Prestito a tasso zero per i giovani avvocati iscritti alla Cassa Forense

1084
4.12 / 5 - 79 voti
 Prestito a tasso zero per i giovani avvocati iscritti alla Cassa Forense

Cassa Forense, nell’ambito delle prestazioni a sostegno della professione previste nel Nuovo Regolamento per l’erogazione dell’assistenza, ha indetto, per l’anno 2017, un bando per l’erogazione di prestiti, per un importo da € 5.000,00 ad € 15.000,00 con rimborsabilità fino a 5 anni, in favore dei giovani avvocati infratrentacinquenni, iscritti alla Cassa.
Tale iniziativa è volta a facilitare l’accesso dei giovani avvocati, nei primi anni di esercizio dell’attività professionale, al mercato del credito, al fine di poter far fronte alle spese di avviamento dello studio professionale.
Fermo restando che la delibera di ammissione è demandata all’insindacabile giudizio della Banca Popolare di Sondrio, l’intervento dell’Ente consiste nell’abbattimento al 100% degli interessi passivi, che verranno versati dalla Cassa all’Istituto di credito.
L’Ente fornirà, inoltre, per gli iscritti con reddito professionale inferiore ad € 10.000,00, apposita garanzia fidejussoria per l’accesso al credito stesso, fino ad esaurimento dell’importo a tal fine stanziato pari ad € 2.000.000,00.
La richiesta di prestito deve essere inoltrata, a pena di inammissibilità, esclusivamente on-line tramite l’apposito accesso riservato presente sul sito internet della Cassa (www.cassaforense.it) entro il 31 ottobre 2017, salvo chiusura anticipata in caso di esaurimento dei fondi (€ 10.000.000,00).
Sarà cura dell’Ente, verificato il possesso dei requisiti minimi previsti dal bando, trasmettere le istanze alla Banca Popolare di Sondrio per l’ulteriore istruttoria di competenza. Le richieste verranno evase in ordine di data di presentazione della domanda e fino ad esaurimento del fondo stanziato per l’anno 2017.

BANDO DI CONCORSO SERVIZIO DI PRESTITI AGLI ISCRITTI
Premessa

Cassa Forense, nell’ambito delle prestazioni a sostegno della professione previste nel Nuovo Regolamento per l’erogazione dell’assistenza, in vigore dal 1° gennaio 2016, ha avviato una iniziativa in favore dei giovani avvocati infratrentacinquenni, iscritti alla Cassa, che permetta loro, nei primi anni di esercizio dell’attività professionale, di accedere al mercato del credito, beneficiando dell’intervento da parte dell’Ente per l’abbattimento al 100% degli interessi passivi e per gli aspetti legati alla garanzia per l’accesso al credito. Il servizio di prestiti in favore degli iscritti, di durata biennale (1/12/2016 – 30/11/2018), è stato affidato, all’esito della procedura negoziata ai sensi dell’art. 57 D.Lgs. 163/2006, oggi art. 63 D.Lgs. 50/2016, a Banca Popolare di Sondrio (delibera del Consiglio di Amministrazione del 5/7/2016).

Art.1 Oggetto
La Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense, ai sensi dell’art. 14, lett. a4) del Regolamento per l’erogazione dell’assistenza, indice, come da delibera adottata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 7/3/2017, un bando per l’erogazione di prestiti agli iscritti alla Cassa riguardante agevolazioni per l’accesso al credito, tramite interventi per l’abbattimento degli interessi su finanziamenti finalizzati all’allestimento ed al potenziamento dello studio legale. Il servizio, affidato a Banca Popolare di Sondrio, prevede la possibilità per i richiedenti, entro il plafond di cui al successivo art. 4, di beneficiare di un abbattimento al 100% degli interessi passivi relativi al prestito stesso che verranno versati dalla Cassa all’Istituto di credito e della garanzia fidejussoria prestata dall’Ente per coloro che abbiano dichiarato un reddito professionale inferiore ad € 10.000,00. L’importo erogabile in conto capitale agli iscritti da parte della Banca non potrà superare complessivamente il limite di € 10.000.000,00 annuo.

Art.2 Beneficiari
Hanno titolo per beneficiare dell’iniziativa gli iscritti alla Cassa, esclusi i praticanti, che non abbiano compiuto il 35° anno di età alla data di presentazione della domanda.

Art.3 Requisiti di ammissione
Per l’ammissione al bando il richiedente:
– deve essere in regola con le prescritte comunicazioni reddituali alla Cassa (modelli 5);
– deve aver dichiarato, nell’ultimo Modello 5, un reddito professionale non superiore ad €
40.000,00;
– non deve aver compiuto il 35° anno di età alla data di presentazione della domanda;
– deve essere iscritto alla Cassa da almeno due anni, compresi eventuali periodi di
praticantato.
Il contributo sugli interessi è previsto esclusivamente in regime di iscrizione a Cassa Forense; qualora, pertanto, per qualsiasi ragione, intervenga la cancellazione dalla Cassa il contributo viene meno ed il professionista dovrà provvedere al pagamento integrale degli interessi derivanti dal prestito ottenuto a decorrere dalla prima rata non ancora corrisposta o all’immediato rimborso del credito residuo.

Art.4 Importo erogabile e caratteristiche del prestito
L’intervento della Cassa per i prestiti erogati sulla base del presente bando consiste, fino ad esaurimento del fondo stanziato di seguito indicato, nell’abbattimento del 100% degli interessi passivi in favore di tutti gli iscritti alla Cassa e nella garanzia fidejussoria limitatamente ai professionisti con reddito dichiarato nell’ultimo Modello 5 inferiore ad € 10.000,00.
Le caratteristiche del prestito sono:
– un tasso nominale annuo fisso pari all’IRS lettera di periodo corrispondente alla durata
del prestito concesso (ovvero uno, due, tre, quattro e cinque anni) maggiorato di uno
spread pari al 3,25%;
– un limite minimo di capitale concesso in prestito pari ad € 5.000,00 ed un massimo pari
ad € 15.000,00 per iscritto;
– una durata di 12, 24, 36, 48 o 60 mesi;
– la periodicità rata mensile;
– spese di istruttoria una tantum pari ad € 40,00 a carico del richiedente;
– spese di incasso rata pari ad € 1,75 per ogni rata a carico del richiedente;
– estinzione anticipata possibile in qualsiasi momento senza l’applicazione di alcuna penale;
– delibera a insindacabile giudizio di Banca Popolare di Sondrio;
– oneri fiscali, all’atto dell’erogazione sarà trattenuta, in ottemperanza al DPR 601/73,
l’imposta sostitutiva pari allo 0,25% del capitale erogato.
Per l’attuazione di quanto stabilito nel presente bando è stato previsto uno stanziamento annuo da parte della Cassa, pari, per l’anno 2017, ad € 1.500.000,00 per il pagamento degli interessi passivi relativi all’intera durata del prestito.

Art.5 Domanda – Termini e modalità di invio
La richiesta di prestito, deve essere inviata entro il 31/10/2017, a pena di inammissibilità, alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense esclusivamente tramite l’apposita procedura on line attivata sul sito internet della Cassa ( www.cassaforense.it ). Non sono ammesse domande presentate con modalità e /o canali diversi.
Unitamente alla domanda il richiedente dovrà produrre, sempre con modalità telematica, una autocertificazione in cui vengano indicate le finalità del prestito come evidenziate nella premessa del Bando.
Cassa Forense, comunque, si riserva di verificare, anche a posteriori, la veridicità delle dichiarazioni presentate.
Le richieste verranno evase in ordine di data di presentazione della domanda e fino ad esaurimento dei fondi stanziati per ciascun anno solare.

Art.6 Disposizioni finali
I richiedenti ammessi all’iniziativa dovranno sottoscrivere, a pena di decadenza, il relativo contratto di prestito con Banca Popolare di Sondrio entro i 60 giorni successivi alla comunicazione di ammissione al beneficio di cui al presente bando.