Imposta di bollo per il rilascio del certificato di proprietà del veicolo senza annotazione fermo amministrativo

326
5.00 / 5 - 1 voto
 Imposta di bollo per il rilascio del certificato di proprietà del veicolo senza annotazione fermo amministrativo

Imposta di bollo per il rilascio del certificato di proprietà del veicolo privo dell’annotazione del fermo amministrativo precedentemente subito.

RISOLUZIONE N. 462/E

La questione rappresentata dall’interpellante concerne l’assoggettabilità all’imposta di bollo del rilascio, ex novo, del certificato di proprietà dell’autoveicolo privo dell’annotazione del fermo amministrativo che lo stesso veicolo ha precedentemente subito.
Al riguardo si osserva che ai fini dell’imposta di bollo l’articolo 4 della tariffa allegata al DPR 26 ottobre 1972, n. 642, prevede l’applicazione dell’imposta di bollo fin dall’origine, nella misura di euro 14,62 per ogni foglio, per gli “Atti e provvedimenti (…) degli enti pubblici in relazione alla tenuta di pubblici registri, rilasciati anche in estratto o in copia dichiarata conforme all’originale a coloro che ne abbiano fatto richiesta …”.
Atteso ciò si osserva che, ai sensi del richiamato articolo 4, il rilascio del certificato di proprietà senza l’annotazione del fermo amministrativo costituisce un documento rilasciato in “originale”, ed in quanto tale soggetto fin dall’origine all’imposta di bollo nella misura di euro 14,62 per ogni foglio.
Parimenti, ai sensi dell’articolo 3 della richiamata tariffa, è soggetta fin dall’origine all’imposta di bollo nella misura di euro 14,62 per ogni foglio anche la richiesta volta ad ottenere il rilascio del certificato di proprietà senza l’annotazione del fermo amministrativo.
Per completezza di trattazione si osserva che anche qualora il documento in esame fosse considerato un “duplicato” del precedente certificato di proprietà, troverebbe comunque applicazione la disposizione recata dal predetto articolo 4, posto che in base alla nota 2 in calce allo stesso articolo sono esenti dall’imposta di bollo unicamente “i duplicati di atti e documenti rilasciati dalla pubblica amministrazione quando gli originali sono andati smarriti o l’intestatario ne ha perduto il possesso …”.
Pertanto, nel ribadire che la fattispecie rappresentata con l’interpello in esame non rientra nella casistica delineata dalla predetta disposizione esentativa, si conclude precisando che il certificato di proprietà rilasciato privo dell’annotazione del fermo amministrativo è soggetto all’imposta di bollo.

Articolo tratto da: Agenzia delle Entrate