IVASS Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni. Dal primo gennaio prende il posto dell’Isvap.

765
0.00 / 5 - 0 voti

Dal 1 gennaio 2013 l’IVASS – Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, con sede legale in Roma, è succeduto in tutti i poteri, funzioni e competenze dell’ISVAP. L’IVASS ha personalità giuridica di diritto pubblico ed i componenti dei suoi organi operano con piena autonomia e indipendenza e non sono sottoposti alle direttive di altri soggetti pubblici o privati.
L’istituzione dell’IVASS, ai sensi dell’art. 13 del decreto legge 6 luglio 2012 n. 95 (Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini) convertito con legge 7 agosto 2012 n. 135, mira ad assicurare la piena integrazione dell’attività di vigilanza assicurativa attraverso un più stretto collegamento con quella bancaria.
L’IVASS è presieduto dal Direttore Generale della Banca d’Italia ed opera sulla base di principi di autonomia organizzativa, finanziaria e contabile, oltre che di trasparenza ed economicità, per garantire la stabilità e il buon funzionamento del sistema assicurativo e la tutela dei consumatori.
Resta, in ogni caso, ferma la disciplina in materia di poteri di vigilanza regolamentare, informativa, ispettiva e sanzionatori esercitati dalla Consob sui soggetti abilitati e sulle imprese di assicurazione nonché sui prodotti di cui all’articolo 1, comma 1, lettera w-bis, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e relativa disciplina regolamentare di attuazione.
Secondo lo statuto, organi dell’IVASS sono: il Presidente (che è il Direttore Generale della Banca d’Italia); il Consiglio, che si compone del Presidente e di due Consiglieri; il Direttorio integrato, che è costituito dal Governatore della Banca d’Italia, che lo presiede, dagli altri membri del Direttorio della Banca e dai due Consiglieri.
Al Consiglio spetta l’amministrazione generale dell’IVASS. In particolare il Consiglio:
– adotta il regolamento organizzativo dell’IVASS;
– delibera in ordine al trattamento normativo ed economico del personale dipendente dell’Istituto e adotta il relativo regolamento;
– adotta i provvedimenti di nomina, assegnazione, promozione e cessazione dal servizio dei dipendenti;
– conferisce gli incarichi di livello dirigenziale;
– approva gli accordi stipulati con le organizzazioni sindacali;
– provvede alla gestione dei contributi dei soggetti vigilati;
– esamina ed approva il bilancio;
– esercita le ulteriori competenze indicate dallo Statuto e delibera sulle questioni che il Direttorio integrato eventualmente ritenga di sottoporgli.

Articoli correlati