Indennità di trasferta degli ufficiali giudiziari 2020

695
4.79 / 5 - 79 voti
 Indennità di trasferta degli ufficiali giudiziari 2020

Aggiornamento delle indennità di trasferta ufficiali giudiziari in relazione alla variazione dell’indice Istat FOI

Con decreto del Ministero della Giustizia del 19 ottobre 2019 (in Gazz. Uff. n. 254 del 29 ottobre 2019) è stata disposta la variazione della misura dell’indennità di trasferta spettante agli ufficiali giudiziari.
L’art. 20, punto 3 del decreto del Presidente della Repubblica del 30 maggio 2002, n. 115, relativo al testo unico delle discipline legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia prevede infatti che, con cadenza triennale, si provveda all’adeguamento dell’indennità di trasferta degli ufficiali giudiziari, in base alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e di impiegati, accertata dall’Istituto nazionale di statistica.
Considerato che l’adeguamento previsto dal succitato art. 20 del DPR 115/2002, nel triennio 1° luglio 2016-30 giugno 2019, è pari a +2,7%, con il citato decreto ministeriale le indennità di trasferta degli ufficiali giudiziari sono state rideterminate come a seguire:

1. L’indennità di trasferta dovuta all’ufficiale giudiziario per il viaggio di andata e ritorno è stabilita nella seguente misura:

  • a) fino a 6 chilometri € 2,31;
  • b) fino a 12 chilometri € 4,19;
  • c) fino a 18 chilometri € 5,80;
  • d) oltre i 18 chilometri, per ogni percorso di 6 chilometri o frazione superiore a 3 chilometri di percorso successivo, nella misura di cui alla lett. c), aumentata di € 1,22.

2. L’indennità di trasferta dovuta all’ufficiale giudiziario, per il viaggio di andata e ritorno per ogni atto in materia penale, compresa la maggiorazione per l’urgenza è così corrisposta:

  • a) fino a 10 chilometri € 0,60;
  • b) oltre i 10 chilometri fino a 20 chilometri € 1,54;
  • c) oltre i 20 chilometri € 2,31.

Articolo 20 DPR 15/2002
Indennità di trasferta.
L’indennità di trasferta, che rimborsa ogni spesa, spetta per gli atti compiuti fuori dall’edificio in cui ha sede l’ufficiale giudiziario.
L’indennità di trasferta non è dovuta in caso di spedizione dell’atto.
L’importo dell’indennità di trasferta di cui agli articoli 26 e 35 è adeguato annualmente, in relazione alla variazione, accertata dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT), dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nel triennio precedente, con decreto dirigenziale del Ministero della giustizia, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze.