RC auto familiare 2020

94
5.00 / 5 - 1 voto
 RC auto familiare 2020

RC Auto familiare:  classe di merito più vantaggiosa nell’ambito dello stesso nucleo famigliare anche in caso di rinnovo e per tutti i veicoli anche non della stessa tipologia.

RC Auto: dal 16 febbraio 2020 si potrà beneficiare della classe di merito più vantaggiosa nell’ambito dello stesso nucleo famigliare anche in caso di rinnovo della polizza e per tutti i veicoli anche non della stessa tipologia. È quanto previsto dal decreto fiscale 2020 (DL 124/2019), ora convertito in legge, e che estende i vantaggi della legge Bersani in fatto di Rc auto con l’introduzione della nuova Rc auto familiare (Bonus Malus familiare).

Ora quando si assicura per la prima volta un veicolo sia nuovo che usato, oppure in caso di rinnovo di un contratto assicurativo già esistente, l’Rc auto familiare permette ai componenti di una stessa famiglia, purché conviventi, di acquisire la migliore classe di merito maturata per un altro veicolo di proprietà di un membro della famiglia stessa.
Rispetto alla normativa previgente le disposizioni sono valide anche in caso di rinnovo di un vecchio contratto, purché non si siano causati sinistri (anche con responsabilità paritaria) negli ultimi cinque anni e anche in caso di tipologie diverse di veicolo.

Il comma 4-bis dell’art. 134 del Codice della assicurazioni, nel testo modificato dall’articolo 55-bis, comma 1, del D.L. 26 ottobre 2019, n. 124 prevede infatti quanto segue:
«L’impresa di assicurazione, in tutti i casi di stipulazione di un nuovo contratto e in tutti i casi di rinnovo di contratti già stipulati, purché in assenza di sinistri con responsabilità esclusiva o principale o paritaria negli ultimi cinque anni, sulla base delle risultanze dell’attestato di rischio, relativi a un ulteriore veicolo , anche di diversa tipologia, acquistato dalla persona fisica già titolare di polizza assicurativa o da un componente stabilmente convivente del suo nucleo familiare, non può assegnare al contratto una classe di merito più sfavorevole rispetto a quella risultante dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato e non può discriminare in funzione della durata del rapporto garantendo, nell’ambito della classe di merito, le condizioni di premio assegnate agli assicurati aventi le stesse caratteristiche di rischio del soggetto che stipula il nuovo contratto».

Normalmente, quando si stipula un nuovo contratto di assicurazione, la classe d’ingresso standard assegnata è la CU 14 e questo corrisponde anche a un premio più elevato mentre è ora possibile acquisire la miglior classe di merito attribuita ad un famigliare convivente, anche se relativa a veicoli di tipologia diversa (ad esempio auto e moto).
In sintesi questi i vantaggi apportati dalle modifiche introdotte dal decreto fiscale:
Ora si può usufruire della classe più favorevole anche in caso di rinnovo della polizza, purché in assenza di sinistri con responsabilità esclusiva, principale o paritaria negli ultimi cinque anni;
Il veicolo assicurato non deve più essere della stessa tipologia di quello di cui intende utilizzare l’attestato di rischio ed ereditare la classe di merito.