Quando l’omessa indicazione del nome di una parte determina la nullità della sentenza?

392
4.12 - 0 voti
 Quando l’omessa indicazione del nome di una parte determina la nullità della sentenza?

«L’omessa indicazione, nell’intestazione della sentenza, del nome di una delle parti determina la nullità della sentenza stessa solo in quanto riveli che il contraddittorio non si è regolarmente costituito a norma dell’art. 101 c.p.c., o generi incertezza circa i soggetti ai quali la decisione si riferisce, e non anche se dal contesto della sentenza risulti con sufficiente chiarezza la loro identificazione, dovendosi, in tal caso, considerare l’omissione come un mero errore materiale, che può essere corretto con la procedura prevista dagli artt. 287 e 288 c.p.c. (v. ex pluribus, Cass. nn. 5660/15, 4796106, 16438/03 e 5850102».