Rapporto trimestrale Istat sul mercato del lavoro

365
4.12 / 5 - 79 voti
 Rapporto trimestrale Istat sul mercato del lavoro

Rapporto trimestrale Istat sul mercato del lavoro. Situazione al secondo trimestre 2018

Il secondo trimestre 2018 si caratterizza per un deciso aumento dell’occupazione rispetto al trimestreprecedente, in un contesto di diminuzione della disoccupazione e dell’inattività. Queste dinamiche congiunturali del mercato del lavoro si inseriscono in una fase di lieve decelerazione della crescita del Pil (+0,2% in termini congiunturali e +1,2% su base annua) rispetto al ritmo registrato nei due trimestri precedenti. La crescitaeconomica è in Italia più lenta di quella dell’economia dei paesi dell’area Euro, cresciuta dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e del 2,2% nel confronto con il secondo trimestre del 2017. In Italia la crescita economica è associata a un aumento relativamente elevato dell’input di lavoro, che aumenta in misura più intensa rispetto al prodotto sia su base congiunturale (+0,7%) sia in termini tendenziali (+1,5%).
Dal lato dell’offerta di lavoro, nel secondo trimestre del 2018 l’occupazione cresce a ritmi sostenuti rispetto al trimestre precedente (+203 mila, +0,9 punti) a seguito dell’ulteriore aumento dei dipendenti a termine, della stabilità dei lavoratori a tempo indeterminato e della ripresa degli indipendenti. Il tasso di occupazione aumenta di 0,5 punti, portandosi al 58,7%. Nei dati mensili più recenti (luglio 2018), al netto della stagionalità, il numero di occupati mostra una lieve flessione rispetto a giugno 2018 (-0,1%) e il tasso di occupazione rimane stabile.
L’andamento tendenziale mostra una crescita di 387 mila occupati (+1,7% in un anno), concentrata tra i dipendenti a termine a fronte del calo di quelli a tempo indeterminato (+390 mila e -33 mila, rispettivamente) e della crescita degli indipendenti (+30 mila). Nel secondo trimestre del 2018 l’incidenza dei lavoratori dipendentia termine sul totale dei dipendenti raggiunge il 17%. Persiste da quindici trimestri l’incremento degli occupati a tempo pieno; tornano ad aumentare i lavoratori a tempo parziale, esclusivamente nella componente involontaria, la cui incidenza sale al 63,7% (+3,1 punti) dei lavoratori a tempo parziale e all’11,9% del totale degli occupati (+0,6 punti).
Nel secondo trimestre 2018 prosegue la crescita dell’occupazione e del relativo tasso per i giovani di 15-34 anni, verificata a livello sia congiunturale sia tendenziale. L’aumento dell’occupazione, benché diffuso per genere e ripartizione, è più intenso per le donne e nelle regioni del Centro e del Mezzogiorno.
Il tasso di disoccupazione diminuisce sia rispetto al trimestre precedente sia in confronto a un anno prima, così come quello di inattività. Nei dati mensili di luglio 2018, in termini congiunturali, la diminuzione del tasso di disoccupazione si associa all’aumento di quello di inattività.
Nel confronto tendenziale, per il quinto trimestre consecutivo prosegue – seppure con minore intensità – la diminuzione dei disoccupati (-34 mila in un anno, -1,2%) che riguarda soltanto il Mezzogiorno, interessa entrambi i generi e gli individui fino a 49 anni. La forte riduzione tendenziale degli inattivi di 15-64 anni (-394 mila, -2,9%) è invece diffusa per genere, territorio e classe di età.
Nei dati di flusso aumentano gli ingressi nell’occupazione sia dalla disoccupazione sia dall’inattività; l’incremento coinvolge soprattutto gli uomini, i giovani di 25-34 anni, gli individui con elevato livello di istruzione e i residenti nel Nord.
Dal lato delle imprese, prosegue la crescita congiunturale della domanda di lavoro, con un aumento delle posizioni lavorative dipendenti dello 0,4% sul trimestre precedente e del 2,5% su base annua, sintesi dellacrescita sia dell’industria sia dei servizi. L’aumento delle posizioni lavorative è tuttavia associato a unadiminuzione delle ore lavorate per dipendente dello 0,2% su base congiunturale e dello 0,4% su base annua. Continua, inoltre, la flessione del ricorso alla cassa integrazione. Il tasso dei posti vacanti, aumenta sia su base congiunturale sia su base annua, rispettivamente di 0,1 e 0,2 punti percentuali. Il costo del lavoro cresce dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e del 2,5% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, sintesi di un aumento più sostenuto degli oneri sociali (+1,5% su base congiunturale e +4,3% su base annua) rispetto a quello delle retribuzioni (+0,4% su base congiunturale e +1,9% su base annua).

Principali risultati (secondo trimestre 2018)

Nel secondo trimestre 2018 la dinamica congiunturale del mercato del lavoro presenta un rilevante aumento dell’occupazione, a cui si associa la diminuzione della disoccupazione edell’inattività. L’input di lavoro utilizzato complessivamente dal sistema economico (espresso dalleore lavorate di Contabilità Nazionale) registra un aumento dello 0,7% su base congiunturale e un aumento dell’1,5% in termini tendenziali.
Gli occupati stimati dalla Rilevazione sulle forze di lavoro, pari a 23 milioni 318 mila persone al netto degli effetti stagionali, sono in aumento rispetto al trimestre precedente (+203 mila; +0,9 punti); la crescita è maggiore nel Centro e nel Mezzogiorno (+1,1% in entrambi i casi) in confronto al Nord (+0,7%).
Il tasso di occupazione giunge al 58,7% (+0,5 punti), con l’aumento che riguarda entrambi i generi e tutte le classi di età.
La crescita congiunturale del numero di occupati è il risultato di un ulteriore incremento dei dipendenti a tempo determinato (+107 mila, 3,6%) – a fronte della sostanziale stabilità del tempo indeterminato (+7 mila) – e del consistente aumento degli indipendenti (+89 mila, +1,7%), dopo cinque trimestri di calo.
Il tasso di disoccupazione diminuisce in termini congiunturali per il terzo trimestre consecutivo portandosi al 10,7% (-0,2 punti). Il tasso di inattività scende al 34,1% (-0,4 punti) in tre mesi.
Nelle imprese dell’industria e dei servizi le posizioni lavorative dipendenti sono aumentate dello 0,4% su base congiunturale e del 2,5% su base annua; il monte ore lavorate è cresciuto dello0,8% rispetto al trimestre precedente e del 3,4% rispetto allo stesso trimestre dell’annoprecedente. Le ore lavorate per posizione dipendente sono diminuite dello 0,2% su base congiunturale e dello 0,4% su base annua. Contemporaneamente le ore di cassa integrazione (Cig) sono scese da 6,7 a 6,3 per mille ore lavorate. Le posizioni in somministrazione registrano un rallentamento nella crescita in termini congiunturali, con una variazione negativa dell’1,2%,mentre su base annua aumentano del 14,2%.
Il tasso di posti vacanti nelle imprese con almeno 10 dipendenti aumenta sia rispetto al trimestre precedente sia su base annua, rispettivamente di 0,1 e 0,2 punti percentuali.
L’indice destagionalizzato del costo del lavoro per Unità di lavoro dipendente (Ula) aumenta in termini congiunturali dello 0,7%, sintesi di un aumento dello 0,4% per le retribuzioni e dell’1,5%per gli oneri. Su base annua si osserva per il costo del lavoro un aumento del 2,5%, qualerisultato di una crescita positiva dell’1,9% per le retribuzioni e del 4,3% per gli oneri.

Articolo tratto da: ISTAT - Istituto nazionale di statistica