Scade il 31 gennaio 2014 il termine per la prima comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci.

891
0.00 / 5 - 0 voti

Il termine per la trasmissione all’Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai beni dell’impresa concessi in godimento a soci o familiari ai sensi dell’articolo 2, comma 36-sexiesdecies, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, riceve ulteriori proroghe. Già posticipato al 31 marzo 2013 è stato ulteriormente prorogato al 15 ottobre 2013 ed ora al 31 gennaio 2014.

Sono validi gli invii effettuati entro il prossimo 31 gennaio 2014 della comunicazione all’Anagrafe tributaria delle informazioni relative ai beni d’impresa concessi in godimento ai soci o ai familiari dell’imprenditore e ai finanziamenti all’impresa o alle capitalizzazioni da parte di soci o familiari dell’imprenditore che hanno un valore complessivo pari o superiore ai 3.600 euro. Entro lo stesso termine si potranno inviare anche gli eventuali file che annullano o sostituiscono i precedenti invii.

Se il primo slittamento della scadenza venne previsto dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate al fine di disporre di un più ampio termine per la prima comunicazione dei dati, fissato al 15 ottobre 2013, tenuto conto delle particolari difficoltà di attuazione e della assoluta novità della misura, le ulteriori dilazioni nascono dall’esigenza di valutare le proposte di semplificazione avanzate dalle associazioni di categoria, con particolare riferimento al tipo di informazioni da comunicare e alle relative modalità di trasmissione.

Articolo tratto da: Agenzia delle Entrate

Articoli correlati