiere esterne da parte dell’UE sono il 71%, rispetto al 67% in Irlanda e al 67% nel Regno Unito.
Quanto agli altri maggiori paesi europei in Italia la percentuale di coloro che richiedono maggior protezione si attesta al 78%, in Francia al 75% ed in Spagna al 72%.

Iniziative del Parlamento Europeo
Il 6 luglio i deputati al PE hanno approvato dei piani per istituire un sistema di controllo delle frontiere dell’UE, riunendo l’agenzia per le frontiere dell’Unione Frontex e le autorità nazionali di gestione delle frontiere. Le autorità nazionali continueranno a gestire i propri confini su base corrente potendo però ricorrere, qualora le loro frontiere esterne dell’UE si trovassero sotto pressione, all’aiuto dell’Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera, per dispiegare rapidamente lungo tali frontiere squadre europee di guardie di frontiera. La proposta, una volta approvata dal Consiglio, potrebbe entrare in vigore il prossimo autunno.
Inoltre il Parlamento sta discutendo con il Consiglio per far sì che recarsi all’estero a fini terroristici costituisca reato in tutti i paesi dell’UE. Ciò includerebbe attività come impartire o ricevere formazione, incitare al terrorismo e finanziare attività terroristiche.
Il Parlamento ha altresì negoziato con il Consiglio una proposta volta a far sì che i dettagli di tutti i cittadini dell’UE siano raffrontati ai dati contenuti nelle banche dati relative a documenti smarriti o rubati alle frontiere esterne aeree, marittime e terrestri.

Qui i risultati completi del sondaggio: http://www.europarl.europa.eu/external/html/eurobarometer-062016/default_en.htm#borders

Articolo tratto da: Parlamento Europeo