Etichettatura dei materiali delle calzature e composizione delle fibre tessili, nuova disciplina sanzionatoria

Etichettatura dei materiali delle calzature e composizione delle fibre tessili, nuova disciplina sanzionatoria

Riferimenti

Etichettatura dei materiali utilizzati nelle calzature, denominazioni delle fibre tessili e contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili: introdotta una nuova disciplina sanzionatoria in attuazione della normativa europea.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo che, in attuazione della “legge di delegazione europea 2014” (legge 9 luglio 2015, n. 114), introduce nell’ordinamento nazionale una nuova disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui alla direttiva 94/11/CE, concernente l’etichettatura dei materiali usati nelle principali componenti delle calzature destinate alla vendita al consumatore, e al regolamento (UE) n. 1007/2011, relativo alle denominazioni delle fibre tessili e all’etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili.
Il decreto procede al riordino dell’apparato sanzionatorio nel settore tessile per dare certezza della sanzione sia agli operatori che ai controllori, prevedendo anche disposizioni relative alle sanzioni amministrative nel settore delle calzature.
In particolare, vengono previste sanzioni che vanno dai 200 euro, nel caso di informazione non corretta al consumatore finale sui simboli adottati in etichetta per le calzature, fino, nei casi più gravi come la non corretta etichettatura delle calzature e dei prodotti tessili, a 20.000 euro e al ritiro dal commercio dei prodotti già in vendita.
Il testo ha ricevuto il parere favorevole della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano e tiene conto, inoltre, dei pareri espressi dalle competenti Commissioni parlamentari.

Chiedi una consulenza legale su questo argomento

Articolo tratto da: Sito del Governo Italiano